La collaborazione scientifica italo-russa sul vaccino Spotnik V inizierà ad aprile – Science and Space

Mosca, 23 marzo. / DOS /. La collaborazione tra l’Istituto nazionale per le malattie infettive e l’Istituto nazionale delle malattie infettive della Russia e il Centro nazionale di epidemiologia e microbiologia di Kamaleya per la sperimentazione del vaccino russo Sputnik V inizierà ad aprile, ha detto il direttore italiano Francesco Via a una conferenza DOS online su Martedì. Lazaro Spallanzani è un centro medico italiano attualmente in prima linea nella lotta al romanzo del coronavirus.

“Dobbiamo prima formalizzare il nostro accordo sulla cooperazione (con il Centro Kamaleya). Saremo pronti per iniziare la ricerca congiunta in aprile”, ha detto Via. La cooperazione bilaterale prevede lo scambio di esperti e materiali biologici e sperimentazioni cliniche, ha affermato. Un team di volontari in Italia potrebbe essere vaccinato con lo Sputnik V per la ricerca di modi per aumentare l’efficacia del vaccino e sviluppare un vaccino “integrato”. Via ha detto che la politica di utilizzare due adenovirus è interessante perché potrebbe aumentare gli effetti del vaccino.

“Stiamo valutando la possibilità di somministrare un secondo vaccino ai volontari che hanno partecipato a testare un vaccino diverso nella prima fase”, ha detto Via senza approfondire.

Inoltre, la sua azienda prevede l’arrivo di tre esperti russi del Centro Kamaleya per testare l’efficacia di Spotnik V contro i ceppi virali in Gran Bretagna, Brasile e Sud Africa.

Lo Sputnik V è registrato in 55 paesi con una popolazione totale di 1,4 miliardi. La principale rivista medica The Lancet ha confermato la sua efficacia del 91,6% rilasciando dati rilevanti. Sputnik V è stato sviluppato sulla base di un sito ben testato e studiato di vettori di adenovirus umani. Il vaccino è costituito da due componenti, somministrati separatamente a intervalli specifici, che consentono al corpo umano di sviluppare un’immunità più stabile rispetto ai vaccini alternativi. Il 4 marzo, la società farmaceutica europea Spotnik V ha annunciato di aver avviato le procedure di test.

READ  Il 9 febbraio 2021 il podcast del vino italiano festeggia la sua 500esima puntata
Emanuele Schiavone

"Appassionato ninja della birra. Risolutore di problemi estremi. Pensatore. Appassionato di web professionista. Avido comunicatore. Piantagrane hardcore. "

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Corse automobilistiche: abbracciare l’incertezza Hutspeth di Singapore, la classe Pro del GT italiano, notizie sportive e storie principali
Next Post Cina significa casa, ora e per sempre: la Cina è il capitano italiano della Eastern Airlines