La domanda di vaccino contro il vaiolo delle scimmie aumenta con il numero di casi, ma l’offerta rimane bassa



CNN

Il numero di dosi di vaccino contro il vaiolo delle scimmie distribuite negli Stati Uniti è più che triplicato rispetto alla scorsa settimana, Secondo il Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti, tuttavia, l’offerta è molto inferiore alla domanda: al di sotto dei livelli che secondo gli esperti sarebbero necessari per controllare l’epidemia.

Michael Austin Niccolo, un barista di New York City, è una delle oltre 1.000 persone negli Stati Uniti a cui è stato diagnosticato il virus quest’anno. È anche uno dei tanti che hanno lottato per trovare un vaccino disponibile.

“Ho appena sentito parlare per la prima volta del vaiolo delle scimmie come tutti gli altri, attraverso le notizie, i social media, le viti e come è diventato qualcosa di cui dovevamo preoccuparci e come colpiva principalmente uomini gay o uomini che fanno sesso con uomini”, ha detto. Nicolò.

È bastato mandarlo alla ricerca di maggiori informazioni su come proteggersi.

“All’epoca, c’erano pochissime risorse per trovare un vaccino”, ha detto.

“Ho avuto un paio di amici che hanno cercato dei link, li abbiamo cliccati e sono già abbastanza fan: sono scomparsi all’istante. Non c’era accesso a nulla”, ha detto.

“Abbiamo continuato a guardare le connessioni e abbiamo continuato a vivere le nostre vite. E poi, dopo un fine settimana al Pride, ho iniziato a mostrarne i sintomi, ed era troppo tardi”.

I Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie stimano che più di 1,5 milioni di uomini che hanno rapporti sessuali con uomini possono beneficiare del vaccino contro il vaiolo delle scimmie. Sebbene il vaiolo delle scimmie non sia una malattia a trasmissione sessuale, si diffonde per contatto pelle a pelle e in questo focolaio si diffonde principalmente tra gli uomini che hanno rapporti sessuali con uomini.

Più di 132.000 dosi del vaccino Jynneos, un regime a due dosi prodotto dalla Bavarian Nordic Company, sono state ritirate dalla National Strategic Stockpile e distribuite a livello nazionale, secondo il dati HHSma non è stato sufficiente per soddisfare la domanda.

“Abbiamo ottenuto un’assegnazione di 200 vaccini e gli appuntamenti sono durati circa un’ora e mezza”, ha affermato il dottor David Holland, direttore clinico della contea di Fulton, Georgia, Board of Health.

I Centers for Disease Control and Prevention affermano che le decisioni su come allocare scorte limitate di vaccini si basano in egual modo sul numero di casi e sulla popolazione a rischio in una determinata area.

Il vaccino Jynneos è ora disponibile per le persone ad alto rischio di esposizione: coloro che hanno avuto contatti stretti con qualcuno a cui è stato diagnosticato il vaiolo delle scimmie, coloro che hanno avuto rapporti sessuali con un partner a cui è stato diagnosticato il vaiolo delle scimmie negli ultimi 14 giorni e coloro che hanno avuto più partner sessuali negli ultimi 14 giorni in un’area dove il vaiolo delle scimmie è comune, Secondo il Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie.

Un portavoce dell’agenzia ha affermato che man mano che saranno disponibili più vaccini, l’agenzia continuerà a valutare la strategia di distribuzione.

Il Distretto di Columbia ha ricevuto di gran lunga il maggior numero di vaccinazioni pro capite e la città ha molti più casi confermati pro capite di qualsiasi stato.

Ma a partire da mercoledì, due stati con casi confermati – New Mexico e South Dakota – non avevano ricevuto alcuna dose.

Dopo la capitale, New York ha ricevuto il maggior numero di dosi di vaccino pro capite: più di tre volte la media degli Stati Uniti. Circa tre quarti della fornitura statale sono andati a New York City.

In una lettera di martedì, il sindaco di New York Eric Adams ha esortato l’amministrazione Biden ad aumentare le assegnazioni di vaccini, descrivendo la sua città come “l’epicentro” del virus negli Stati Uniti.

Il coordinatore della risposta al Covid-19 della Casa Bianca, il dottor Ashish Jha, ha dichiarato mercoledì che dosi aggiuntive del vaccino contro il vaiolo delle scimmie sarebbero arrivate entro poche settimane da una fabbrica in Danimarca.

“Il problema è che abbiamo bisogno di ottenere più vaccini là fuori”, ha detto.

“Siamo incredibilmente concentrati sull’assicurarci che le dosi di vaccino arrivino negli Stati Uniti e raggiungano posti come New York City. Vorremmo avere più dosi? Certo. Avevamo scorte e ciò di cui abbiamo bisogno è di più. Noi’ stai ottenendo di più.”

“Il problema è che semplicemente non abbiamo abbastanza vaccino. Quindi stiamo cercando di recuperare il ritardo”, afferma il dottor Carlos Del Rio, assistente rettore esecutivo presso la Emory University School of Medicine.

Ci sono anche altre questioni da prendere in considerazione, ha detto.

Penso che la sfida sia che dobbiamo assicurarci che il vaccino non sia solo per le persone che sono stagionate e possono ottenerlo rapidamente. Non vogliamo che il vaccino vada solo ai bianchi ricchi”.

Il ciclo completo del vaccino Jynneos, secondo l’approvazione della FDA, richiede due dosi a distanza di quattro settimane. Ma alcuni esperti affermano che una dose potrebbe essere sufficiente per ora e che ritardare la seconda dose potrebbe essere un modo per affrontare la discrepanza tra domanda e offerta.

Nella sua lettera, Adams ha invitato l’amministrazione a “considerare programmi vaccinali alternativi, utilizzando un intervallo più lungo tra la prima e la seconda dose, consentendo di utilizzare un vaccino più immediatamente disponibile per le prime dosi”.

Il CEO di Bavaria Nordic Paul Chaplin ha dichiarato: Scienze All’inizio di luglio “ci sono molti dati per supportare un singolo scatto”.

La seconda dose potrebbe essere somministrata due anni dopo e ottenere comunque la stessa risposta immunitaria al programma standard, ha detto Chaplin, quindi gli stati hanno molto tempo per offrire una seconda dose se decidono di usarne una per ora.

Gli esperti sanitari affermano che i fornitori non dovrebbero interrompere le dosi in questo momento.

“Da quello che ci è stato detto, dacci le dosi che hai e nella tua successiva assegnazione ci saranno dosi aggiuntive che copriranno le seconde dosi”, ha affermato Claire Hanan, direttore esecutivo dell’Associazione dei gestori di immunizzazione.

Se il virus non viene contenuto il più rapidamente possibile, temono i funzionari sanitari, potrebbe diffondersi oltre le popolazioni che ora sono ad alto rischio.

Janet Hamilton, direttore esecutivo del Consiglio di Stato e degli Epidemiologi regionali, afferma che gli Stati Uniti dovrebbero andare oltre una strategia vaccinale incentrata sull’esposizione post-esposizione ad alto rischio perché “nessuna malattia prevenibile con il vaccino può essere controllata solo dopo l’esposizione quando c’è nessuna immunità preventiva”.

Il vaiolo delle scimmie è endemico in alcune parti dell’Africa, ma è principalmente una nuova malattia negli Stati Uniti e non c’è immunità nella popolazione.

“Tutti sono vulnerabili in questo momento”, ha detto Hamilton. “Non c’è modo di controllare questa malattia in una popolazione completamente suscettibile senza una strategia vaccinale pre-esposizione”.

Nel frattempo, le persone con il virus affermano di aver bisogno anche di altre risorse. L’amministrazione Biden si è mossa per espandere i test, poiché il CDC ha annunciato una collaborazione con cinque società private per raddoppiare la capacità di test della nazione. Alcune di queste aziende hanno già iniziato a offrire il test. Ma questo non è successo abbastanza presto per alcuni.

Niccolò ha detto che quando è andato per la prima volta dal suo medico con i sintomi del vaiolo delle scimmie, hanno prelevato un campione per il test, ma giorni dopo ha appreso che era stato scartato e non era stato testato.

Due giorni dopo quella visita, i suoi sintomi peggiorarono e tornò dal medico. Il secondo campione è risultato positivo.

Christian Redondo, uno studente laureato ad Atlanta, ha notato un’ulcera e ha chiamato il suo consiglio sanitario locale, che ha detto che non esegue i test e lo ha indirizzato al suo medico di base.

Il suo medico di base gli ha detto di andare al pronto soccorso per un test, ma Redondo è riuscito a chiamare un amico del dipartimento sanitario della contea che ha detto di sì, infatti, avrebbe dovuto andare lì per un test.

“Poi, ero in sala d’attesa, non so, circa quattro o cinque ore. È stato un tempo molto lungo e quando ho chiesto loro qualcosa, hanno detto che dovevano aspettare il permesso dai Centers for Disease Control e la prevenzione per mettermi alla prova per le scimmie vaiolo”.

I test sono essenziali per prevenire più casi e saperne di più sull’intera portata dell’epidemia.

“Penso che una delle sfide che stiamo affrontando sia che semplicemente non stiamo facendo abbastanza test, quindi è probabile che ci siano molti più casi di quelli che stiamo attualmente registrando”, ha detto Del Rio.

READ  La NASA cattura i veri colori di Giove ed è uno spettacolo speciale
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Gli espatriati classificano i migliori e peggiori paesi europei nel 2022 in termini di lavoro, vita sociale e assistenza sanitaria
Next Post Sushmita Sen esce con Lalit Modi, guarda le foto