La Cina ha preso di mira l’azienda milanese di semiconduttori prima del veto di Draghi

L’obiettivo di un’offerta pubblica di acquisto cinese bloccata dal primo ministro italiano Mario Draghi la scorsa settimana era una piccola azienda di semiconduttori con sede vicino a Milano.

Shenzhen Invenland Holdings Co., Ltd. Il governo italiano ha riferito di aver acquisito il 70% delle azioni LPE SpA in data 21 dicembre 2020, secondo un decreto firmato da Draghi e dal Dipartimento dello Sviluppo contro l’acquisizione del 31 marzo.

L’amministratore delegato di LPE, Franco Prietti, ha rifiutato di commentare, così come un portavoce del governo e una portavoce del ministero dello Sviluppo.

Durante una conferenza stampa giovedì, Draghi ha detto che l’Italia l’ha fatto Recentemente ha chiamato nel cosiddetto golden power nel settore dei semiconduttori, senza nominare le società coinvolte. Era la prima volta che il suo governo utilizzava questo potere per impedire l’acquisizione di un’azienda straniera.

Spiegando la decisione, Draghi ha detto: “La carenza di semiconduttori ha rallentato la produzione di molte case automobilistiche lo scorso anno, quindi questo è diventato un settore strategico”. Dobbiamo usare il veto “quando necessario e quando la legge lo consente”, ha aggiunto.

Fotografo: Alicia Perdominico / Bloomberg

LPE progetta e produce super reattori per applicazioni di elettronica di potenza. I reattori sopraassiali sono essenziali nell’industria dei semiconduttori perché consentono un primo trattamento chimico e termico del silicio, rendendoli pronti per la fabbricazione di chip. Il decreto afferma che i reattori in silice di LPE potrebbero “trovare applicazioni in campo militare”.

STMicroelectronics NV, il produttore di chip italo-francese, è tra i principali clienti di LPE, secondo persone che hanno familiarità con la questione. Hanno aggiunto che LPE fornisce a STMicro dei super reattori.

READ  Le prenotazioni dei vaccini aumentano in Italia dopo che l'autorizzazione sanitaria COVID-19 diventa obbligatoria

Con il rallentamento causato dal Coronavirus, che ha accelerato l’interesse per operazioni di acquisizione in Europa da parte di società americane e cinesi, i governi di Berlino, Parigi, Madrid e Roma hanno aumentato i loro poteri di opposizione agli investimenti dall’esterno dell’Unione Europea per proteggere le società di valore ; Il blocco ha iniziato a introdurre regole continentali per controllare le acquisizioni per motivi di sicurezza.

Draghi ha detto ai giornalisti di aver sostenuto una precedente chiamata del ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti per estendere i poteri di veto speciale dell’Italia al settore automobilistico e siderurgico.

Per saperne di più: la paura degli acquirenti cinesi e americani costringe l’Europa a prendere una posizione difensiva

La struttura principale di LPE si trova in una piccola città chiamata Baranzate, a circa 15 miglia dalla sede italiana di STMicro ad Agrate Brianza. L’azienda impiega circa 50 persone e il suo profitto per l’intero anno nel 2019 è di 6,8 milioni di euro. Le vendite dell’intero anno per quell’anno sono state di circa 28 milioni di euro, rispetto ai 52 milioni di euro del 2018.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post La madre di Alia rilascia una dichiarazione sulla morte di DMX
Next Post Il gioco da 53 punti di Jason Tottenham guida i Celtics sui Timber Wolves