La Commissione approva uno schema italiano da 31,9 miliardi di euro a sostegno delle imprese colpite dall’epidemia di coronavirus

La Commissione Europea ha approvato un piano italiano del valore di 31,9 miliardi di euro per sostenere le aziende colpite dall’epidemia del Corona virus. Il regime è stato approvato nell’ambito degli aiuti di Stato cornice temporanea.

Il vice amministratore delegato Margrethe Vestager, responsabile della politica della concorrenza, ha dichiarato: “Molte aziende in Italia hanno visto un calo significativo dei loro ricavi a causa dell’epidemia di Coronavirus e delle misure necessarie per limitarne la diffusione. Questo schema da 31,9 miliardi di euro consentirà L’Italia per supportare queste aziende aiutandole a soddisfare le loro esigenze, le sue esigenze di liquidità e per coprire i costi fissi che non sono coperti dai suoi ricavi. Continuiamo a lavorare in stretta collaborazione con gli Stati membri per trovare soluzioni pratiche per mitigare l’impatto economico del coronavirus focolaio, in linea con le norme dell’UE”.

Misure di sostegno italiane

Annunci

L’Italia ha notificato alla Commissione nell’ambito del quadro provvisorio un piano di aiuti di 31,9 miliardi di euro a sostegno delle imprese colpite dal coronavirus e le misure restrittive che il governo italiano dovrà attuare per frenare la diffusione del virus.

Il sistema si compone di due misure: (1) Importi limitati di aiuto. e (ii) sovvenzionare i costi fissi scoperti sostenuti durante il periodo compreso tra marzo 2020 e dicembre 2021 o parti di tale periodo.

Il programma sarà aperto a tutte le aziende, indipendentemente dalle loro dimensioni e dal settore (ad eccezione del settore finanziario).

Annunci

Nell’ambito di questo regime, importi limitati di aiuto assumeranno la forma di (1) crediti e detrazioni d’imposta; (ii) crediti d’imposta; e (3) sovvenzioni dirette.

Poiché la maggior parte degli aiuti sarà concessa automaticamente e i massimali di aiuto si applicheranno non solo al beneficiario diretto ma anche ai suoi affiliati, i beneficiari ammissibili dovranno indicare in una preventiva autodichiarazione l’importo degli importi limitati di aiuto e sostegno relativi allo scoperto costi fissi ad essi applicabili. Ciò dovrebbe anche consentire alle autorità italiane di monitorare meglio il rispetto del quadro temporaneo, in particolare per le società appartenenti allo stesso gruppo.

La Commissione ha riscontrato che il regime italiano è in linea con le condizioni stabilite nel quadro provvisorio. specialmente:

  • Quando si tratta di Importi limitati degli aiutiL’assistenza non supererà (1) 225.000 euro per ciascuna impresa attiva nel settore della produzione primaria di prodotti agricoli, 270.000 euro per ciascuna impresa attiva nel settore della pesca e dell’acquacoltura e 1,8 milioni di euro per ciascuna impresa attiva in tutti gli altri settori; e (ii) sarà assegnato entro e non oltre il 31 dicembre 2021.
  • Quando si tratta di Sussidio costi fissi scoperti, l’assistenza non potrà (i) superare l’importo complessivo di 10 milioni di euro per impresa; (ii) coprirà i costi fissi scoperti sostenuti nel periodo compreso tra marzo 2020 e dicembre 2021; (ii) Verrà erogato solo alle imprese che non erano già considerate in difficoltà al 31 dicembre 2019, ad eccezione delle piccole e micro imprese ammissibili anche se già in difficoltà; e (iii) sarà assegnato entro e non oltre il 31 dicembre 2021.
READ  Capri, l'isola blu d'Italia, sta emergendo dalla pandemia del blues

Il Comitato ha concluso che la misura era necessaria, appropriata e proporzionata per far fronte a un grave turbamento dell’economia di uno Stato membro, in linea con l’articolo 107, paragrafo 3, lettera b), TFUE e le condizioni stabilite nel quadro provvisorio.

Su questa base, la Commissione ha accettato di condurre l’aiuto secondo le norme dell’UE in materia di aiuti di Stato.

sfondo

L’UNHCR ha adottato un cornice temporanea Consentire agli Stati membri di utilizzare la piena flessibilità prevista dalle norme sugli aiuti di Stato per sostenere l’economia nel contesto dell’epidemia di coronavirus. Frame provvisorio come modificato il 3 aprilee 8 maggioe 29 giugnoe 13 ottobre 2020 e 28 gennaio 2021, prevede i seguenti tipi di assistenza che possono essere concessi dagli Stati membri:

(IO) Sovvenzioni dirette, infusione di azioni, agevolazioni fiscali selettive e pagamenti anticipati Fino a 225.000 euro per un’azienda attiva nel settore agricolo primario, 270.000 euro per un’azienda attiva nel settore della pesca e dell’acquacoltura e 1,8 milioni di euro per un’azienda attiva in tutti gli altri settori per far fronte a urgenti esigenze di liquidità. Gli Stati membri possono inoltre concedere, fino a un valore nominale di 1,8 milioni di euro per impresa, prestiti a tasso zero o a garanzia su prestiti che coprono il 100% dei rischi, ad eccezione del settore dell’agricoltura primaria e del settore della pesca e dell’acquacoltura, dove si applicano i limiti rispettivamente di 225.000 euro e 270.000 euro per azienda.

(secondo) Garanzie statali per prestiti ottenuti dalle imprese Per garantire che le banche continuino a erogare prestiti ai clienti che ne hanno bisogno. Queste garanzie governative possono coprire fino al 90% del rischio di prestito per aiutare le aziende a coprire il capitale circolante e le esigenze di investimento immediate.

(Terzo) Prestiti societari agevolati generali (debiti grandi e minori) Tassi di interesse vantaggiosi per le aziende. Questi prestiti possono aiutare le aziende a coprire il capitale circolante e le esigenze di investimento immediate.

(quarto) Garanzie per le banche che indirizzano gli aiuti di Stato all’economia reale Che tale aiuto è un aiuto diretto ai clienti delle banche, non alle banche stesse, e fornisce indicazioni su come garantire una distorsione minima della concorrenza tra le banche.

READ  Italia - Fattori da tenere d'occhio il 3 novembre

(Quinto) Assicurazione generale del credito all’esportazione a breve termine per tutti i Paesi, senza che lo Stato membro interessato debba dimostrare che lo Stato in questione è temporaneamente “invendibile”.

(noi) Sostegno alla ricerca e sviluppo (R&S) sul coronavirus Per affrontare l’attuale crisi sanitaria sotto forma di contributi diretti, anticipi rimborsabili o agevolazioni fiscali. Un premio può essere assegnato per progetti di cooperazione transfrontaliera tra Stati membri.

(vii) Supportare la costruzione e l’ampliamento delle strutture di prova Sviluppare e testare prodotti (compresi vaccini, respiratori e indumenti protettivi) utili a contrastare l’epidemia del Coronavirus, fino alla prima diffusione industriale. Ciò può assumere la forma di contributi diretti, agevolazioni fiscali, anticipi rimborsabili e garanzie a perdita d’occhio. Le aziende possono beneficiare del bonus quando il loro investimento è sostenuto da più di uno Stato membro e quando l’investimento termina entro due mesi dalla concessione del contributo.

(ottavo) Sostenere la produzione di prodotti legati alla risposta all’epidemia del Corona virus Sotto forma di contributi diretti, agevolazioni fiscali, anticipi rimborsabili e garanzie a perdita d’occhio. Le aziende possono beneficiare del bonus quando il loro investimento è sostenuto da più di uno Stato membro e quando l’investimento termina entro due mesi dalla concessione del contributo.

(nono) Sostegno mirato sotto forma di differimento fiscale e/o sospensione dei contributi previdenziali Per quei settori, regioni o tipologie di imprese maggiormente colpite dall’epidemia.

(X) Sostegno mirato sotto forma di integrazioni salariali per i dipendenti Per le aziende dei settori o delle regioni che hanno maggiormente sofferto dell’epidemia del Corona virus e avrebbero potuto licenziare dipendenti.

(undicesimo) Aiuti mirati alla ricapitalizzazione Per le società non finanziarie, se non è disponibile altra soluzione adeguata. Sono poste in essere salvaguardie per evitare indebite distorsioni della concorrenza nel mercato unico: condizioni relative alla necessità, all’adeguatezza e alla portata dell’intervento; Condizioni per l’ingresso statale nel capitale sociale e bonus; Condizioni per l’uscita dello Stato dal capitale delle rispettive società; Condizioni relative alla governance, compreso il divieto di dividendi e la remunerazione massima dell’alta dirigenza; divieto di sovvenzioni reciproche, divieto di acquisizione e misure aggiuntive per ridurre le distorsioni della concorrenza; Trasparenza e obblighi di rendicontazione.

(12) Sussidio costi fissi scoperti Per le aziende che devono affrontare una riduzione del fatturato durante il periodo di qualificazione di almeno il 30% rispetto allo stesso periodo del 2019 nel contesto dell’epidemia di coronavirus. Il sostegno contribuirà a una parte dei costi fissi dei beneficiari non coperti dai loro ritorni, fino a un massimo di 10 milioni di euro per progetto.

READ  Lo studio trova il legame tra malattie degli occhi e aumento del rischio di demenza, Health News, ET HealthWorld

La Commissione consentirà inoltre agli Stati membri di convertire gli strumenti pagabili fino al 31 dicembre 2022 (quali garanzie, prestiti e anticipi dovuti) concessi nell’ambito del quadro provvisorio in altre forme di assistenza, come le sovvenzioni dirette, a condizione che i termini del quadro provvisorio sono soddisfatte.

Il quadro provvisorio consente agli Stati membri di combinare tra loro tutte le misure di sostegno, ad eccezione dei prestiti e delle garanzie per lo stesso prestito e di superare le soglie previste dal quadro provvisorio. Consente inoltre agli Stati membri di combinare tutte le misure di sostegno concesse nell’ambito del quadro provvisorio con le attuali possibilità di concedere un importo minimo di 25.000 euro a un’impresa in tre esercizi fiscali a società che operano nel settore agricolo primario e 30.000 euro in tre esercizi fiscali alle imprese operanti nel settore della pesca e dell’acquacoltura e 200.000 euro in tre esercizi per le imprese operanti in tutti gli altri settori. Allo stesso tempo, gli Stati membri hanno l’obbligo di evitare l’accumulo indebito di misure di sostegno affinché le imprese stesse riducano il sostegno per soddisfare le loro effettive esigenze.

Inoltre, il quadro provvisorio integra molte altre possibilità già a disposizione degli Stati membri per mitigare l’impatto sociale ed economico dell’epidemia di coronavirus, in linea con le norme dell’UE sugli aiuti di Stato. Il 13 marzo 2020, l’autorità ha adottato un Comunicare su una risposta economica coordinata all’epidemia di COVID-19 Determina queste possibilità. Ad esempio, gli Stati membri possono apportare modifiche generalmente applicabili a favore delle società (ad esempio, differimenti fiscali o sostegno al lavoro a orario ridotto in tutti i settori), che non rientrano nelle norme sugli aiuti di Stato. Possono anche concedere un risarcimento alle aziende per i danni da loro subiti a causa e la causa diretta dell’epidemia di coronavirus.

Il quadro temporaneo sarà in vigore fino alla fine di dicembre 2021. Al fine di garantire la certezza del diritto, la Commissione valuterà prima di tale data se è necessaria una proroga.

La versione non riservata della decisione sarà resa disponibile con il numero di caso SA.62668 all’indirizzo Registro degli aiuti di Stato nel comitato concorrenza sito web una volta risolti eventuali problemi di riservatezza. Nuove pubblicazioni di decisioni sugli aiuti di Stato su Internet e nella Gazzetta ufficiale sono elencate in Notizie settimanali sulla competizione.

Ulteriori informazioni sono disponibili sul quadro provvisorio e su altre azioni intraprese dalla Commissione per affrontare l’impatto economico della pandemia di coronavirus Qui.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Harry Styles si unisce al Marvel Cinematic Universe come Eros, il fratello di Thanos
Next Post Avery Bradley dice che Laners rifiuta Wayne Ellington