La Ferrari si trasforma in un chipman come CEO al centro dell’industria

Ferrari NV ha nominato un alto dirigente dell’industria dei semiconduttori come nuovo amministratore delegato, poiché l’industria automobilistica si concentra su microchip e tecnologie digitali che controllano sempre più tutto, dai freni ai sistemi di intrattenimento.

Benedetto Vigna, 52 anni, subentrerà alla Ferrari il 1° settembre. Fino ad allora, John Elkann, il presidente della società, continuerà a ricoprire la carica di CEO ad interim. Il signor Vigna è attualmente capo divisione presso il produttore di semiconduttori franco-italiano STMicroelectronics NV, dove ha lavorato per oltre 25 anni.

Nell’annunciare la nomina, Elkann ha citato “la profonda conoscenza del signor Vigna delle tecnologie che stanno guidando così tanti cambiamenti nel nostro settore”.

La carenza globale di chip che ha ritardato la produzione nell’industria automobilistica dovrebbe continuare nei mesi a venire. Ciò ha sollevato interrogativi sulla ripresa del settore automobilistico mentre la gravità della pandemia di coronavirus si attenua in molti paesi.

Le ricadute economiche della pandemia hanno colpito gli ordini per Ferrari e altre auto di lusso. La Ferrari ha emesso un avviso di profitto a maggio, affermando che a causa della pandemia non avrebbe raggiunto gli obiettivi di profitto che si era prefissata per il prossimo anno. La società ha posticipato l’obiettivo al 2023.

Mr. Vigna segue Luis Camilleri, che ha guidato la Ferrari a partire da luglio 2018 in seguito alla prematura scomparsa di Sergio Marchionne, che era amministratore delegato sia del leggendario produttore di auto sportive che dell’ex Gruppo FCA, ora parte di Stellantis NV.

Il signor Camilleri, un ex dirigente del tabacco senza esperienza nel settore automobilistico, si è dimesso nel dicembre 2020 dopo un attacco di COVID-19. Ha raggiunto il successo trainante, aumentando le vendite e i profitti della Ferrari fino a quando la pandemia non ha sconvolto l’industria automobilistica.

READ  John Huber, il mio predecessore come corrispondente e mentore di Roma | Media

Molti analisti si aspettavano che la Ferrari nominasse un amministratore delegato con esperienza nel settore dei beni di lusso poiché la casa automobilistica espande il suo marchio oltre le auto per includere prodotti come abbigliamento e accessori in pelle.

Nei suoi anni alla guida della Ferrari, Marchionne l’ha presentata con successo agli investitori come una società di beni di lusso che dovrebbe essere valutata allo stesso modo di Hermès International SA e LVMH Moët Hennessy Louis Vuitton. Ciò ha permesso alla Ferrari di raggiungere una capitalizzazione di mercato di 35 miliardi di euro, pari a circa 42,6 miliardi di dollari, molte volte quella di alcune case automobilistiche di massa con operazioni più grandi.

Questa storia è stata pubblicata dal feed dell’agenzia di stampa senza modifiche al testo

partecipazione a Newsletter alla menta

* Inserisci un’email disponibile

* Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter.

Non perderti nessuna storia! Rimani connesso e informato con Mint. Scarica subito la nostra app!!

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Vince Staples e Malone Eyewear onorano Sanica Shakur
Next Post Gli Stati Uniti donano 500 milioni di vaccini Covid a 92 paesi attraverso COVAX: Fonti