La Cina vince con il G7 sui rischi climatici in Belt and Road: sabato la New Economy

Se c’è un’opportunità per rallentare il riscaldamento globale in qualunque momento presto, il mondo ha un disperato bisogno di un’alternativa verde alla Belt and Road Initiative, il progetto infrastrutturale cinese da trilioni di dollari che promuove la connettività digitale e I registri blockchain rilasciano centrali elettriche a carbone nei paesi poveri.

In un caso, gli ingegneri cinesi hanno smantellato una vecchia centrale a carbone nella provincia di Hunan come parte dello sforzo di bonifica locale del paese, quindi l’hanno rimontata nella vicina Cambogia. La gente di Hunan ha potuto respirare tranquillamente mentre i cambogiani sono stati colpiti dallo smog. le emissioni globali erano senza cambiamento.

Il G7 avrebbe dovuto avere un piano per contrastare gli investimenti cinesi che pretendono di dare impulso alle economie sottosviluppate danneggiando l’ambiente. Ma solo G7 inseguirlo. Invece, i paesi più ricchi del mondo ora hanno un piano per fare un piano.

I manifestanti di Extinction Rebellion manifestano durante l’ultimo giorno del vertice del G7 nel Regno Unito il 13 giugno. I governi più ricchi del mondo sono sottoposti a crescenti pressioni per aiutare i paesi poveri a combattere il cambiamento climatico.

Fotografo: Holly Adams/Bloomberg

Questa settimana nella nuova economia

Questa è l’essenza”Ricostruire un mondo miglioreL’iniziativa (B3W) è stata annunciata in pompa magna durante la riunione del G7 lo scorso fine settimana. Il gruppo ha presentato uno slogan con poca sostanza al di là dell’ambizione teorica di concentrarsi sui cambiamenti climatici, insieme a salute, tecnologia digitale e parità di genere.

Né il G7 ha messo soldi sul tavolo per questo esercizio ambizioso (ancora). La promessa più realistica del gruppo? Formare un gruppo di lavoro che presenterà il suo rapporto in autunno.

READ  Il G7 è importante? Fa la differenza per l'India? Una guida rapida in 7 passaggi al vertice delle 7 nazioni

Sarebbe possibile prendere l’iniziativa Più pericoloso se i suoi membri attuano pienamente gli impegni già assunti per aiutare i paesi in via di sviluppo in prima linea nella crisi climatica.

Già nel 2009, alla conferenza sul clima delle Nazioni Unite a Copenaghen, in Danimarca, i paesi ricchi si sono impegnati a mobilitare $ 100 miliardi all’anno entro il 2020 per Mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici nei paesi in via di sviluppo. ma hanno fallito (Bloomberg New Energy Finance Il numero effettivamente raccolto è stimato in 71 miliardi di dollari l’anno scorso, contando solo il denaro pubblico). La scorsa settimana, quei paesi hanno spinto l’obiettivo al 2025 promettendo vagamente di “aumentare e migliorare” i loro contributi.

Il primo giorno del vertice dei leader del G7

Da sinistra, Justin Trudeau, Primo Ministro canadese, Charles Michel, Presidente del Consiglio europeo, Presidente degli Stati Uniti Joe Biden, Yoshihide Suga, Primo ministro giapponese, Boris Johnson, Primo ministro britannico, Mario Draghi, Primo ministro italiano, Emmanuel Macron, Presidente francese , Ursula Von der Leyen, presidente della Commissione europea, e Angela Merkel, cancelliera tedesca, nel primo giorno del vertice del G7 dell’11 giugno.

Fotografo: Holly Adams/Bloomberg

Non solo il G7 non è riuscito a rispondere in modo credibile all’esportazione della Cina delle sue centrali elettriche a carbone più inquinanti, ma potrebbe aver sconvolto l’intera agenda climatica globale. Disillusione tra i paesi in via di sviluppo, la cui necessità di assistenza climatica sta crescendo mentre le loro economie vacillano a causa della pandemia Minaccia il successo della prossima conferenza sul clima delle Nazioni Unite a Glasgow, in Scozia.

Questo può indebolire il desiderio dei paesi in via di sviluppo di aumentare le proprie ambizioni, o in effetti Partecipare attivamente ai colloqui di Glasgow”, ha scritto Victoria Cumming, Head of Global Policy presso Bloomberg New Energy Finance.

READ  Gli Stati Uniti hanno un chiaro avvertimento per i mercati emergenti

Non c’è da stupirsi che la Cina pensi agli Stati Uniti”Davvero un peccato”, ha detto un portavoce del ministero degli Esteri cinese, riassumendo gli sforzi del presidente Joe Biden in Europa per costruire una coalizione anti-cinese. “È meglio per il G7 prendere il polso e uscire con una prescrizione”, ha detto il portavoce.

In effetti, B3W mostra che la Cina ha Non c’è bisogno di preoccuparsi quando si tratta della competizione occidentale per la Belt and Road, l’iniziativa di politica estera che definisce il presidente Xi Jinping. B3W non ha nemmeno trovato la sua strada nella dichiarazione finale del G7, mentre la cancelliera tedesca Angela Merkel ha sottolineato che il piano del gruppo (fare un piano) non riguardava “qualcosa, ma per qualcosa”. Il presidente francese Emmanuel Macron ha aggiunto che “il G7 non è un gruppo anti-cinese”.

Ma anti-Cina non significa annullare le sue pratiche ambientali nella Belt and Road Initiative. un rapporto dell’American Council on Foreign Relations rileva che i Paesi in via di sviluppo che hanno aderito al progetto di estensione globale di Pechino “sanno che la Cina è la principale, e sempre più unica, fonte di finanziamento per le centrali a carbone”. Circa il 40% dei prestiti Belt and Road al settore energetico nel 2018 è andato a progetti relativi al carbone.

Il presidente Biden esprime osservazioni sulla risposta a Covid-19 e vaccinazione

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden

Fotografo: Thassos Katopodes / UPI

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post All’interno della lettera esplosiva alla principessa Diana secondo cui Carlo stava tramando di ucciderla in un incidente d’auto per poter sposare una tata
Next Post Calcio: dice Jordi Alba mentre Soccer-Spain reagisce