La cinese Nexperia di proprietà di Newport Wafer Fab sta per acquisire

Primo piano del socket della CPU e della scheda madre sul tavolo.

Naromon Poonketwanchai | momento | Getty Images

LONDRA – La società cinese di semiconduttori Nexperia è pronta ad acquisire Newport Wafer Fab, il più grande produttore di chip del Regno Unito, per 63 milioni di sterline (87 milioni di dollari) la prossima settimana, secondo due fonti vicine all’accordo che hanno chiesto di non essere identificate perché le informazioni non è distanza pubblica.

Nexperia, una società olandese posseduta al 100% dalla cinese Wingtech Technology, ha dichiarato venerdì alla CNBC che sono in corso trattative per un accordo.

La fabbrica di chip privata di NWF si trova a Newport, nel Galles meridionale e risale al 1982 ed è uno dei pochi produttori di semiconduttori nel Regno Unito.

Le fonti hanno detto che Nexperia dovrebbe annunciare l’acquisizione lunedì o martedì.

Un portavoce di Nexperia ha dichiarato: “Siamo in discussioni costruttive con la NWF e il governo gallese sul futuro della NWF”. Fino a quando non raggiungiamo una conclusione, non possiamo commentare”.

NWF e Wingtech Technology non hanno risposto immediatamente alla richiesta di commento della CNBC.

L’accordo arriva durante una carenza globale di chip che ha spinto i paesi a cercare di diventare più indipendenti quando si tratta di produzione di semiconduttori. La stragrande maggioranza dei chip oggi è prodotta in Asia, con TSMC di Taiwan, Samsung della Corea del Sud e SMIC della Cina tra i maggiori produttori di chip al mondo.

Tom Tugendhat, presidente del China Research Group del governo britannico e presidente del comitato ristretto per gli affari esteri, si è detto preoccupato per una possibile acquisizione della NWF in e-mail al segretario commerciale britannico Kwasi Quarting a giugno.

READ  Controllo dei costi ambientali di Bitcoin

“Devo sottolineare ancora una volta che avere un importante sviluppatore e produttore britannico di tecnologia di silicio e semiconduttore da 200 mm, che viene rilevato da un’entità cinese – a mio parere – è una delle principali preoccupazioni economiche e di sicurezza nazionale”, ha affermato Tugendhat.

Ha esortato il governo del Regno Unito a rivedere l’accordo ai sensi del National Security and Investment Act, che è stato introdotto ad aprile come parte di uno sforzo per proteggere le società tecnologiche del paese dalle acquisizioni all’estero quando c’è una minaccia economica o alla sicurezza.

“Questo è il più grande impianto di semiconduttori di fascia alta in Inghilterra venduto alla Cina, e il governo britannico non sta facendo nulla al riguardo”, ha detto una delle fonti, aggiungendo che dovrebbero almeno cercare di ottenere $ 1 miliardo per questo. .

Un portavoce del governo britannico ha dichiarato alla CNBC: “Siamo a conoscenza della prevista acquisizione da parte di Nexperia della Newport Wafer Fab. Sebbene non riteniamo opportuno intervenire in questo momento, continueremo a monitorare da vicino la situazione e non esiteremo a utilizzare poteri previsti dalla legge sulla fondazione se la situazione cambia”.

Hanno aggiunto: “Rimaniamo impegnati nel settore dei semiconduttori e nel ruolo vitale che svolge nell’economia del Regno Unito”.

Il cartellino del prezzo di £ 63 milioni per NWF è significativamente inferiore ai $ 900 milioni offerti da Texas Instruments ha annunciato che avrebbe pagato Per un posto vacante di caffè Micron nello Utah questa settimana.

Una delle fonti ha affermato che la NWF ha diversi debiti in sospeso tra cui 20 milioni di sterline con HSBC e 18 milioni di sterline con il governo gallese, aggiungendo che questi debiti saranno rimborsati dopo la vendita.

READ  Barche che trasportano centinaia di migranti arrivano a Lampedusa, in Italia, da Reuters

L’accordo arriva dopo che il designer di chip di Cambridge Arm, spesso visto come il gioiello della corona dell’industria tecnologica britannica, ha accettato di rilevare il colosso statunitense dei chip Nvidia per 40 miliardi di dollari. Tuttavia, l’acquisizione è oggetto di indagine da parte dei regolatori di tutto il mondo dopo che il rivale Qualcomm e altri si sono opposti.

Con l’aumentare delle tensioni tra Cina e Occidente, altri paesi stanno indagando sulle acquisizioni di tecnologia cinese prima di approvarle.

All’inizio di questo mese, la Corea del Sud ha lanciato una revisione dopo che Wise Road Capital, con sede a Pechino, ha approvato un accordo per acquistare la società di semiconduttori MagnaChip, affermando che si trattava di una “tecnologia di base nazionale”. Il Tesoro degli Stati Uniti ha inoltre richiesto alle parti coinvolte nel fascicolo della transazione di presentare una notifica al Comitato per gli investimenti esteri degli Stati Uniti.

A marzo, il governo italiano ha impedito alla cinese Shenzhen Investment Holdings di acquisire una partecipazione di controllo in LPE, azienda milanese di semiconduttori, citandola come un settore di “importanza strategica”.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Mandira Bedi cerca di eseguire gli ultimi rituali di Raj Kaushal, Sona Mohapatra commenta “Troppa stupidità” | Bollywood
Next Post Previsioni meteo Yankees-Mets venerdì: partita in ritardo. Quando è il primo tiro? (7/2/21)