La Cina chiude l’area intorno alla più grande fabbrica di iPhone del mondo

L’area è circondata dalla più grande fabbrica di iPhone del mondo gestita dal gigante tecnologico taiwanese Foxconn

Pechino:

Le autorità cinesi mercoledì hanno chiuso l’area intorno alla più grande fabbrica di iPhone del mondo dopo che i lavoratori sono fuggiti dalla struttura per evitare un’epidemia di virus e le conseguenti restrizioni.

I funzionari della zona economica di Zhengzhou presso l’aeroporto di Zhengzhou, nella Cina centrale, hanno dichiarato mercoledì che tutte le persone ad eccezione dei volontari per la prevenzione del COVID e dei lavoratori essenziali “dovrebbero lasciare le loro case solo per ricevere esami COVID e cure mediche di emergenza”.

La mossa arriva dopo che le immagini emerse la scorsa settimana sui social media cinesi mostrano persone che si ritirano dalla struttura, gestita dal gigante tecnologico taiwanese Foxconn e che impiega centinaia di migliaia di lavoratori.

I dipendenti si sono lamentati online delle cattive condizioni e hanno dovuto abbandonare la fabbrica a piedi per evitare le restrizioni sui trasporti di Covid.

La Cina è l’ultima grande economia impegnata nella sua strategia di eradicazione del coronavirus, poiché continua con arresti improvvisi, test di massa e lunghe quarantene nel tentativo di arginare i focolai di malattie emergenti.

Ma le nuove variabili hanno messo alla prova la capacità dei funzionari locali di reprimere gli attentati più velocemente di quanto potessero diffondersi, facendo vivere gran parte del paese sotto un mosaico in continua evoluzione di restrizioni Covid.

Il distretto di Zhengzhou ha dichiarato mercoledì che tutte le attività lavoreranno da casa, con solo le “attività chiave” del distretto autorizzate a continuare a operare, senza specificare quali attività rientrano in questa categoria.

READ  Chi è Nadim Zahawi, il ministro britannico dietro Rishi Sunak?

Solo i veicoli sanitari e quelli che consegnano gli elementi essenziali possono scendere dalle strade.

Il governo locale ha affermato che gli oltre 600.000 residenti della zona dovrebbero sottoporsi al test del DNA ogni giorno, avvertendo che “sopprimerà risolutamente ogni tipo di violazione”.

– ‘Ciclo chiuso’ –

Foxconn ha dichiarato durante il fine settimana che sta testando i dipendenti ogni giorno e li tiene in un “circuito chiuso” oltre a fornire il trasporto per coloro che vogliono partire, dopo che i video sui social media hanno mostrato i dipendenti che camminavano lungo le autostrade con i loro bagagli.

I governi locali nell’area intorno a Zhengzhou hanno chiesto ai lavoratori Foxconn di registrarsi presso le autorità se tornano a casa e di completare diversi giorni di quarantena all’arrivo.

Martedì, la società ha aggiunto che avrebbe quadruplicato i bonus per i dipendenti disposti a rimanere nello stabilimento durante l’epidemia.

La Cina ha segnalato più di 2.000 nuove infezioni locali mercoledì per il terzo giorno consecutivo.

La provincia di Henan, dove si trova Zhengzhou, ha ufficialmente riportato 359 casi di Covid-19 mercoledì, un salto dai 104 di martedì.

Anche l’hub manifatturiero della Cina meridionale a Guangzhou ha annunciato la chiusura parziale in diverse regioni questa settimana in risposta al numero crescente di casi.

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata dalla troupe di NDTV ed è pubblicata da un feed sindacato.)

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Il primo ministro italiano Giorgia Meloni ritarda le riforme della giustizia post-pandemia legate ai fondi dell’UE
Next Post Una bambina di 4 anni deve salpare dalla Tunisia alla Sicilia su una nave di migranti senza genitori | Italia