Kovacic, centrocampista del Chelsea: mi ha fatto rompere una gamba con la Dinamo Zagabria

Il centrocampista del Chelsea Mateo Kovacic ha ammesso che è stato un momento di orgoglio poter giocare per la Dynamo Zagabria da giovane.

Secondo Kovacic, il trasferimento alla Dynamo da junior ha coinciso con la decisione della sua famiglia di tornare in Croazia.

Scrisse chelseafc.com: “I miei genitori mi hanno cresciuto con la chiesa nella mia vita. Mi hanno cresciuto per ringraziare Dio per essere stato con noi. Non ho mai pregato per vincere, tuttavia, voglio sempre ringraziare Dio perché sono una famiglia per tutti coloro che sono con me.

“Ero un ragazzo croato, nato in Austria. Quando avevo 12 anni ho giocato una partita in Croazia. Dopo ho sentito che la Dinamo Zagabria era molto interessata a me. Alla fine mi sono piaciuti così tanto che tutta la mia famiglia trasferito in Croazia.

Ricordo quando mio padre mi disse “Figliolo, stiamo tornando”, stavo piangendo ed ero così felice. Alla fine è stato il miglior risultato della mia carriera.

“Molto prima che ci trasferissimo in Croazia, i miei genitori e i miei nonni hanno costruito una casa lì. Andavamo sempre in vacanza. Hanno comprato quel terreno e hanno iniziato a costruire, ma non avremmo mai pensato di andarci perché io e le mie sorelle siamo andati a scuola a Austria Alla fine l’amore per Zagabria e la Croazia era così grande, così siamo tornati e abbiamo vissuto in questa casa dove vivono ancora i miei nonni.

“Quando ho avuto la possibilità di giocare per la Dynamo, è stato fantastico. Inizialmente, ho giocato le mie prime partite è stato incredibile, ero molto felice. Ma due anni dopo ho avuto un grosso problema, avevo 14 anni quando mi sono rotto. è stato uno dei momenti più importanti della mia vita, finito, non solo la mia carriera calcistica, ma anche la mia vita.

READ  Chi è stato hackerato e chi è stato hackerato: la lista della USMNT Gold Cup di Breaking Holder

“Ho imparato molto quell’anno. Sembra sciocco dirlo, ma per certi versi è la cosa migliore che potesse succedere perché si è rivelata la migliore per me. Assistere con il movimento.

“Quando ero nella stanza con questi ragazzi, mi sono sentito fortunato, il mio infortunio non era niente, mi sono reso conto che c’erano molti casi peggiori del mio. Ho scoperto che nel mio caso era solo una gamba rotta, sarebbe bello Potrei farlo di nuovo, sono stato contento di saperlo e ho pregato Dio di tornare al campo di calcio.

“Ho incontrato anche mia moglie quell’anno, stiamo insieme da più di 10 anni e ho incontrato amici che sono stati con me per tutta la vita da allora, e ora sono con lei. , Perché mia moglie , la mia famiglia e i miei amici sono le cose più importanti per me. Sono cresciuto molto in quei momenti difficili, e alla fine sono tornato perfettamente al calcio”.

Emanuele Schiavone

"Appassionato ninja della birra. Risolutore di problemi estremi. Pensatore. Appassionato di web professionista. Avido comunicatore. Piantagrane hardcore. "

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post La disuguaglianza nell’Eurozona dimostra che il recupero economico dei paesi poveri non è scontato | Torsten Bellsten
Next Post I paesi del G7 promettono più di 1 miliardo di dosi di vaccino contro il Covid ai paesi poveri: il primo ministro britannico Johnson