La Corte europea stabilisce che YouTube non è automaticamente responsabile per gli utenti che caricano illegalmente materiale protetto da copyright • Registro

Il principale tribunale europeo si è in parte schierato con YouTube per le opere protette da copyright pubblicate illegalmente online in un caso che tocca le “divisioni profonde” nel modo in cui viene utilizzato Internet.

il caso, Frank Peterson e Elsevier Inc. v. Google LLC e altriÈ stato presentato per la prima volta dal produttore musicale tedesco Peterson contro YouTube nei tribunali tedeschi nel 2009.

Nel 2008 sono state registrate alcune canzoni dell’album Sinfonia d’inverno La cantante Sarah Brightman – su cui ha affermato di avere vari diritti – l’ha postata su YouTube senza il suo permesso. Sono state pubblicate online anche le canzoni delle esibizioni dal vivo del tour di Brightman.

Peterson ha chiesto un’ingiunzione contro Google e YouTube in quel momento.

La Corte d’Appello dell’epoca ha ritenuto che, sebbene la piattaforma “non abbia dimostrato la necessaria volontà di assumersi la responsabilità come partecipante” e “non sia a conoscenza degli atti di violazione individuati”, YouTube è responsabile come “interferenza” (Störerin) perché “sebbene sia stato informato di attività illegali relative a questa attività commerciale, ma non ha immediatamente eliminato il contenuto in questione o bloccato l’accesso a tale contenuto”.

I titoli di questa settimana Documenti giudiziari CourtTuttavia, ha chiarito: “Come avviene attualmente, gli operatori di piattaforme online, in linea di principio, non entrano in contatto pubblico con contenuti protetti da copyright pubblicati illegalmente dagli utenti di tali piattaforme su Internet.

“Tuttavia, questi operatori stanno effettuando tale contatto in violazione del diritto d’autore poiché contribuiscono, oltre a rendere disponibili tali piattaforme, a rendere tali contenuti accessibili al pubblico”.

READ  Dead Space Remake su Twitch Livestream offrirà una prima occhiata allo sviluppo

La spiegazione sembra essere che se YouTube e altri non agiscono se vengono informati di tali questioni, possono essere ritenuti responsabili.

La corte ha anche osservato che la sua sentenza si basava su una legislazione prima che la riforma della sezione 17 della direttiva sul copyright entrasse in vigore nel 2019.

Ciò lascia la possibilità che le future interpretazioni offerte dai tribunali dell’UE prendano una piega diversa.

Il contenzioso di lunga data è stato portato alla Corte di giustizia dell’Unione europea e in وفي Valutazione legale dettagliata Del caso pubblicato l’anno scorso, il procuratore generale Henrik Saugmandsgaard Øe ha affermato che il caso ruotava attorno a una “questione estremamente delicata della responsabilità degli operatori di piattaforme online rispetto alle opere protette da copyright caricate illegalmente sulle loro piattaforme dai loro utenti”.

“Questo problema è profondamente divisivo. Per alcuni, le piattaforme online consentono una diffusa violazione del copyright, di cui i loro operatori traggono vantaggio a spese dei titolari dei diritti, giustificando a loro carico ampi obblighi di monitorare i contenuti che gli utenti caricano su tali piattaforme dalle loro piattaforme. Per altri, l’imposizione di tali obblighi di monitoraggio a questi operatori influirà in modo significativo sulla loro attività e sui diritti di questi utenti e minerà la libertà di espressione e creatività online”, ha scritto il procuratore generale.

La sentenza iniziale ha rilevato che YouTube non era direttamente responsabile della violazione del copyright sulla piattaforma perché aveva “adottato varie misure tecnologiche per prevenire e porre fine alla violazione del copyright sulla sua piattaforma”.

In una dichiarazione, un portavoce di YouTube ha dichiarato: “YouTube è un leader del copyright e supporta i titolari dei diritti per ottenere la loro giusta quota. Ecco perché abbiamo investito negli ultimi strumenti di copyright che hanno creato un flusso di entrate completamente nuovo per il settore. Nel solo negli ultimi 12 mesi, abbiamo pagato 4 miliardi di dollari all’industria musicale, più del 30% dei quali proviene da contenuti generati dagli utenti”. ®

READ  caccia agli insetti di mezza estate | L'economista

Agapeto Vecoli

"Imprenditore. Freelance introverso. Creatore. Lettore appassionato. Ninja della birra certificato. Nerd del cibo."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Fondatore di McAfee trovato morto in prigione dopo che il tribunale spagnolo ha permesso la sua estradizione
Next Post Sua moglie si è suicidata dopo una battaglia di 13 mesi con il Covid. Spero che l’aiuto sia in arrivo per gli altri