La fibra in Italia procede spedita: FTTH nella maggior parte delle Aree Bianche – Buzznews

La fibra in Italia procede spedita: FTTH nella maggior parte delle Aree Bianche – Buzznews

Fortunatamente, oggi Open Fiber ha annunciato che i lavori procedono spediti nell’ambito del Piano Banda Ultralarga di Infratel. La concessione prevede la costruzione di ben 90.000 km di rete, che consentirà di raggiungere circa 6,4 milioni di Unità Immobiliari con FTTH.

Una vera e propria rivoluzione in fatto di connettività, in quanto saranno rilasciate oltre 100.000 autorizzazioni in 6.232 comuni italiani. Tuttavia, la maggior parte di questi comuni sono considerati Aree Bianche, cioè zone a bassa densità abitativa, in cui gli operatori privati non sono mai stati interessati a investire nell’FTTH.

Open Fiber si è quindi assunto il compito di portare la fibra ottica anche in queste zone, grazie alla concessione ottenuta dal Piano Banda Ultralarga. La società ha condiviso un report sull’avanzamento dei lavori nelle Aree Bianche, rivelando che finora sono stati realizzati 68.470 km di rete, corrispondenti al 76% del totale previsto.

I lavori procedono a ritmo serrato, e nel 2021 sono stati realizzati 37.400 km di rete. Nel 2022 si prevede la costruzione di circa 20.000 km, mentre nei primi sette mesi del 2023 saranno realizzati altri 11.250 km. Con questi numeri, sembra che il progetto di Open Fiber sia ben avviato e che presto i cittadini delle Aree Bianche potranno finalmente usufruire dell’alta velocità di connessione.

Il Piano Banda Ultralarga di Infratel si pone l’obiettivo di portare la fibra ottica in tutto il territorio italiano, anche nelle zone più remote. Lavorando a stretto contatto con Open Fiber, si prevede di raggiungere risultati significativi nel giro di pochi anni. La fibra ottica diventerà quindi una realtà a disposizione di tutti i cittadini, permettendo una connettività veloce e stabile in tutta Italia.

READ  Offerte Ring Intercom di Amazon: il citofono intelligente a 47,99€, e un Echo Pop per soli 7€ in più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *