La Cina adotta misure per uccidere 21 corridori nella maratona “non professionale” di 100 km

27 funzionari rischiano una punizione in Cina per aver ospitato una maratona “non professionale” che ha ucciso 21 corridori

Pechino:

Le autorità locali hanno affermato che 27 persone, tra cui diversi alti funzionari del governo municipale, hanno affrontato punizioni disciplinari o accuse penali dopo essere state ritenute responsabili di aver ospitato una maratona “non professionale” nella provincia di Gansu il mese scorso in cui sono stati uccisi 21 corridori.

Una corsa in montagna di 100 km nella provincia di Gansu, nel nord-ovest della Cina, si è rivelata mortale il 22 maggio quando pioggia gelata, vento forte e grandine hanno colpito improvvisamente i rivali. Ventuno persone, tra cui il noto maratoneta cinese Liang Jing, sono morte nella tragedia.

“I processi non standard e non professionali dell’evento hanno portato all’incidente”, ha affermato il rapporto dell’indagine annunciato in una conferenza stampa a Lanzhou, la capitale della provincia di Gansu.

Alla maratona di montagna hanno partecipato in totale 172 persone. Mentre otto hanno riportato ferite lievi, è stato confermato che 151 sono al sicuro.Secondo i media, la maggior parte dei concorrenti indossava pantaloncini e magliette.

L’agenzia di stampa Xinhua ha riferito che il segretario del Partito Comunista Cinese al potere a Baiyin, Su Jun, e il sindaco di Baiyin Zhang Shuchen, sono stati tra coloro che hanno ricevuto sanzioni disciplinari.

Zhang Wenling è stato rimosso dalla sua posizione di giudice della prefettura di Jingtai, mentre il segretario del partito Jingtai Li Zhoubi, morto dopo l’incidente, è stato sollevato dalla punizione.

Il sindaco della città di Baiyin, Zhang Shuchen, che è stato tra quelli puniti, ha affermato che la tragedia è stata causata da un improvviso cambiamento del tempo e la contea ha istituito una squadra investigativa per indagare più a fondo sulla causa dell’incidente.

READ  Il Bangladesh revoca il divieto di viaggio in Israele

“Come organizzatori dell’evento, proviamo un profondo senso di colpa e rimorso. Esprimiamo le nostre più sentite condoglianze e condoglianze alle famiglie delle vittime e delle vittime”, ha affermato.

La tragedia ha scatenato la rabbia pubblica sui social media cinesi, con critiche rivolte principalmente al governo di Baiyin per la mancanza di pianificazione di emergenza.

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata dalla troupe di NDTV ed è pubblicata da un feed sindacato.)

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Othani Mattil, Angels Top T-Pack 6-5 | K.L.R.T.
Next Post Realme svela il suo primo tablet il 15 giugno insieme a un laptop a