La finanza russa ruota verso est – Consiglio Atlantico

Ecologia

23 gennaio 2023

La finanza russa si concentra sull’est

di
Neils Graham

Nel 2014, dopo un’ondata di sanzioni statunitensi e dell’Unione Europea contro la Russia in risposta alla sua annessione della Crimea, il presidente russo Vladimir Putin ha iniziato “Orientato ad est (Bovorot na Vostok). La strategia mira a spostare l’economia russa lontano dai suoi partner europei e verso Pechino. Sebbene una leggera recessione economica in entrambi i paesi abbia fatto deragliare la strategia nel 2015, il riorientamento ha avuto un grande successo nell’integrare le rispettive economie. La quota della Cina sul totale del commercio russo è passata da circa il 10% nel 2013 al 18% entro la fine del 2021.

L’invasione russa dell’Ucraina nel 2022, così come le sanzioni del G7 imposte per rappresaglia, hanno accelerato la spinta di Mosca verso Pechino. Mentre il riorientamento economico della Russia ha avuto un ruolo di primo piano nel commercio delle materie prime, Soprattutto con gli idrocarburiLe relazioni finanziarie della Russia hanno subito una trasformazione parallela. Di conseguenza, l’economia russa è ora fortemente dipendente dal capitale cinese. Sebbene ciò possa essere vantaggioso per la Russia ora, l’eccessiva dipendenza dai finanziamenti cinesi rafforzerà lo status della Russia come partner minore nelle relazioni tra i due paesi.

Tuttavia, le autorità cinesi non annunciano pubblicamente le posizioni consolidate delle loro banche fonti di dati alternative Suggerisce che i prestatori cinesi potrebbero aver detenuto o concesso credito aggiuntivo ai mutuatari russi all’indomani dell’invasione russa dell’Ucraina. Un esempio degno di nota è il prestito di gruppo, un tipo di prestito fornito da un gruppo di istituti di credito ed è preferito dai finanzieri internazionali, in quanto consente loro di condividere i rischi. I dati sui prestiti sindacati mostrano che i prestiti provenienti dalle banche cinesi rappresentano ora quasi la metà del totale globale dei prestiti sindacati alla Russia. Nei prossimi mesi, è probabile che questa dipendenza eccessiva cresca man mano che le istituzioni finanziarie in altre parti del mondo, in particolare in Europa, interromperanno i nuovi prestiti alla Russia e si rifiuteranno di rifinanziare o rinnovare i prestiti esistenti, con molte banche. ritiro dal paese interamente.

READ  Le potenze mondiali si impegnano a sostenere finanziariamente lo Yemen in occasione dell'evento delle Nazioni Unite

La Russia ha identificato per la prima volta la Cina come una valida fonte di finanziamento alternativo nel 2014, dopo che Mosca si è trovata sotto attacco o emarginata nei centri finanziari occidentali di Londra e New York. Sperando invece di fare affidamento su Shanghai e Hong Kong, la Russia ha iniziato a coinvolgere intenzionalmente Pechino per favorire un rapporto economico e finanziario più forte. il Alza il Cremlino Barriere politiche come il divieto di acquisto di beni nel settore delle risorse naturali e investimenti in contratti infrastrutturali in settori sensibili come strade e ferrovie. Pechino, a sua volta, ha incoraggiato le sue aziende a investire o entrare nel mercato russo. Sono seguiti mutuatari e prestatori e la quota di prestiti cinesi nell’economia russa è triplicata dal 2014 al 2022.

Sebbene Mosca abbia iniziato a cercare i propri finanziamenti altrove, non tutte le istituzioni finanziarie europee hanno visto la scritta sul muro. Mentre il Regno Unito, la Francia e la Germania hanno visto l’annessione della Crimea da parte della Russia nel 2014 come un punto di svolta nelle loro relazioni con il Cremlino e hanno iniziato a ridurre la loro esposizione a Russia, Italia e, in misura minore, all’Austria, hanno fatto il contrario. Spinto da una combinazione di rendimenti elevati e un clima politico locale con più Opinioni positive della RussiaLe banche italiane hanno aumentato la loro esposizione di prestiti sindacati alla Russia da circa il 4,6% nei mesi successivi alla cattura della Crimea a circa il 7,5% nel terzo trimestre del 2022. Il settore bancario italiano, guidato da Gruppo bancario UniCredit, Ora è costretta a svezzarsi dalla Russia cancellando la sua esposizione transfrontaliera, scambiando prestiti con banche russe e identificando acquirenti internazionali per i suoi prestiti a clienti russi.

Attenzione all’eccessiva dipendenza finanziaria

Mentre l’asse orientale del Cremlino ha funzionato bene all’indomani del 2014, quando l’economia cinese era in forte espansione, oggi Shanghai e Hong Kong potrebbero essere meno disposte a colmare le nuove lacune che si aprono quando i prestatori occidentali escono dal mercato russo. Il prestito cinese è solitamente modellato dagli obiettivi geopolitici ed economici del Partito Comunista Cinese. Nel 2014, questo ha avvantaggiato la Russia. L’economia cinese stava crescendo di oltre il 7%, il suo settore finanziario era ben capitalizzato e il suo governo ha incoraggiato le sue aziende a guardare attraverso “strategia d’uscita.

READ  Subentra il britannico Mario Draghi - Politica

Adesso è vero il contrario. Nel 2022, la Cina crescerà di un misero 3%, ben al di sotto del suo tasso obiettivo del 5,5%. Sotto Pechino‘S Direzionen, il suo settore finanziario è ora concentrato nel garantire ampia liquidità nei mercati locali e bassi costi di finanziamento per le imprese. Di conseguenza, i prestiti internazionali della Cina sono diminuiti di circa il 14% dall’inizio del 2022 a luglio, quando sono disponibili gli ultimi dati. A breve termine, è più probabile che Pechino indirizzi le sue banche a sostenere la sua economia in difficoltà per raggiungere l’obiettivo del PIL piuttosto che tappare eventuali buchi che si aprono in Russia.

Tuttavia, nel medio-lungo termine, è probabile che gli istituti di credito cinesi aumentino la loro esposizione all’economia russa. Con i prestatori occidentali che evitano il mercato russo, Shanghai e Hong Kong potranno concludere nuovi accordi a condizioni più favorevoli per la Cina. La Russia potrebbe fornire a Pechino un mercato favorevole per testare le nuove politiche fiscali che dovrà infine implementare mentre apre il proprio sistema finanziario al resto del mondo.

Mentre la Cina rimane la migliore opzione della Russia come fonte di finanziamento, Mosca è diventata eccessivamente dipendente. Anche con una forte economia cinese, la volontà del settore finanziario cinese di coprire tutte le lacune lasciate da altri finanziatori rimane poco chiara. banche statali controlli Settore finanziario cinese, queste banche asservite agli interessi politici di Pechino. Se stanno fornendo a una società straniera l’accesso al credito, significa che il progetto si realizza interesse strategico o economico della Cina. Mentre questo può essere positivo per una società russa che spera di raccogliere capitali per sviluppare un nuovo giacimento petrolifero da esportare nel mercato cinese, se l’acquirente finale risiede in India o in Turchia, le banche cinesi potrebbero perdere interesse. Senza una base di prestito diversificata, i progetti realizzabili diventeranno non finanziati.

READ  Il più famoso consigliere comunale di Roma

Il predominio della Cina sul finanziamento estero russo aumenterà anche l’influenza di Pechino nelle sue relazioni con Mosca. Man mano che il rapporto diventa sempre più diseguale, la Cina potrà costringere la Russia ad accettare concessioni prima inaccettabili. La Cina lo sta già usando effetto a suo favore Nei negoziati per un nuovo gasdotto per collegare i giacimenti di gas siberiani alla Cina richiedendo una struttura dei prezzi a vantaggio dei consumatori cinesi, ulteriori disposizioni legali a vantaggio di Pechino e, naturalmente, l’uso del renminbi come valuta contrattuale.

Mentre Putin e il presidente cinese Xi Jinping presentano la partnership dei loro paesi come “senza limitiamicizia, l’invasione russa dell’Ucraina ha cementato la posizione della Russia come partner minore per una relazione sempre più unilaterale. Con l’Occidente distaccato dalla Russia, Mosca dipenderà sempre più da Pechino, non solo per i finanziamenti ma in una serie di settori tra cui il commercio, la tecnologia e il supporto diplomatico internazionale.


Neils Graham Assistente alla regia Con il GeoEconomics Center del Consiglio Atlantico che punta sull’economia cinese.

All’incrocio tra economia, finanza e politica estera, il Centro di geoeconomia È un centro di traduzione con l’obiettivo di contribuire a plasmare un futuro economico globale migliore.

Ulteriori letture

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post I dermatologi affermano di evitare la manicure in gel poiché lo studio indica i pericoli degli essiccatori UV per unghie
Next Post Cosa hanno detto gli Stati Uniti sull’invito del primo ministro pakistano Shehbaz Sharif ai colloqui con l’India