La guerra di Vladimir Putin ha messo un freno alla ripresa dell’Ue

In una serie di cupe previsioni, l’Unione Europea ha avvertito che la guerra di Vladimir Putin smorzerà la ripresa dell’Europa poiché l’aumento dei prezzi dell’energia minaccia di fermare l’economia.

La Commissione europea ha affermato che la guerra in Ucraina sta “mettendo alla prova la resilienza economica dell’Unione europea” poiché le famiglie sono colpite da aumenti dei prezzi.

Bruxelles si aspettava che il tasso di crescita della regione si dimezzasse quest’anno poiché ha tagliato le sue previsioni economiche e ha avvertito di un calo del PIL tedesco.

La pressione sulle famiglie a causa delle bollette energetiche elevate ridurrà la crescita del PIL dell’eurozona dal 5,4% dell’anno scorso al 2,7% nel 2022, un declassamento dall’espansione del 4% prevista poco prima della guerra che ha scosso l’Europa.

Nelle sue previsioni di primavera, la Commissione prevedeva che la crescita dell’eurozona nel 2022 sarebbe rallentata fino ad appena lo 0,2 per cento e che l’inflazione potrebbe superare il 9 per cento se le forniture di gas russe fossero state improvvisamente interrotte.

Bruxelles attualmente prevede che l’inflazione raggiungerà il 6,1% quest’anno prima di scendere al 2,7% nel 2023 con l’aumento delle bollette energetiche e alimentari.

Il commissario all’Economia Paolo Gentiloni ha affermato che il conflitto ha “chiaramente esacerbato i venti contrari” dell’eurozona, descrivendo la nuova previsione come “una delle riduzioni più marcate tra le aspettative degli ultimi anni”.

“La guerra ha creato notevole incertezza e gravemente colpito la fiducia delle famiglie e delle imprese in un momento in cui la maggior parte dei paesi dell’UE si stava riprendendo dal colpo della pandemia”, ha aggiunto.

READ  Lo stallo politico in Francia è un pericolo per l'Europa

Anche il tasso di crescita previsto per quest’anno è soddisfatto dell'”effetto delocalizzazione”, ha affermato Gentiloni. La debole prima metà del 2021 ha aiutato la crescita annuale nel 2022, ma la “crescita durante l’anno” è stata ridotta dal 2,1% allo 0,8%, indicando uno slancio molto più lento.

Tra le “quattro grandi economie” dell’Eurozona, la crescita dovrebbe essere più debole in Germania con un PIL più basso previsto nel secondo trimestre.

La produzione tedesca aumenterà dell’1,6% quest’anno, mentre la crescita rallenterà al 3,1% in Francia e al 2,4% in Italia. La Spagna dovrebbe mantenere una solida crescita al 4% poiché la sua economia è sostenuta da un rimbalzo del turismo.

È arrivato quando i blocchi in Cina hanno causato un calo della produzione industriale e della spesa dei consumatori per aumentare la pressione sulla strategia Zero Covid di Pechino.

Le vendite al dettaglio sono diminuite dell’11% su base annua ad aprile, mentre la produzione industriale è scesa inaspettatamente del 3% nella peggiore serie di numeri dal primo colpo di Covid. La disoccupazione è salita al 6,1% ad aprile, livelli visti per l’ultima volta all’inizio della pandemia.

I numeri indicano che la seconda economia più grande del mondo subirà una contrazione nel secondo trimestre a causa dei rigidi blocchi imposti in alcune delle sue città più grandi, ha affermato Iris Pang, economista cinese di ING.

Ha detto: “Ciò che ci preoccupa è se la Cina imporrà blocchi altrove, ad esempio a Pechino. La domanda principale per noi è quanto dureranno i blocchi futuri. Quale città deve sopportare un blocco di un mese il cui PIL sarà se anno -contrazione annuale per quel mese.

READ  Analisi: per alcuni paesi europei, l'aumento del costo del debito fa rivivere i ricordi della crisi del 2011
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Dorit Kemsley dice che Lisa Vanderpump non ha comunicato con lei dopo l’invasione domestica; Lisa Vanderpump risponde con le mani
Next Post D-Arching: McDonald’s lascia il Paese per vendere affari in Russia