La Ferrari soffre ancora della voglia tutta italiana di Sergio Marchionne

La Ferrari soffre ancora della voglia tutta italiana di Sergio Marchionne
Fred Wasser sul muretto Ferrari.  Bahrain Febbraio 2023 Credito: Alamy

Fred Wasser sul muretto Ferrari. Bahrein Febbraio 2023 Credito: Alamy

Ralf Schumacher crede che la Ferrari stia ancora “soffrendo” della “politica” dei desideri del defunto Sergio Marchionne, con l’ex capo della Ferrari che crede che una versione tutta italiana della squadra sia il modo in cui la Scuderia dovrebbe operare.

Matt Marchionne, presidente della FIAT, società madre della Ferrari, nel 2018 è stato un sostenitore del marchio Scuderia che è incorporato nell’identità della squadra nazionale italiana di Formula 1 e che è stato rappresentato anche all’interno del suo staff.

Dopo che Jean Todt è stato al timone degli anni di dominio di Michael Schumacher alla Ferrari, una serie di membri del team italiano è diventato il capo della squadra da allora in poi, e solo Stefano Domenicali ha aggiunto un altro titolo al bottino di Todt, vincendo il titolo Costruttori del 2008.

Da allora Marco Mattiacci, Maurizio Arrivabene e Mattia Binotto hanno lavorato per cercare di riportare la Ferrari ai vertici della Formula 1, ma alla fine hanno fallito.

Da allora il francese Fred Vasser ha preso il timone, diventando il quarto non italiano ad assumere il ruolo iconico, e l’ex pilota della Williams Ralf Schumacher ritiene che ci siano lati forti nel nuovo team principal che arriva a Maranello dall’esterno dell’organizzazione senza alcuna considerazione preventiva . Nella squadra, tuttavia, è improbabile che siano impegnativi per i titoli importanti in questa stagione.

Ha detto “sì, la vedo così” Immagine automatica Un vantaggio che Fasir porta alla squadra come presenza neutrale nell’ex. “Ha imparato gli sport motoristici da zero, sembra avere grandi capacità sociali e trova il giusto approccio per ottenere il massimo da ogni dipendente.

READ  Ceferin avverte Infantino di "gravi conseguenze" per aver fatto pressioni per un voto sui servizi igienici

“Ma continuo a non pensare che saranno i favoriti per il Mondiale, anche se vorrei che fosse fuori dallo stress.

Schumacher ha dettagliato i suoi pensieri sulla Ferrari, credendo di aver svolto un lavoro abbastanza solido creando la SF-23 in questa stagione, e ha spiegato come “affrontare” le carenze nel 2022.

Ha aggiunto che Binotto, che si è dimesso sulla scia di una candidatura fallita per il titolo della Scuderia, potrebbe non essere stato abbastanza “fermo” nel suo processo decisionale come team manager, e il suo lungo mandato a Maranello a volte ha ostacolato la sua capacità di fare la scelta giusta. . alla squadra in certi momenti.

Ma con Vasseur, arrivato dall’Alfa Romeo, Schumacher spera di vedere la “straordinaria efficienza” tornare ai vertici della Ferrari, come era con suo fratello.

PlanetF1.com consiglia

Chi sono i nuovi capi della tecnologia alla McLaren dopo la partenza di James Key?
Il Gran Premio Ferrari in Arabia Saudita è stato descritto come un “disastro totale”, sollevando interrogativi sul futuro di Leclerc
David Coulthard è “davvero deluso per una serie di cose” dopo il premio dell’Arabia Saudita

“In termini di telaio e motore, hanno fatto un buon lavoro. Sono in una buona posizione”, ha detto.

“Si trattava più di fallimenti e crolli nei breakpoint e nella strategia [last season]Anche i piloti hanno commesso molti errori.

“Ora Fasir deve fare i conti con tutto questo. Ci vuole tempo. Ma il problema resta la politica”.

“Penso che stiano ancora soffrendo per l’annuncio di Sergio Marchionne, il boss scomparso nel 2018, che ha dichiarato una squadra tutta italiana il credo della Ferrari.

READ  Shock Leeds presto fuori mentre i giganti italiani raggiungono un accordo, ma Jesse Marsh è pronto a firmare due nuovi acquisti

Ad esempio, al predecessore di Vasseur Mattia Binotto, che ha lavorato in Ferrari fin da giovane, anche con mio fratello, mancava certo non la competenza tecnica ma l’audacia.

“Sospetto che fosse troppo legato alla Ferrari per prendere le decisioni giuste, che a volte possono essere spiacevoli, ma: non è la nazionalità che conta, è la qualità.

“La grande forza dell’era di successo con mio fratello: c’era un’incredibile efficienza. Mio fratello, Jean Todt, Ross Brawn o il designer Rory Byrne, che hanno anche partecipato all’ottima macchina dell’anno scorso. Era importante dare loro tutta la libertà che necessario.”

Articolo Ralf Schumacher: la Ferrari soffre ancora della voglia tutta italiana di Sergio Marchionne È apparso per la prima volta su Planetf1.com.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *