La bellissima scultura ossea di 51.000 anni fa sta cambiando la nostra visione dei Neanderthal

Come esseri umani, ci piace pensare di avere alcuni tratti unici nel regno animale. La lingua ci consente di comunicare in modo efficiente tra di noi. La cultura conserva e accumula la conoscenza attraverso le generazioni. La tecnologia e gli strumenti ci aiutano a risolvere i problemi. Simboli e arte rivelano indizi sulle nostre complesse esperienze.

Un numero crescente di prove suggerisce che i tratti che tendiamo ad assumere siano unici per gli umani moderni, che un tempo potrebbero essere stati presenti anche nei nostri cugini ominidi.

Gli scienziati hanno ora annunciato la scoperta di un osso di cervo gigante scolpito di 51.000 anni che lo ha prodotto uomini di Neanderthal Nelle montagne Harz, ora nel nord della Germania. Le incisioni sull’osso di cervo sono disposte meticolosamente e artisticamente in motivi chevron.

Le prove precedenti di tratti simbolici e artistici nei Neanderthal sono state scarse, ma le nuove scoperte sollevano domande entusiasmanti su quanto fosse davvero complesso il comportamento di Neanderthal.

I risultati si aggiungono a ricerche precedenti che già indicavano che i Neanderthal possedevano tratti comportamentali complessi, come la loro capacità di produrre e ascoltare suoni del linguaggio per gli umani moderni, la loro produzione di strumenti e tecnologia e il loro lutto per i morti.

Gli archeologi Dirk Leider, Thomas Terberger e i loro colleghi hanno datato al carbonio un osso di cervo, rendendolo vecchio di 51.000 anni. L’analisi microscopica e la replica sperimentale indicano che l’osso è già stato bollito per ammorbidirsi prima della procedura di incisione.

Finora, i Neanderthal sono artistici Guida Motivi semplificati e stencil a mano sono rappresentati sulle pareti delle caverne in tre località spagnole: La Pasiega, Maltravieso e Ardales.

READ  I materiali rivoluzionari autocoscienti gettano le basi per le strutture viventi

Gli autori del nuovo studio ritengono che l’incisione a linea singola nel design a chevron si sia combinata con il fatto che questi cervi giganti (Megaloceros giganteus) erano rari all’epoca a nord delle Alpi, rafforzando l’idea che le iscrizioni avessero un significato simbolico e mostrando prove di immaginazione concettuale nei Neanderthal.

“I reperti archeologici di incisioni artistiche sono rari e, in alcuni casi, oscuri. Le prove per la decorazione artistica indicano la produzione o la modifica di oggetti per ragioni simboliche al di là della mera funzione, aggiungendo una nuova dimensione alla complessa capacità cognitiva dei Neanderthal,” Scritto da Sylvia Bello Dal Natural History Museum di Londra, in un articolo di accompagnamento su News & Views pubblicato su natura.

“La selezione del materiale e la sua preparazione prima dell’intaglio e l’abile tecnica utilizzata nell’incisione sono tutti indice di competenza avanzata e grande abilità nella lavorazione delle ossa”, aggiungi sotto.

La domanda al centro di questa ricerca è se questi uomini di Neanderthal siano stati influenzati dagli antichi H. sano di mente Contemporanei nella produzione di questo tipo di osso intagliato.

Leder, che lavora presso il Dipartimento di Stato per il patrimonio culturale della Bassa Sassonia, e i suoi colleghi ritengono che i Neanderthal avessero le capacità manuali e intellettuali per produrre artefatti indipendentemente da qualsiasi influenza umana moderna.

Sostengono la loro ipotesi con prove archeologiche che lo suggeriscono H. sano di mente È arrivato in Europa centrale diverse migliaia di anni dopo che l’osso scavato è stato datato.

Tuttavia, dato di recente Guida di uno scambio genetico tra Neanderthal e umani moderni più di 50.000 anni fa, Bellow pensa che non possiamo escludere la possibilità H. sano di mente Ha avuto una certa influenza sui Neanderthal che hanno prodotto questi tipi di manufatti.

“Dato questo scambio precoce di geni, non possiamo escludere un simile scambio precoce di conoscenze tra gli esseri umani moderni e i Neanderthal”, lei scrive.

“La possibilità di acquisire conoscenze dall’uomo moderno non diminuisce, a mio avviso, le capacità cognitive dei Neanderthal. Al contrario, la capacità di apprendere, integrare l’innovazione nella propria cultura e adattarsi alle nuove tecnologie e ai concetti astratti dovrebbe essere riconosciuta come un elemento di complessità comportamentale”.

La ricerca è stata pubblicata in Ambiente e sviluppo della natura.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Il consorzio guidato da Alibaba salva il gruppo Suning
Next Post Dior celebra la moda da vicino e personale dopo la pandemia