La forma della Grande Macchia Rossa di Giove è cambiata e i venti si sono alzati all’esterno negli ultimi dieci anni

Quando esploderanno le tempeste, non diventerà molto più grande della furiosa Grande Macchia Rossa sulla superficie di Giove.

Le nuvole infuriate della più grande tempesta del sistema solare potrebbero inghiottire l’intera Terra.

I venti che vorticano intorno al bordo esterno sono circa il doppio dell’intensità di un uragano di categoria 5.

Negli ultimi dieci anni, questi venti hanno iniziato a salire, secondo una nuova ricerca pubblicata su Giornale di ricerca geofisica.

Il punto cambia forma.

“La forma del sigaro è diventata sempre più rotonda”, ha affermato l’autore principale dello studio, l’astrofisico Mike Wong dell’Università della California, Berkeley.

Scarica

Cambio punto acquirente

Gli strani comportamenti dei sistemi meteorologici di Giove hanno incuriosito scienziati e astronomi dilettanti per almeno 150 anni.

“Adoro il fatto che le tempeste di Giove cambino continuamente”, ha detto l’astronomo dilettante Andy Casely, che fotografa il pianeta gigante dal suo cortile a Sydney.

“Le piace davvero il tempo in ogni senso della parola.

“Tutte le tempeste si muovono l’una rispetto all’altra e ne appariranno di nuove e le cinture cambieranno di mese in mese e di anno in anno”.

Sebbene la Grande Macchia Rossa di Giove sia rimasta all’incirca alla stessa latitudine da quando è stata osservata per la prima volta nel 1870, le sue dimensioni si sono dimezzate. Ha passato dei momenti difficili ultimamente.

Nel 2016-2017 è apparsa un’altra tempesta gigante nelle vicinanze.

Poi, nel 2019, il dottor Casely e una rete di astronomi dilettanti in tutto il mondo hanno raccolto frammenti del granello che cadeva.

Tre immagini di Giove affiancate
Una serie di immagini scattate nell’arco di tre notti a maggio 2019 mostra parti della macchia rossa che si disintegrano a sinistra.(

In dotazione: Andy Casely

)

“Il punto rosso di solito è solo questo punto rotondo, [but we saw] disse il dottor Casely.

“Quando abbiamo elaborato le immagini, era davvero chiaro che ne uscissero piccoli frammenti.

“Non abbiamo mai visto niente di simile prima o dopo.”

Trova una piccola sorpresa

Per scoprire cosa stava succedendo, il dottor Wong e i suoi colleghi si sono rivolti al telescopio spaziale Hubble.

Hanno analizzato il movimento delle caratteristiche delle nuvole catturate in un solo giorno di Giove – 10 ore terrestri – in una serie di immagini ad alta risoluzione scattate tra il 2009 e il 2020.

Le osservazioni hanno mostrato che la larghezza dell’area a est ea ovest si riduce di 1.900 km all’anno.

Allo stesso tempo, i venti al di fuori della macchia rossa sono aumentati dell’8% durante questo periodo a circa 370 chilometri all’ora.

Nel frattempo, il vento nell’anello interno era più vicino alla brezza.

“[The finding] È stata un po’ una sorpresa”, ha detto il dottor Wong.

Due immagini che mostrano la direzione del vento intorno alla Grande Macchia Rossa di Giove
I venti stanno precipitando dalla Grande Macchia Rossa di Giove.(

In dotazione: NASA, ESA, Michael H. Wong (UC Berkeley)

)

Helen Maynard-Casley, una scienziata planetaria dell’Australian Nuclear Science and Technology Organization (ANSTO) che non è stata coinvolta nella ricerca, afferma che il nuovo studio potrebbe aiutarci a capire perché il maculare si sta riducendo e se l’evento di desquamazione ha qualcosa a che fare con esso. Questo è incredibile.

“La macchia rossa è una finestra sulle dinamiche Ambiente gioviano”, ha affermato il dottor Maynard-Casley.

“Se riusciamo a dargli un senso, forse possiamo capire cosa sta succedendo anche in un modo molto più profondo e globale”.

I sistemi meteorologici di Giove sono generati dall’aumento del calore dall’interno del pianeta.

“Sappiamo che il calore è ciò che guida il movimento, ma stiamo ancora cercando di capire ogni dettaglio di come si presenta”, ha detto il dott. Wong.

Alla ricerca di indizi per terra

La prova di ciò che potrebbe accadere nella macchia rossa sulla Terra può essere trovata in un fenomeno chiamato “Meddies”.

Questi vortici di acqua salata a forma di frittella scorrono dal Mediterraneo nell’Atlantico, dove possono rimanere per lunghi periodi.

“Uno di questi è diminuito nel corso di un anno e ha anche accelerato, quindi ci siamo chiesti se potesse esserci un processo congiunto”, ha detto il dott. Wong.

Un'immagine satellitare di un vortice oceanico
I vortici oceanici della Terra potrebbero fornire alcuni indizi su cosa sta succedendo su Giove.(

In dotazione: Osservatorio della Terra della NASA

)

A differenza dei vortici vorticosi negli oceani della Terra, la Grande Macchia Rossa è intrappolata tra due gruppi di tempeste, sopra e sotto, che ruotano nella direzione opposta.

È possibile, ha detto il dottor Wong, che quando le tempeste si spostano su Giove, confondono l’ambiente circostante.

Questo potrebbe spiegare quello che è successo subito negli ultimi anni.

“Non possiamo dimostrarlo [appearance of the new storm nearby in 2016–17] È stato correlato ai cambiamenti dei venti all’interno e intorno alla Grande Macchia Rossa allo stesso tempo, ma è interessante notare che è successo allo stesso tempo”, ha detto il dott. Wong.

È anche in linea con le osservazioni fatte dagli astronomi dilettanti, incluso il Dr. Casely, sull’evento di esfoliazione.

Inizialmente, si è ipotizzato che i pezzi che si “staccassero” lateralmente indicassero che la macchia si stava allentando.

ma in ricerca Pubblicato nel Journal of Geophysical Letters all’inizio di quest’annoL’evento non era un segno che la macula stesse collassando, hanno detto gli scienziati.

Invece, è stato causato da una serie di piccole tempeste che hanno attraversato la parte superiore della macchia rossa.

“Gli eventi superficiali non stavano davvero minacciando di rompere” [red spot]”Perché era molto più grande, più profondo e molto più organizzato di così”, ha detto il dottor Casely, che è stato identificato nel documento.

“È fantastico collaborare con professionisti, essere relativamente un laico nel cortile di casa ed essere in grado di fare della scienza molto reale”.

READ  Samsung lancia Galaxy Tab S7 FE e Tab A7 Lite Android, entrambi con una fotocamera principale da 8 MP
Agapeto Vecoli

"Imprenditore. Freelance introverso. Creatore. Lettore appassionato. Ninja della birra certificato. Nerd del cibo."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Covid: India registra da due giorni meno di 20mila nuovi casi, ripresa a livello record | Ultime notizie dall’India
Next Post Report ATP: Andy Murray vince la prima partita di San Diego