La Cina dice che domenica i detriti di un missile sono atterrati nell’Oceano Indiano

I resti del più grande missile cinese sono caduti domenica nell’Oceano Indiano, con la maggior parte dei suoi componenti distrutti al suo ritorno nell’atmosfera terrestre, secondo i media statali cinesi, ponendo fine a giorni di speculazioni su dove sarebbero caduti i detriti.

Parti del Long March 5B sono tornate nell’atmosfera alle 10:24 ora di Pechino (0224 GMT) e sono atterrate in una posizione con coordinate di 72,47 gradi di longitudine est e 2,65 gradi di latitudine nord, secondo quanto riportato dai media statali cinesi su Chinese Manned Space Engineering. Ufficio come dice lui.

Le coordinate posizionavano il punto di impatto nell’oceano, a ovest dell’arcipelago delle Maldive.

L’Ufficio cinese di ingegneria aerospaziale con equipaggio ha detto che la maggior parte dei detriti è stata bruciata nell’atmosfera.

Il relitto del Long March 5B ha indotto alcune persone a guardare con cautela verso il cielo poco dopo il decollo dall’isola cinese di Hainan il 29 aprile.

Il Long March 5B lanciato la scorsa settimana è stato il secondo dispiegamento della variante 5B dal suo primo volo nel maggio 2020. L’anno scorso, pezzi del primo Long March 5B sono caduti sulla Costa d’Avorio, danneggiando diversi edifici. Non ci sono state notizie di feriti.

Con la maggior parte della superficie terrestre coperta dall’acqua, le probabilità di aree popolate sulla Terra erano basse e la probabilità di lesioni era inferiore, secondo gli esperti.

Ma l’incertezza sul decadimento orbitale del missile e l’incapacità della Cina di emettere rassicurazioni più forti nel periodo precedente al ritorno del missile ha causato allarme.

Durante il volo del missile, l’astrofisico dell’Università di Harvard Jonathan McDowell ha detto a Reuters che la potenziale area di detriti potrebbe essere a nord fino a New York, Madrid o Pechino, e a sud fino al Cile meridionale e Wellington, in Nuova Zelanda.

READ  Il primo ministro Biden desidera il 4 luglio inviare un messaggio silenzioso alla Cina? | Notizie dall'India

McDowell ha affermato che da quando gran parte della stazione spaziale SkyLab della NASA è caduta dall’orbita nel luglio 1979 ed è atterrata in Australia, la maggior parte dei paesi ha cercato di evitare il rientro incontrollato progettando il proprio veicolo spaziale.

“Questo fa sembrare pigri i progettisti di missili cinesi perché non hanno affrontato questo problema”, ha detto McDowell, un membro dell’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics.

Il Global Times, un quotidiano cinese pubblicato dal People’s Daily ufficiale, ha respinto i timori che il missile fosse “fuori controllo” e potesse causare danni, descrivendolo come una “sensazione occidentale”.

partecipazione a Newsletter di menta piperita

* Inserisci un’e-mail disponibile

* Grazie per esserti iscritto alla newsletter.

Non perdere mai una storia! Rimani connesso e informato con Mint. Scarica subito la nostra app !!

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post L’Unione europea cerca di aprire le sue frontiere per vaccinare i viaggiatori quest’estate
Next Post Madrid Open 2021: Alexander Zverev sconfigge Dominic Thiem, per affrontare Matteo Perettini nella finale di singolare maschile