La capsula Orion della NASA arriva sulla luna sulla strada per un’orbita lunare da record | NASA

La capsula Orion della NASA ha raggiunto la luna lunedì, volando sul retro e passando entro 80 miglia dalla superficie nel suo percorso verso un’orbita lunare da record.

L’avvicinamento ravvicinato si è verificato quando la capsula dell’equipaggio ei tre manichini di prova si trovavano sul lato opposto della Luna.

A causa di un blackout delle comunicazioni di mezz’ora, i controllori di volo a Houston non sapevano se il lancio di un motore critico stava andando bene fino a quando la capsula non è uscita da dietro la Luna, a più di 232.000 miglia dalla Terra.

È la prima volta che visita la capsula lunare da allora NASAIl programma Apollo 50 anni fa, e una pietra miliare così importante nel volo di prova da 4,1 miliardi di dollari iniziato mercoledì scorso dopo che Orion è stato lanciato nello spazio. In cima alla colossale Artemide Razzo.

La traiettoria di volo di Orione ha rilevato i siti di atterraggio dell’Apollo 11, 12 e 14, i primi tre atterraggi dell’umanità sulla luna.

La luna è apparsa più grande che mai nel video trasmesso la mattina presto, poiché la capsula si è chiusa a poche migliaia di miglia da quando è esplosa mercoledì scorso da Kennedy, in Florida. spazio Il centro, in cima al razzo più potente che la NASA abbia mai costruito.

“Questo è uno di quei giorni a cui hai pensato e parlato per molto tempo”, ha detto il direttore di volo Zeb Scoville mentre aspettava che la comunicazione riprendesse.

Mentre la capsula passava da dietro la Luna, le telecamere a bordo rimandavano un’immagine della Terra, una macchia bluastra circondata dal nero.

Orion aveva bisogno di lanciarsi intorno alla luna per prendere una velocità sufficiente per entrare nell’orbita lunare ampia e sbilenca. Se tutto va bene, un altro lancio del motore metterà la capsula in quell’orbita venerdì 1°.

Questo fine settimana, Orion supererà il record di distanza della NASA per un veicolo spaziale progettato per gli astronauti, a circa 250.000 miglia dalla Terra, stabilito dall’Apollo 13 nel 1970.

E continuerà ad avanzare, raggiungendo la massima distanza dalla Terra lunedì prossimo a circa 270.000 miglia.

La capsula trascorrerà circa una settimana in orbita attorno alla Luna, prima di tornare a casa. Il deflusso nell’Oceano Pacifico era previsto per l’11 dicembre.

Orion non ha un lander lunare e un atterraggio non arriverà fino a quando gli astronauti della NASA non tenteranno di atterrare sulla luna nel 2025 usando la SpaceX Starship. Prima di allora, tuttavia, gli astronauti cattureranno Orion in un viaggio intorno alla Luna già nel 2024.

READ  Decine di partecipanti a festival musicali risultano positivi al coronavirus
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Un piccolo aereo si schianta contro una zona residenziale della città colombiana di Medellin
Next Post La maggior parte degli scrittori di calcio li guarderà nel 2022