La Cina lotta con la peggiore epidemia di Covid-19 dall’origine di Wuhan

La Cina aderisce fermamente a un approccio di tolleranza zero al COVID-19. (un file)

La Cina è fermamente impegnata in un approccio di tolleranza zero al COVID-19, anche se la variante Delta continua a penetrare nelle sue formidabili difese. I funzionari stanno implementando misure sempre più rigorose, che vanno dalle restrizioni ai viaggi nazionali e chiusure improvvise a test di massa di milioni di persone, nel tentativo di frenare il virus.

Tuttavia, più parti del paese stanno lottando con le epidemie che in qualsiasi momento da quando il patogeno mortale è emerso per la prima volta a Wuhan nel 2019. Centinaia di infezioni trasmesse localmente sono state trovate in circa i due terzi delle sue province.

La Cina, l’ultima grande roccaforte di Covid Zero, sta diventando più isolata che mai e le sue imprevedibili restrizioni stanno iniziando a sconvolgere la seconda economia più grande del mondo. Per quanto tempo la vasta nazione può mantenere la sua strategia mentre il resto del mondo impara a convivere con il Covid, e quali fattori potrebbero costringere il Paese a riaprire?

esperti di salute

“La mia valutazione personale è che la Cina non riaprirà le sue porte per un altro anno”, ha affermato Chen Zhengming, professore di epidemiologia all’Università di Oxford.

Ha notato che il successo del paese nel reprimere gli attentati è stato accettato dal pubblico, mentre i luoghi che trattano il virus come una pandemia stanno vedendo “ciò che il governo teme: una volta che si rilassa, i casi aumentano”.

“Il tasso di vaccinazione in Cina è molto alto, ma la maggior parte di loro viene vaccinata con una dose inattivata” che è meno efficace della vaccinazione con mRNA. “Senza un’adeguata copertura dei booster e un cambiamento significativo nei focolai altrove, penso che le possibilità che la Cina riapra e abbandoni Covid Zero siano scarse”, ha affermato. Altrimenti, il Partito Comunista “non cambierà a meno che non raggiunga una situazione che non può controllare”. [the virus] Più di così.”

Una via d’uscita da Covid Zero potrebbe essere quella di “scegliere alcuni posti dove iniziare a sperimentare rischi controllabili”, ha affermato. Testare cosa succede una volta abbandonate le misure estreme, ha detto, “darebbe alle persone un’enorme fiducia”.

READ  HARRIS: L'apparizione congiunta di Biden-Harris non è riuscita a soffocare i rapporti di polemiche

Anche se il governo sceglie di rimanere isolato per altri tre o quattro anni, ha detto, “La Cina è un grande paese, può mantenersi bene internamente”.

E secondo Jason Wang, direttore dello Stanford University Center for Policy, Outcome, and Prevention, un altro motivo per ritardare la riapertura. “È davvero difficile ricevere assistenza in molte città”, ha detto. “Un piccolo extra potrebbe sovraccaricare la capacità dell’ospedale e questo potrebbe portare a disordini sociali”.

“È difficile prevedere quanto durerà” Covid Zero, ha aggiunto. “Può durare a lungo.”

Yanchong Huang, senior fellow per la salute globale presso il Council on Foreign Relations di New York, non si aspetta alcun cambiamento fino a dopo il 20° Congresso del Partito alla fine del 2022. “Il governo cinese non consente e non può correre rischi prima di ciò”.

Ha aggiunto che un cambiamento nel tono dei media statali potrebbe indicare l’approccio di un asse del governo. Fintanto che la segnalazione rimane molto critica nei confronti dei dati sulle infezioni in paesi più aperti, “è improbabile che ottengano la fiducia della loro gente quando la politica cambia bruscamente”.

Peter Collignon, medico specializzato in malattie infettive e professore presso la Australian National University School of Medicine, ha affermato che l’alto numero di casi in inverno potrebbe costringere il governo a ripensarci entro poche settimane.

“Sarà presto – gennaio, probabilmente – quando penseranno, beh, abbiamo molti casi qui e dovremo solo convivere con Covid e controllarlo nel miglior modo possibile”, ha detto. Ha aggiunto che la Nuova Zelanda, l’Australia e Singapore avevano “molto seguito l’approccio cinese” al virus, ma che si era “molto diffuso durante i periodi invernali”.

osservatori politici

“Sarebbe un enorme shock se il partito dovesse fare marcia indietro prima delle Olimpiadi invernali e del 20° Congresso del Partito l’anno prossimo”, ha affermato George Magnus, ricercatore associato presso il China Center dell’Università di Oxford. “La Cina vede il suo record di Covid come un distintivo d’onore” e il cambio di strategia a Pechino sarebbe visto come imbarazzante.

“È difficile vedere la Cina in pericolo di rilassarsi prima che i suoi vaccini migliorino”, ha aggiunto Magnus. “Non vedo alcuna circostanza che influisca sulla decisione di continuare a non avere Covid e di tenere in gran parte lontani i visitatori stranieri”.

READ  Dall'Australia alla Cina dopo aver annullato l'accordo Belt and Road

Frank Tsai, docente presso il campus della Emilion Business School di Shanghai e fondatore della società di consulenza China Crossroads, concorda sul fatto che il governo sarebbe “estremamente riluttante a rinunciare a ‘Zero Covid’ per evitare qualsiasi epidemia che ne comprometta la legittimità”.

“La solida risposta della Cina al virus Covid è stata tra i migliori argomenti a favore del suo sistema di governo, poiché ha convinto sia i cinesi stessi che molti non cinesi in tutto il mondo”, ha affermato.

Tuttavia, la nazione “troverebbe più difficile contrastare la retorica ‘anti-cinese’ senza gli stranieri che erano già qui e che potrebbero sostenere la sua tesi”.

osservatori del mercato

Jessica T, specialista in investimenti presso BNP Paribas Asset Management Asia Ltd.

Questo approccio “può ritardare il pieno recupero di alcuni consumi di servizi, in particolare nei settori dell’ospitalità”, ha aggiunto. Tuttavia, Tea vede la tecnologia, le scienze della vita e i titoli legati alla transizione energetica come aree di crescita per il 2022.

L’investitore veterano Mark Mobius concorda sul fatto che attenersi alla strategia di esclusione non eliminerà le opportunità di investimento cinesi. “Puoi isolare completamente la Cina dal mondo e avere ancora un mercato interno molto ampio e molto attraente”.

Tuttavia, “se si guarda a Hong Kong come una porta d’ingresso alla Cina – per molti, direi per la maggior parte degli investitori stranieri – il grado in cui la Cina sta reprimendo ed estendendolo a Hong Kong non è una buona cosa”, ha detto. “Dovremo aspettare e vedere se durerà di più. Penso che avrà sicuramente un effetto negativo”.

Jason Brady, CEO e gestore di fondi di Thornburg Investment Management, ha affermato che il divario politico tra la Grande Cina e il resto del mondo “diventerà ancora più pronunciato”. Man mano che emerge la realtà del coronavirus endemico, “gli investitori devono pensare a come sarà il mondo tra sei mesi”.

economisti

L’approccio della Cina “potrebbe limitare il potenziale positivo dell’economia, in particolare per il settore dei consumi e dei servizi”, ha affermato Shuang Ding, capo economista per la Grande Cina e l’Asia del Nord presso Standard Chartered Bank (Hong Kong) Limited. Il lato negativo dell’epidemia è fuori controllo.” Si aspetta che la nazione aderisca a COVID Zero “forse fino alla conclusione dell’NPC”. [National People’s Congress] incontri di marzo.

READ  Il CEO di Huawei dà il benvenuto a Hero in Cina, elogia la forte patria

Ha detto che la Cina potrebbe quindi riconsiderare “sulla base delle esperienze di altri paesi”. “Soprattutto coloro che hanno raggiunto i tassi di vaccinazione di gregge e hanno deciso di trattare il Covid come una malattia endemica”.

Bruce Pang, capo della ricerca macro e strategie presso China Renaissance Securities Hong Kong, ha affermato che la vaccinazione della popolazione è fondamentale anche con un approccio a tolleranza zero. “Se la Cina si attiene alla sua strategia zero-Covid, riteniamo che una ripresa sostenibile e vivace in Cina non si vedrà senza tassi di vaccinazione più elevati e la disponibilità di dosi di richiamo”.

Professionisti del viaggio

“Non sappiamo davvero” quando la nazione riaprirà i suoi confini, ha affermato Gary Bowerman, direttore della società di ricerche di viaggi e turismo Check In Asia. “Ovviamente non sarà prima delle Olimpiadi invernali di Pechino e questo sembra garantito. Potrebbe essere il secondo trimestre del prossimo anno, o forse un altro anno”.

Secondo Bormann, “Guardi all’ultimo periodo di viaggio per le vacanze di ottobre ed è stato un po’ deludente. Quindi non sappiamo quanto sia forte la fiducia in viaggio”. Quando la Cina riaprirà, si aspetta che sarà “molto graduale”.

“Il governo ha annunciato che continuerà a gestirlo in modo abbastanza rigoroso almeno fino alla metà del prossimo anno”, ha affermato Jeffrey Goh, CEO della Star Alliance a 26 vettori. Ma la sua organizzazione sta lavorando con i suoi membri cinesi per “portare prove mediche e scientifiche al tavolo dei negoziati per persuadere le autorità a guardare le cose da una prospettiva leggermente diversa”. Goh ha aggiunto che le sue controparti di OneWorld e SkyTeam stanno facendo sforzi simili.

Goh ha affermato che la coalizione è “ottimista” sul fatto che le autorità possano essere persuase a cambiare rotta. “Abbiamo visto questo lavoro in Australia, Nuova Zelanda, Taiwan e Thailandia”, ha aggiunto.

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata dalla troupe di NDTV ed è pubblicata da un feed sindacato.)

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Amazon chiede il permesso di lanciare 4.500 satelliti per la connessione a Internet – Telco
Next Post Kartik Purnima 2021: il 19 novembre si verificherà l’eclissi lunare più lunga del secolo. Ecco tutto quello che devi sapere