La crisi del gas aumenta i rischi di recessione per l’economia della zona euro colpita dall’inflazione

La crisi del gas aumenta i rischi di recessione per l’economia della zona euro colpita dall’inflazione

Si prevede che l’eurozona raggiunga una crescita parzialmente superiore allo zero nel secondo trimestre, ma gli economisti prevedono un costante deterioramento dell’economia del blocco nel prossimo anno, con l’incombere dei rischi di recessione.

Secondo un sondaggio Reuters, la prima stima di Eurostat del prodotto interno lordo del secondo trimestre, pubblicata venerdì, dovrebbe mostrare un’espansione dello 0,1% rispetto al trimestre precedente. Ciò rappresenta un forte deterioramento rispetto alla crescita dello 0,6% nei tre mesi precedenti e sarebbe la performance più debole da quando l’aumento delle infezioni e delle restrizioni causate dal coronavirus ha spinto il blocco in una breve recessione all’inizio del 2021.

L’invasione russa dell’Ucraina a febbraio ha fatto impennare i prezzi dell’energia e dei generi alimentari, erodendo il potere d’acquisto dei consumatori e minacciando di scatenare una crisi energetica che lascerebbe produttori e famiglie a corto di gas nel prossimo inverno. L’instabilità politica in Italia in vista delle elezioni di settembre si aggiunge alle preoccupazioni per il futuro del blocco.

“È come assistere a un incidente d’auto in corso, una crisi che brucia lentamente”, ha affermato Katharina Utermuhle, capo economista europea presso l’assicuratore tedesco Allianz. “A differenza della pandemia, è improbabile che ci sia una notevole ripresa il prossimo anno”.

Il grafico a linee del PIL dell'Eurozona (crescita annua %) mostra una strada dissestata: le prospettive dell'Eurozona peggiorano di nuovo

Un punto luminoso è il turismo e l’ospitalità. È probabile che l’economia dell’eurozona riceva una spinta da un numero maggiore di persone che approfittano delle ridotte restrizioni del coronavirus per andare in vacanza o mangiare al ristorante quest’estate, poiché spendono parte del denaro extra risparmiato durante la pandemia.

Ma questa spinta sarà probabilmente messa a tacere dalla crescente preoccupazione della famiglia per l’aumento del costo della vita. La maggior parte dei consumatori dell’Eurozona è sconvolta dal fatto che i loro stipendi non siano stati al passo con l’inflazione, che ora è al massimo storico dell’8,6%, peggiorando la loro situazione.

READ  È stata sottolineata la necessità del commercio tra Pakistan e Italia

“Ci aspettiamo solo un piccolo impulso alla crescita da turismo, viaggi e alloggi quest’estate, poiché il ritmo della pressione sul reddito reale aumenta, erodendo la spesa discrezionale dei consumatori”, ha affermato Veronika Roharova, responsabile dell’economia dell’Europa avanzata presso Credit Suisse.

Il gruppo energetico russo Gazprom ha affermato questa settimana che i flussi attraverso il suo principale gasdotto Nord Stream 1 verso la Germania sono stati dimezzati a circa un quinto dei livelli normali a causa della manutenzione di mercoledì, sollevando preoccupazioni sul fatto che Mosca stia armando le forniture energetiche all’Europa. I prezzi del gas in Europa sono aumentati del 30% nei primi due giorni di questa settimana. Sono aumentati di nove volte nell’ultimo anno.

Un prolungato calo dei flussi di gas russo verso l’Europa potrebbe lasciare la regione incapace di riempire a sufficienza i suoi impianti di stoccaggio prima della stagione di riscaldamento di questo inverno, razionando le forniture per gli utenti industriali pesanti.

Il Fondo monetario internazionale ha avvertito martedì che un completo arresto dei flussi “potrebbe portare al razionamento dell’energia, colpendo settori industriali chiave e riducendo drasticamente la crescita nell’eurozona nel 2022 e nel 2023”, poiché ha ridotto di 1,9 punti le sue previsioni di crescita tedesca per il prossimo anno .% allo 0,8 per cento, la più grande riduzione di qualsiasi paese. Senza fermarsi, il fondo prevede che la zona euro cresca del 2,6% quest’anno e dell’1,2% l’anno prossimo.

L’Unione Europea ha fissato l’obiettivo per la maggior parte dei paesi di ridurre il consumo di gas del 15%. Il governo tedesco questa settimana ha esortato famiglie e imprese a risparmiare di più e Berlino prevede di consentire alle società energetiche di trasferire il 90% dei costi più elevati sui clienti. “Siamo in una situazione pericolosa”, ha affermato il ministro dell’Economia tedesco Robert Habeck. “È tempo che tutti lo capiscano”.

READ  Biden stretto: un sindacalista per evitare lo sciopero ferroviario

È probabile che le misure del governo per tagliare i prezzi di carburante, elettricità e trasporti pubblici abbiano tenuto a bada l’inflazione. Ma i prezzi al consumo dovrebbero ancora salire a un nuovo record della zona euro dell’8,7% a luglio nei dati Eurostat pubblicati venerdì.

Grafico a linee HCPI (variazione annuale%) che mostra che l'inflazione ha raggiunto un livello record nell'Eurozona

L’aumento dei prezzi è stato attribuito a una serie di dati economici deprimenti. Questi includono il primo calo dell’attività economica nell’eurozona in 17 mesi, come indicato dall’ultimo sondaggio S&P Global Purchasing Managers, e la fiducia delle imprese tedesche che scende al livello più basso in due anni, come misurato dal sondaggio mensile del think tank Ifo.

Nel frattempo, questo mese, la fiducia dei consumatori è scesa ai minimi storici, secondo il sondaggio mensile della Commissione europea.

Le banche stanno anche esercitando pressioni sull’offerta di prestiti a famiglie e imprese nell’eurozona, una tendenza che probabilmente accelererà dopo che la Banca centrale europea ha alzato i tassi di interesse per la prima volta in più di un decennio la scorsa settimana.

Il già peggioramento delle prospettive ha spinto gli investitori a scommettere che la Banca centrale europea smetterà di aumentare i tassi di interesse molto prima di quanto previsto solo pochi mesi fa.

Martedì, per la prima volta da maggio, il rendimento delle obbligazioni tedesche a 10 anni, un punto di riferimento per i tassi di interesse dell’eurozona, è sceso sotto l’1% dopo essere sceso dal picco dell’1,77% registrato lo scorso mese in otto anni.

“La finestra di opportunità per la BCE di continuare ad aumentare i tassi di interesse si sta chiudendo mentre l’economia si indebolisce”, ha affermato Spiros Andreopoulos, capo economista europeo presso la banca francese BNP Paribas.

READ  Italia e Francia si mettono in fila per spingere il piano del motore a combustione dell'UE

Lo scenario da incubo sia per la BCE che per i governi sarebbe la stagflazione, con l’interruzione dell’approvvigionamento di gas russo che porta a una recessione nell’Eurozona mentre la crisi energetica e un euro più debole continuano a spingere i prezzi al rialzo.

Mercoledì, Goldman Sachs ha abbassato le sue previsioni per la regione, affermando che è più probabile che un crollo tecnico per due trimestri consecutivi di crescita negativa quest’anno si verifichi ora che no, anche se la Russia non interrompe completamente le forniture energetiche. Un rallentamento più marcato era probabile “in caso di un’interruzione più grave dei flussi di gas, di un nuovo periodo di stress sovrano o di una recessione degli Stati Uniti”.

Roharova di Credit Suisse prevede che il PIL dell’eurozona scenderà tra l’1 e il 2% l’anno prossimo se il gas russo verrà interrotto, mentre l’inflazione rimarrà ben al di sopra dell’obiettivo del 2% della Banca centrale europea per almeno un altro anno. “L’inflazione potrebbe rimanere alta o diminuire gradualmente anche con una crescita debole”, ha affermato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *