La Cina apre stazioni di polizia illegali nel mondo: rapporto

La polizia di Fuzhou afferma di aver già aperto 30 centri di questo tipo in 21 paesi.

Pechino:

Nel tentativo di emergere come una superpotenza globale, il governo cinese ha aperto molte stazioni di polizia illegali in tutto il mondo, inclusi paesi sviluppati come Canada e Irlanda, il che ha sollevato preoccupazioni tra gli attivisti per i diritti umani.

Tali stazioni di polizia non ufficiali dell’Ufficio di sicurezza pubblica (PSB) sono state istituite in tutto il Canada per inimicarsi gli oppositori della Cina, riferisce Reportika del giornalismo investigativo, citando i media locali.

Secondo i resoconti dei media locali, Fuzhou ha istituito stazioni di servizio di polizia non ufficiali dell’Ufficio di sicurezza pubblica (PSB) in tutto il Canada. Almeno tre di queste stazioni si trovano solo nella Greater Toronto Area.

Inoltre, secondo il giornalismo investigativo Reportika, il governo cinese sta anche influenzando le elezioni in alcuni paesi attraverso queste stazioni di polizia illegali.

La polizia di Fuzhou afferma di aver già aperto 30 centri di questo tipo in 21 paesi.

Paesi come Ucraina, Francia, Spagna, Germania e Regno Unito hanno accordi di questo tipo per le stazioni di polizia cinesi.I leader della maggior parte di questi paesi mettono in dubbio l’ascesa e il deterioramento della situazione dei diritti umani in Cina sulle piattaforme pubbliche, e loro stessi sono parte del problema.

Attivisti per i diritti umani hanno accusato il Partito Comunista Cinese al potere di aver commesso abusi diffusi in tutto il paese in nome della sicurezza, misure che includono il rinchiudere le persone nei campi di concentramento, la separazione forzata delle famiglie e l’esecuzione di sterilizzazioni forzate.

READ  Nell'ultimo focolaio in Cina, i medici affermano che le persone infette si ammalano più velocemente

Da parte sua, la Cina ha affermato che le strutture sono “centri di formazione professionale” necessari per “contrastare” l’estremismo e migliorare i mezzi di sussistenza. Funzionari cinesi hanno affermato alla fine del 2019 che la maggior parte dei “tirocinanti” si era “diplomata” dai centri.

L’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Michelle Bachelet, ha recentemente visitato la Cina e lo Xinjiang.

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata dalla troupe di NDTV ed è pubblicata da un feed sindacato.)

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Il costo del debito del Regno Unito sui mercati internazionali supera la Grecia e l’Italia | Banca d’Inghilterra
Next Post Dennis B. Salerno 1950-2022 | Notizie, sport, lavoro