La Cina ha studiato l’arma del coronavirus nel 2015: rapporti

Gli scienziati cinesi avrebbero indagato sull’arma dei virus Corona cinque anni prima della diffusione della pandemia Covid-19 e potrebbero aver anticipato una terza guerra mondiale combattuta con armi biologiche, secondo quanto riportato dai media riferendosi a documenti ottenuti dal Dipartimento di Stato americano.

Secondo il quotidiano britannico “The Sun”, citando notizie diffuse per la prima volta dal quotidiano “The Australian”, i documenti “bomba” ottenuti dal Dipartimento di Stato americano mostrano che i leader dell’Esercito popolare di liberazione cinese stanno facendo la sinistra previsione .

I documenti scritti da scienziati militari e alti funzionari della sanità pubblica cinese sarebbero stati acquisiti da funzionari statunitensi nel 2015 come parte della loro indagine sulle origini del Covid-19.

Scienziati cinesi hanno descritto il coronavirus della SARS – di cui il Covid-19 è un esempio – come una “nuova era di armi genetiche”.

Sembra che i documenti dell’Esercito popolare di liberazione a cui si fa riferimento immaginino che un attacco con armi biologiche causerebbe “il collasso del sistema medico del nemico”.

Prende atto del lavoro svolto dal colonnello dell’aeronautica statunitense Michael J. Ainskov, che ha predetto la possibilità di combattere la terza guerra mondiale con armi biologiche.

Il documento include anche il pensiero che la SARS – che ha colpito la Cina nel 2003 – potrebbe essere un’arma biologica artificiale rilasciata deliberatamente dai “terroristi”.

Secondo quanto riferito, si vantavano che i virus potevano essere “manipolati artificialmente e trasformati in virus derivanti da una malattia umana, quindi utilizzati come armi e rilasciati in un modo senza precedenti”.

Il documento elenca alcune delle figure più importanti della salute pubblica in Cina tra gli autori ed è stato rivelato in un prossimo libro sulle origini di COVID, intitolato What Really Happened in Wuhan.

READ  Rabbia come battute repubblicane americane sul battere Nancy Pelosi

La Cina ha segnalato il suo primo caso di Covid-19 a Wuhan, nella Cina centrale, alla fine del 2019, e da allora la malattia mortale è diventata una pandemia, che ha colpito più di 157789.300 persone e più di 3.285.200 morti in tutto il mondo.

Il rappresentante Tom Tugendhat e il politico australiano James Patterson hanno affermato che il documento solleva grandi preoccupazioni sulla trasparenza della Cina sulle origini del Covid-19.

“L’apparente interesse della Cina per le armi biologiche è estremamente preoccupante”, ha affermato Tugendat, presidente della commissione per gli affari esteri della Camera dei Comuni, dicendo: “Anche sotto i controlli più severi, queste armi sono pericolose”.

“Questo documento solleva grandi preoccupazioni sulle ambizioni di alcuni di coloro che consigliano i vertici del partito”.

Peter Jennings, direttore esecutivo dell’Australian Strategic Policy Institute (ASPI), ha detto a news.com.au che il documento è quanto di più vicino a una “pistola fumogena” come ce l’abbiamo.

Jennings ha detto: “Penso che questo sia importante perché mostra chiaramente che gli scienziati cinesi hanno pensato all’applicazione militare di diversi ceppi del Coronavirus e hanno pensato a come diffonderlo”.

“Inizia a dimostrare la possibilità che quello che abbiamo qui sia il rilascio accidentale di un agente patogeno per uso militare”, ha aggiunto Jennings.

Ha anche affermato che il documento potrebbe spiegare perché la Cina è riluttante a condurre indagini esterne sulle origini del Covid-19.

“Se questa fosse una transizione da un mercato umido, sarebbe nell’interesse della Cina collaborare … abbiamo avuto l’opposto”.

Le domande sulle origini del virus mortale rimangono dopo un’indagine dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) che è stata derisa così tanto all’inizio di quest’anno, poiché l’organizzazione ha ordinato ulteriori indagini sui fattori che portano alla possibilità di una perdita di laboratorio.

READ  L'India ha segnalato 31.923 nuovi casi di Covid nelle ultime 24 ore, secondo il Ministero della Salute

La maggior parte degli scienziati ha affermato che non ci sono prove che il Covid-19 sia stato prodotto dall’uomo, ma rimangono dubbi sul fatto che sia sfuggito al biolaboratorio a Wuhan, la regione cinese in cui ha avuto origine l’epidemia.

La Cina è nota per condurre ricerche ad alto rischio “acquisizione di posti di lavoro” presso il Wuhan Institute of Virology (WIV), che è vicino al punto zero dello scoppio nel mercato del pesce di Huanan.

Non ci sono ancora prove che sia stato lanciato intenzionalmente dalla Cina.

Nel frattempo, il quotidiano statale Global Times di Pechino ha criticato il quotidiano australiano per aver pubblicato l’articolo per screditare la Cina.

Un libro accademico che esplora il bioterrorismo e il potenziale dell’uso di virus in guerra è stato interpretato come una teoria del complotto da The Australian, che intenzionalmente e maliziosamente intende inventare pretesti per diffamare la Cina, Chen Hong, professore e direttore del Center for Australian Studies in the Est. China Normal University, ha detto al giornale.

“È un peccato per le forze anti-cinesi in Australia sostenere la propria ideologia contro la Cina a scapito dell’etica professionale della stampa professionale, e cospirare per pervertire il vero significato del libro”, ha detto Chen.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Barche che trasportano centinaia di migranti arrivano a Lampedusa, in Italia, da Reuters
Next Post Zverev sconfigge Brettini e conquista il suo secondo titolo al Madrid Open