La Croazia si aspetta una spinta economica mentre si prepara ad adottare l’euro

Ivo Bocic, un venditore che vende ornamenti al mercatino di Natale nella capitale croata, Zagabria, è abituato a trattare con più valute e crede che la transizione passerà senza intoppi quando il paese adotterà l’euro il 1° gennaio.

“Se hai a che fare con i turisti, hai sicuramente diverse valute in testa”, ha detto Bozic, la cui merce include bambole in costumi colorati, magneti da frigorifero con motivi natalizi e gioielli fatti a mano. “Ho conti bancari in più valute e penso che li unirò il prossimo anno”, ha aggiunto. “Alcune delle mie cose le ho comunque comprate in euro.”

Quando la prossima settimana la Croazia diventerà il ventesimo paese a utilizzare l’euro, lo sarà punto di riferimento Una nazione di 4 milioni di persone ha cercato a lungo una più stretta integrazione con il resto dell’Unione Europea. Anche la Croazia entrerà a far parte dell’area Schengen europea senza frontiere.

Gli economisti affermano che il passaggio dalla Kuna dovrebbe portare benefici, dal momento che la Croazia fa affidamento sull’area della moneta unica per oltre la metà del suo commercio estero, i due terzi degli investimenti diretti esteri e circa il 70% dei suoi turisti.

Sarebbe anche una spinta simbolica all’unità europea in un momento in cui la Russia sta cercando di interrompere l’opposizione del blocco alla sua guerra in Ucraina. Il presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde ha definito l’aggiunta “un voto di fiducia per la zona euro” e ha affermato che la Croazia beneficerà dello “scudo dell’euro”.

Per certi versi l’adozione dell’euro è una progressione naturale per un paese in cui la moneta unica rappresenta già la metà di tutti i depositi bancari e il 60% dei prestiti totali, più di qualsiasi altro paese al di fuori dell’eurozona.

READ  Il prossimo focus sulla "zona di rischio" del debito italiano per i trader obbligazionari

“La Croazia è il paese più redditizio per entrare nella zona euro”, ha affermato Boris Vujic, governatore della Banca centrale croata, perché eliminerebbe i rischi di cambio. “Il rischio di cambio in Croazia è il più alto”.

“Quando la tua valuta si deprezza rispetto all’euro, significa che il tuo debito vale di più”, ha detto Vujic in un’intervista al Financial Times. “Quindi i tuoi costi di prestito come stato sono più alti per riflettere quei rischi”.

Un supermercato a Zagabria mostra i prezzi sia in kune locali che in euro © Denis Lovrovic / AFP / Getty Images

Ha detto che la Croazia aveva 27 miliardi di euro in riserve di valuta estera – il 40 per cento del suo PIL – per coprire questo, anche se l’adesione all’euro significherebbe che “non avrebbe bisogno di nulla di simile”.

Vujicic ha sottolineato che i vantaggi dell’euro “sono più evidenti durante una crisi”, sottolineando la recente pressione di vendita sul fiorino ungherese, lo zloty polacco e la corona ceca. “Hanno dovuto intervenire e aumentare molto i tassi di interesse, e il rendimento dei titoli di stato a 10 anni è ora dal 5 all’8,5 percento”, ha affermato.

Al contrario, il rendimento dei titoli a 10 anni della Croazia è stato di circa il 3,5%, inferiore a quello di Italia e Grecia e leggermente superiore a quello della Spagna, anche se non ha ancora aderito all’euro. “C’è un significativo effetto di credibilità”, ha detto Vujic, che voterà sulle decisioni politiche della BCE da gennaio dopo essersi già unito alle riunioni come osservatore.

Vujicic ha ricordato come i prezzi siano andati fuori controllo nell’ex Jugoslavia e poi in Croazia alla fine degli anni ’80 e all’inizio degli anni ’90, indicando che avrebbe preso una linea dura per domare gli aumenti dei prezzi che preoccupavano i politici in Europa.

“Ho visto la bestia”, disse, “e so come si comporta una bestia se non viene controllata nel modo giusto al momento giusto”.

Ha riconosciuto il rischio che i consumatori croati incolpino l’introduzione dell’euro per l’aumento dell’inflazione, che ha raggiunto il 13,5% il mese scorso. Tuttavia, in media, i paesi che hanno adottato l’euro hanno registrato un aumento dell’inflazione solo da 0,2 a 0,4 punti percentuali, anche se durante i periodi di minore crescita dei prezzi.

Per migliorare la trasparenza dei prezzi, i negozi in Croazia sono stati obbligati a mostrare il costo delle merci sia in kune che in euro da settembre e continueranno a farlo fino alla fine del 2023. Le aziende sono state minacciate di multe mentre cercano di approfittare del passare ad aumentare i prezzi.

“La consegna arriva in un momento in cui l’inflazione è già alta, quindi la posizione di principio è che i consumatori croati sono molto sensibili ai prezzi”, ha affermato Michał Ciceuk, CEO di Studenac, una delle principali catene di generi alimentari in Croazia. “Ciò rende difficile per qualsiasi commerciante addebitare aumenti di prezzo ingiustificati, perché se lo fai, gli acquirenti andranno dai tuoi concorrenti”.

Il passaggio è stato una sfida logistica per rivenditori e autorità. Studenac ha dovuto stampare ed esporre 5 milioni di nuovi adesivi prezzo, mentre il suo staff ha dovuto spiegare ai clienti confusi che non potevano accettare euro fino al 1° gennaio, dopodiché le due valute sarebbero state utilizzate in parallelo per due settimane.

Seńczuk ha previsto che oltre a stimolare il turismo, avere un euro renderebbe la Croazia “più attraente per gli acquirenti stranieri in cerca di seconde case, sia per le vacanze estive che per i nostri miti inverni qui”.

Nel frattempo, la banca centrale ha chiamato l’esercito per immagazzinare e custodire circa il 40% delle monete kune che dovrebbero essere scambiate con euro.

“Questo è circa il peso della Torre Eiffel”, ha detto Vujic. Lo venderemo come metallo dopo tre anni e poi l’esercito potrà mettere i suoi carri armati o veicoli blindati [back] nello spazio di archiviazione.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Il neuroscienziato concorda sul fatto che SuperAger non segue una routine quotidiana
Next Post Notizie sulla tempesta dagli Stati Uniti: milioni di persone negli Stati Uniti stanno combattendo contro una grandinata mortale