La Cina vieta alle istituzioni finanziarie di servire criptovalute | Notizie economiche ed economiche

L’ultimo tentativo della Cina di controllare il fiorente mercato del commercio digitale ha fatto scendere i prezzi delle criptovalute.

La Cina ha vietato agli istituti finanziari e alle società di commissioni di fornire servizi relativi alle transazioni di criptovaluta e ha messo in guardia gli investitori dal monopolio del trading di criptovaluta.

Questo è l’ultimo tentativo della Cina di controllare di cosa tratta l’emergente mercato del commercio digitale. In base al divieto, le tre società hanno affermato martedì in una dichiarazione congiunta che le società, comprese le banche ei canali di pagamento online, non dovrebbero fornire ai clienti alcun servizio che coinvolga criptovalute come registrazione, negoziazione, regolamento e regolamento.

“Recentemente, i prezzi delle criptovalute sono aumentati e diminuiti e il commercio speculativo di criptovalute è riemerso, violando gravemente la sicurezza dei beni delle persone e interrompendo il normale ordine economico e finanziario”, hanno detto nella dichiarazione. Tre organizzazioni del settore: la National Internet Finance Association of China, la Banking Association of China e la Payment and Settlement Association of China.

La Cina ha vietato gli scambi di criptovalute e le offerte di valuta iniziali, ma non ha impedito alle persone di detenere criptovalute.

Il rapporto afferma inoltre che le aziende non dovrebbero fornire risparmi in criptovaluta, servizi di fiducia o di pegno o pubblicare prodotti finanziari relativi alla criptovaluta.

Nessun gettone digitale

Bitcoin e altre importanti criptovalute sono crollate dopo che la Banca popolare cinese ha rilasciato una dichiarazione in cui ribadiva che i token digitali non potevano essere utilizzati come forma di pagamento.

Il più grande gettone in Asia mercoledì è sceso del 7,3% a $ 40,139, innescato dai commenti avanti e indietro sulla detenzione della valuta del fondatore di Tesla Elon Musk dopo un crollo di una settimana. Anche Ether, Doc Coin e il frenetico computer Internet della scorsa settimana hanno fatto marcia indietro.

READ  Seppola Italian Bakery a New York va a Venezia

Queste misure non sono le prime mosse di Pechino contro la valuta digitale. Nel 2017, la Cina ha chiuso i suoi scambi di criptovaluta locali, coprendo un mercato speculativo che rappresentava il 90% del commercio globale di bitcoin.

Nel giugno 2019, la Banca popolare cinese ha emesso una dichiarazione che bloccava l’accesso a tutte le transazioni di criptovaluta nazionali ed estere e ai primi siti Web di emissione di valuta, che mirava a limitare tutto il trading di criptovaluta attraverso il trading forex.

Il rapporto evidenzia anche i rischi del trading di criptovalute, sostenendo che le valute virtuali “non sono supportate dal valore reale”, che i loro prezzi sono facilmente manipolabili e che gli accordi commerciali non sono protetti dalla legge cinese.

Emanuele Schiavone

"Appassionato ninja della birra. Risolutore di problemi estremi. Pensatore. Appassionato di web professionista. Avido comunicatore. Piantagrane hardcore. "

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Andrea Orcel taglia a metà la tuta di Santander prima della resa dei conti in campo
Next Post Il Canada, il secondo paese più grande del mondo, sta finendo le terre