La cosa numero uno che distingue i “SuperAgers” dalle persone con “scarse capacità di memoria”

C’è un gruppo di persone I ricercatori della longevità li chiamano “SuperAgers”, che hanno più di 80 anni e oltre, ma hanno funzioni cognitive decenni più giovani di loro.

Al contrario, è possibile che il tuo cervello sia più vecchio della tua età cronologica, che è ciò che vogliamo evitare.

K Ricercatore in neuroscienze e autore “Il cervello a prova di età”, l’ho trovato nostri comportamentiNon sono solo i nostri geni ad avere una potente influenza sul destino del nostro cervello.

Quindi cosa distingue i SuperAger dalle persone con scarse capacità di memoria? secondo Studio 2021 Ciò ha seguito i SuperAgers nel corso di 18 mesi, una caratteristica importante è stata che hanno continuato a imparare cose nuove per tutta la vita.

I SuperAger imparano qualcosa di nuovo ogni giorno

Pensa al cervello come a un conto in banca. Creiamo “lead” – o nuove connessioni tra le nostre cellule cerebrali – imparando. I nostri ricordi sono in questi collegamenti.

Invecchiando, perdiamo naturalmente alcune di queste connessioni. È come smettere ogni anno. Ma più depositi effettuiamo durante la nostra vita, minore sarà l’impatto che questi prelievi avranno sul nostro patrimonio netto.

uno studio Ha scoperto che gli adulti con più anni di istruzione avevano lobi frontali più attivi quando facevano i test di memoria. L’attività del lobo frontale è associata a una migliore memoria.

Ma l’istruzione superiore non è l’unico modo per preservare la memoria. in un altro studioAnche se le persone hanno livelli di istruzione inferiori, se frequentano lezioni, leggono, scrivono e leggono molto, hanno punteggi di memoria alla pari di quelli con più istruzione.

Quali tipi di apprendimento sono i migliori per la salute del cervello?

Mantenere il cervello sano non significa solo giocare a Sudoku, Wordle o cruciverba. Questi possono avere benefici cognitivi, ma per lo più ti eserciti con le conoscenze e le abilità che già possiedi.

Ciò che crea significativamente nuove connessioni nel cervello è l’apprendimento il nuovo Competenze e informazioni. E il processo deve essere difficile: le superstar abbracciano – e talvolta bramano – quella frustrazione quando imparano qualcosa al di fuori della loro esperienza.

Allena il tuo cervello

Avvicinati all’apprendimento nel modo che preferisci con Fitness Coaching. Non andrai solo in palestra e allenerai gli avambracci. Alla fine, assomiglierai a Popeye.

Lo stesso vale per il cervello. L’apprendimento di una nuova lingua, ad esempio, coinvolge diverse parti del cervello rispetto a un nuovo sport o una nuova macchina.

Puoi allenare la tua mente combinando attività di apprendimento mentale e fisico. Ottieni il tuo calendario e pianifica diversi tipi di attività con questo piano:

Non importa cosa sia, imparare cose nuove mantiene giovane il tuo cervello. Quindi, se hai scoperto qualcosa che prima non sapevi leggendo questo articolo, in realtà stai aiutando il tuo cervello a invecchiare a un ritmo più lento.

Marco MilsteinPhD, è un esperto di salute del cervello e autore “Il cervello a prova di età: nuove strategie per migliorare la memoria, proteggere l’immunità e combattere la demenza”. in Chimica Biologica e Laurea in Biologia Molecolare, Cellulare e dello Sviluppo presso l’UCLA, e ha condotto ricerche in genetica, biologia del cancro e neuroscienze. seguilo Cinguettio E il Instagram.

non perdere:

Vuoi guadagnare di più e lavorare di meno? Registrati Gratuito CNBC Make It: un evento virtuale per i tuoi soldi il 13 dicembre alle 12:00 ET.

READ  Un possibile caso di vaiolo delle scimmie è stato segnalato nel New Mexico
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Indian Racing League: il secondo weekend di gara si terrà a Chennai il 26-27 novembre
Next Post Corte Suprema: La Corte Suprema dispone il pagamento di Rs. 5.000 ciascuno a 9 pescatori nel caso dei Marines Italiani.