La COP 26 mirata affronterà queste quattro sfide

  • Annunci chiave per l’azione per il clima sono stati fatti la scorsa settimana all’Assemblea generale delle Nazioni Unite (UNGA) a New York City, una delle ultime volte in cui molti leader mondiali si sono riuniti per discutere di tali questioni prima della Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP26) a novembre.
  • Restano da intraprendere azioni urgenti per affrontare gli obiettivi climatici critici.
  • Le decisioni su quattro aree – finanza, energia, mobilità e industria pesante – saranno vitali per l’accordo sostanziale sul clima della COP26 in sole sei settimane.

Molti hanno definito il decennio in corso come il “decennio decisivo” per l’azione per il clima. Mentre il mondo inizia a riprendersi dalla pandemia di COVID-19, l’orologio continua a muoversi sull’azione per il clima. All’inizio di quest’anno, Il Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici (IPCC.)) ha riferito che le temperature stanno aumentando più velocemente del previsto, un rapporto pubblicato all’inizio di questo mese Dimostrare che i paesi non stanno ancora facendo abbastanza per affrontare il cambiamento climatico. La scorsa settimana, i leader mondiali si sono riuniti per la 76a sessione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York, una delle ultime volte prima della Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP26), a Glasgow a novembre.

Ma cosa significano le dichiarazioni fatte quest’anno e durante l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite? Quali passi chiave dovrebbe intraprendere la COP26 per garantire che entriamo in questo decennio cruciale in modo da proteggere la nostra gente, il nostro pianeta e la nostra prosperità? Ecco quattro aree chiave affrontate la scorsa settimana all’Assemblea generale delle Nazioni Unite che sono vitali per un sostanziale accordo sul clima alla COP26 in sole sei settimane.

READ  Boris Johnson affronta il contraccolpo di Tory sui piani di viaggio per "Amber Watch List"

1. Finanziamento

Durante l’Assemblea generale delle Nazioni Unite la scorsa settimana, il presidente degli Stati Uniti Biden si è impegnato a raddoppiare il contributo finanziario degli Stati Uniti ai paesi in via di sviluppo a 11,4 miliardi di dollari l’anno. Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico Ho menzionato di recente I finanziamenti per il clima sono stati valutati a 79,6 miliardi di dollari nel 2019. L’esito positivo della COP26 sulla finanza richiede a paesi come Australia, Canada, Giappone, Italia e Regno Unito di impegnare da 2 a 4 miliardi di dollari all’anno per soddisfare la loro giusta quota di finanziamenti per il clima. Ciò contribuirebbe a infondere fiducia nell’accordo su questioni chiave come i mercati del carbonio e la trasparenza. L’impegno degli Stati Uniti della scorsa settimana ha rinnovato la speranza che i finanziamenti per il clima possano entrare nella COP26.

Cosa è richiesto dopo: La crisi climatica è un problema globale e richiede una risposta da tutti i paesi del mondo. Tuttavia, i paesi più poveri sono i meno attrezzati per affrontare il cambiamento climatico e i più vulnerabili ai suoi effetti. Questo è il motivo per cui alla COP15 di Copenaghen nel 2009 e di nuovo alla COP21 di Parigi nel 2015, i paesi più ricchi si sono impegnati a fornire ai paesi poveri 100 miliardi di dollari all’anno in finanziamenti per il clima entro il 2020. Un accordo alla COP26 richiederà la fiducia di gruppi di paesi come il Gruppo africano, Forum dei Paesi a rischio, dei Paesi meno sviluppati e dell’Alleanza dei piccoli Stati insulari (Aosis). Per questi blocchi negoziali, mantenere le promesse attualmente non mantenute fatte a Copenaghen e Parigi è un prerequisito per un accordo negoziato a Glasgow.

2. Energia

Durante l’Assemblea generale delle Nazioni Unite la scorsa settimana, la Cina ha annunciato che lo avrebbe fatto La fine delle centrali a carbone all’estero. Ciò segue le mosse simili del Giappone e della Corea del Sud all’inizio di quest’anno e segna un importante cambiamento negli investimenti della Cina nelle infrastrutture energetiche all’estero.

L’energia rappresenta circa Il 65% delle emissioni totali mondiali di gas serra. A livello globale, abbiamo compiuto passi importanti verso un’energia più pulita: all’inizio di quest’anno, l’energia solare ed eolica è diventata più economica del carbone e dei combustibili fossili in la maggior parte del mondo. Al Dialogo sull’energia ad alto livello delle Nazioni Unite all’inizio di questo mese, il più grande raduno di leader mondiali si è concentrato esclusivamente sulle questioni energetiche in più di 40 anni, e Francia, Germania, Regno Unito, Cile e altri paesi si sono impegnati a una moratoria sulla costruzione di nuovi centrali a carbone. ma, Due terzi dell’elettricità mondiale La produzione proviene ancora dalla combustione di combustibili fossili. La combustione del carbone rimane la fonte di energia a più alta intensità di carbonio al mondo.

Cosa è richiesto dopo: C’è senza dubbio uno slancio crescente verso un’energia più pulita. Un esempio, ad esempio, è la presidenza della COP26 del Consiglio per le transizioni energetiche Ha lanciato di recente un pacchetto di assistenza tecnica Per contribuire a portare il carbone nella storia nei principali paesi in via di sviluppo. Tuttavia, la questione principale rimane per i paesi ricchi fornire il supporto finanziario e tecnico necessario alle regioni chiave che ancora dipendono dal carbone come India, Sud Africa e Sud-Est asiatico per la transizione verso l’energia pulita.

Questo grafico mostra gli obiettivi attuali del governo per ridurre le emissioni di carbonio [or 'Nationally Determined Contributions' (NDCs)] rispetto agli obiettivi dell'accordo di Parigi.  Gli obiettivi mirano a limitare l'aumento della temperatura globale media ben al di sotto di 2°C rispetto ai livelli preindustriali e perseguire gli sforzi per limitare l'aumento della temperatura a 1,5°C al di sopra dei livelli preindustriali.

Questo grafico mostra gli obiettivi attuali del governo per ridurre le emissioni di carbonio [or ‘Nationally Determined Contributions’ (NDCs)] rispetto agli obiettivi dell’accordo di Parigi. Gli obiettivi mirano a limitare l’aumento della temperatura globale media ben al di sotto di 2°C rispetto ai livelli preindustriali e perseguire gli sforzi per limitare l’aumento della temperatura a 1,5°C al di sopra dei livelli preindustriali.

Foto: Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici

3. Navigazione

Il trasporto rappresenta il 24% delle emissioni derivanti dalla combustione del carburante e dal conteggio dei veicoli stradali Quasi tre quarti delle emissioni di anidride carbonica provengono dai trasporti. Pertanto, il passaggio a veicoli a emissioni zero è essenziale per i paesi per attuare l’accordo di Parigi. All’inizio di quest’anno, i principali mercati automobilistici, tra cui il Regno Unito e l’Unione Europea, si sono impegnati a far sì che tutte le nuove auto siano a emissioni zero entro il 2035. Allo stesso modo, Volkswagen, Mercedes-Benz, General Motors e JLR si sono impegnati a rendere solo i veicoli a emissioni zero un anno fa 2036. Tuttavia, i più grandi mercati automobilistici tra cui Stati Uniti, Cina e India non hanno assunto tali impegni.

Cosa è richiesto dopo: Un risultato positivo sarebbe quello di affrontare la COP26 per i principali mercati automobilistici come Stati Uniti, Cina e India, nonché per i principali produttori di automobili, per fissare una data per l’eliminazione graduale di tutti i veicoli a emissioni zero intorno al 2035 e per tale scopo per integrarlo con un piano chiaro su come raggiungerlo. Tuttavia, rimangono domande chiave sull’infrastruttura di ricarica dei veicoli elettrici per scalare il veicolo a emissioni zero necessario per raggiungere questi obiettivi.

4. Industria pesante e trasporto pesante

Industrie pesanti come cemento, acciaio e prodotti chimici, insieme ai trasporti pesanti come spedizioni, aviazione e camion, insieme rappresentano il 30% delle emissioni globali. Inoltre, Stime recenti hanno mostrato Secondo le tendenze attuali, questi settori potrebbero rappresentare 16 gigatonnellate di emissioni entro il 2050.

La decarbonizzazione di questi settori richiede la riduzione del cosiddetto premio per l’ambiente verde, ovvero il costo aggiuntivo della scelta di una tecnologia pulita rispetto a una che emette più gas serra. Importante possibile partnershipLanciato nel 2019, ha già compiuto passi vitali per decarbonizzare l’industria pesante e il trasporto pesante. Tuttavia, sappiamo che il premio verde per le pratiche pulite è ancora troppo alto perché queste pratiche possano essere adottate a livello globale.

Cosa è richiesto dopo: Necessari per ulteriori progressi in questi settori sono incentivi normativi ed economici per guidare l’innovazione per aiutare a ridurre il premio verde. L’esito positivo della COP26 dimostrerà che le tecnologie future sono a portata di mano. Ciò può essere ottenuto con le principali attività sul lato della domanda come le società di vendita al dettaglio, automobilistiche e edili le cui catene di approvvigionamento coprono l’industria pesante e il trasporto pesante per investire in tecnologie net-zero. I governi possono aiutare a guidare questi investimenti rendendo costose le emissioni di carbonio raggiungendo un accordo su Articolo 6 Accordo di Parigi, una scoperta chiave dei negoziatori della COP26.

guardo avanti

Sappiamo cosa deve accadere per prevenire gli effetti peggiori del cambiamento climatico: raggiungere emissioni nette pari a zero entro il 2050 al più tardi, con forti tagli alle emissioni in questo decennio. I progressi di quest’anno e durante l’Assemblea generale delle Nazioni Unite sulle questioni chiave della finanza, dell’energia, della mobilità, dell’industria pesante e dei trasporti pesanti, hanno contribuito a spianare la strada a governi e imprese per utilizzare la COP26 come punto di svolta critico nei nostri sforzi collettivi per affrontare la crisi climatica. Tuttavia, i leader di tutte le bande devono agire e agire con urgenza per garantire che questi obiettivi critici siano raggiunti entro la fine di questo decennio di azione per il clima.


Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Mila Kunis si rivolge a lei e ai commenti sulla doccia di Ashton Kutcher: “È così stupido”
Next Post Gli SF Giants hanno vinto la loro 103esima partita, battendo il numero magico NL West 4