La fase finale dell’ATP sta facendo scalpore a Torino, ma gli italiani seguiranno?

Torino, Italia – C’è un’enorme mappa del mondo nella hall dell’hotel a cinque stelle di Torino dove hanno soggiornato i principali giocatori durante le ATP Finals che si sono concluse domenica.

Non era la metafora perfetta. Sebbene il tennis maschile sia senza dubbio globale, con tornei che si tengono in sei continenti (non c’è l’Antartide al momento), non è attualmente uno sport intercontinentale ai vertici.

Con la stagione del Tour 2021 finita, i primi dieci singoli sono esclusivamente europei: dal 34enne serbo Novak Djokovic al primo posto al ventenne Yannick Sener dall’Italia al decimo.

Sebbene ci fossero alcuni dirigenti di tournée maschi che pensavano che sarebbe stata una strategia di crescita più intelligente e una decisione finanziaria più sicura portare le finali ATP altrove – vedi Tokyo o Singapore – sicuramente si allinea con i tempi in cui il campionato è rimasto. . in Europa.

La sorpresa è stata che è arrivata a Torino. Le ATP Finals si sono svolte a Londra presso la O2 Arena dal 2009 al 2020, fungendo da secondo Great Tennis Aid annuale per una grande città e un importante centro multimediale che Wimbledon aveva già.

Ma il Torino, nuovo ospite da cinque anni, è una partita molto diversa e più pericolosa. Sebbene Torino sia la capitale della regione italiana del Piemonte, è la quarta città più popolosa del paese dopo Roma, Milano e Napoli. Ha la cultura del tennis – club e campi sono comuni – ma non tiene un regolare evento itinerante maschile o femminile e non ha mai prodotto una grande stella del tennis, anche se Lorenzo Sonego, 26 anni, nativo di Torino che attualmente è classificato 27, si sta allenando e giocando duro per cambiarlo (ha vittorie su Djokovic e il campione degli US Open 2020 Dominic Thiem).

READ  Volley - Brasile punito sporco Argentina, Giappone in testa al girone في

La Fiat, la casa automobilistica che un tempo dominava la città, è andata avanti lasciando un vuoto economico. Torino ha i suoi punti di forza: enogastronomia, un museo egizio, un centro elegante e la Juventus Football Club. Ma quello che gli ha dato il vantaggio del tennis indoor è il Pala Alpitour, il più grande e moderno campo indoor d’Italia. Costruito per ospitare l’hockey su ghiaccio per le Olimpiadi invernali del 2006, i dirigenti torinesi erano desiderosi di far rivivere lo spirito olimpico e elevare il profilo internazionale della città con un altro importante evento sportivo.

Questo potrebbe essere più difficile di quanto pensino. Le ATP Finals sono probabilmente l’evento annuale di tennis maschile più popolare al di fuori dei quattro tornei del Grande Slam. Solo i primi otto uomini si qualificano nel singolare, che è un obiettivo e un punto di discussione nel corso della stagione, nonché uno dei più grandi flessioni disponibili e un aumento della classifica. Il campione imbattuto ottiene 1.500 punti di valutazione: più di qualsiasi torneo al di fuori degli eventi del Grande Slam, il cui campione ottiene 2.000 punti.

Ma le ATP Finals sono ancora vicine a un grande acquario. Vincere è importante per l’eredità dell’eroe, ma non essenziale. Rafael Nadal non ci è mai riuscito, ma nessuno sta per rimuoverlo dalla rosa dei migliori giocatori del gioco.

Tre degli ultimi cinque campioni delle ATP Finals – Grigor Dimitrov, Stefanos Tsitsipas e Alexander Zverev, che hanno vinto nel 2018 e di nuovo domenica – devono ancora vincere un titolo del Grande Slam.

Ma con Nadal, Thiem e Roger Federer fuori per lunghi periodi mentre si riprendevano da gravi infortuni, il Torino ha avuto il meglio di ciò che era disponibile. La testa di serie n. 1 Djokovic, la testa di serie n. 3 Daniil Medvedev e Zverev hanno raggiunto le semifinali dopo aver incrociato i loro set dal primo turno, e tutti hanno espresso soddisfazione per il loro nuovo campo, anche se Medvedev lo ha paragonato brevemente a un campionato minore. Lo sfidante è successo durante la sua partita di apertura quando ha avuto problemi a consegnargli le palle alla sua velocità preferita prima di servire.

READ  Inter e Venezia litigano, le scelte degli esperti, come guardare, diretta: 27 novembre pronostici Serie A

C’erano sicuramente questioni più importanti, alcune delle quali sfuggono al controllo dei regolatori. La pandemia di coronavirus ha reso la pianificazione anticipata una sfida. Il montepremi è stato dimezzato – da $ 14,5 milioni a $ 7,25 milioni – in gran parte a causa della ridotta capacità dello stadio. Sebbene la città di Torino si aspettasse un tetto del 75%, le autorità italiane alla fine hanno optato per il 60%, che ha respinto centinaia di fan con breve preavviso. Una volta dentro, c’erano lunghe file e una mancanza di concessioni (i clienti sembravano fare un buon lavoro).

Ma l’entusiasmo è stato reale e percepibile, anche con poco più di 7.600 tifosi sugli spalti. Così è stato anche nel centro storico di Torino, dove i negozianti mettono le racchette da tennis nelle vetrine e la città ha trasformato piazza San Carlo in un villaggio del tennis con grandi schermi e un piccolo campo.

È meglio spostare un evento come le ATP Finals in una città mondiale dove sarà al massimo un baraccone o portarlo in un luogo più modesto come Torino dove può e rischia di dominare?

L’opzione numero 2 ha il suo fascino.

“L’idea per Torino era che la città abbracciasse davvero l’evento, e avremmo fatto di più se non ci fosse stato il Covid”, ha detto Andrea Gaudenzi, presidente dell’ATP Tour. “Nel complesso, penso che dobbiamo migliorare alcune cose, soprattutto nell’esperienza dei tifosi fuori dall’arena quando arrivi senza il biglietto della società. Ma in generale, sono personalmente contento dell’esperienza di giocare in campo”.

Il potenziale svantaggio è che stai creando onde in una piccola pozzanghera piuttosto che increspature in acque più ampie inesplorate che possono aiutare il tuo gioco a lungo termine. Con i Big Three che si avvicinano alla fine della loro carriera, il tennis maschile avrà sicuramente una tregua.

READ  La grande pubblicità di Serena Williams dopo la sconfitta

Ma dopo tutti gli stadi vuoti della pandemia, l’hype è una virtù ancora più grande, e l’Italia è inondata di tennis, giustamente. Quando il Torino e la Federazione Italiana Tennis hanno iniziato a fare pressioni per le ATP Finals nel 2018, Sener e Matteo Berrettini dovevano ancora sfondare (e Gaudenzi, l’ex stella italiana, non era ancora diventato presidente dell’ATP).

A quanto pare, il 25enne Berrettini, arrivato quest’anno alla finale di Wimbledon, si è qualificato direttamente per il Torino e quando si è dovuto ritirare dopo una partita per un infortunio addominale, Sener era pronto a sostituirlo. . L’atmosfera in cui ha giocato era la migliore della settimana.

“Non avremmo mai potuto immaginare che due giocatori italiani si sarebbero sfidati nelle prime ATP Finals di Torino”, ha dichiarato Angelo Benaghi, Presidente della Federazione Italiana Tennis.

Questo è un enorme bonus e, dato il talento e la giovinezza di Sinner e Berrettini, potrebbe non essere un bonus una tantum.

Ravenna Bianchi

"Esperto di tv estremo. Fanatico della birra. Amichevole fan del bacon. Comunicatore. Aspirante esperto di viaggi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Il DLC di Spider-Man non riceve le missioni della storia in Marvel’s Avengers
Next Post Il lancio del James Webb Space Telescope è stato posticipato al 22 dicembre