Korda, Nakashima si preparano per le semifinali statunitensi in The Next Generation Finals | Gli sport

Milano (AFP) – Sebastian Korda e Brandon Nakashima hanno messo in scena una semifinale All-American nelle prossime ATP Finals con la vittoria dell’ultimo turno giovedì.

Il 21enne Korda, figlio del campione dell’Australian Open 1998 Peter Korda, ha metodicamente raccolto il favorito locale Lorenzo Mossetti d’Italia in una vittoria 4-2, 4-3 (4), 4-2 per il Gruppo B con un record 3- 0.

In precedenza, il ventenne Nakashima ha sconfitto Holger Ron 3-4 (3), 4-1, 4-1, 4-3 (1) per assicurarsi il secondo posto nel primo set dietro la testa di serie Carlos Alcaraz nel finale di stagione campionato Per i migliori giocatori di età inferiore ai 21 anni.

READ  Il giovane neozelandese Matthew Garbet è pronto per unirsi al club italiano del Torino

Korda ha vinto il suo primo titolo professionistico in terra italiana a Parma a maggio, dopo di che Nakashima ha raggiunto due partite di campionato consecutive a Los Cabos, in Messico e ad Atlanta, diventando il più giovane giocatore americano a giocare in più finali dopo Andy Roddick nel 2001-02 .

Anche l’argentino Sebastian Baez è arrivato agli ottavi, che ha battuto Hugo Gaston 4-3 (2), 4-2, 4-2 per finire secondo nel Gruppo B dietro Korda e preparare la semifinale con l’Alcaraz.

Alcaraz, che aveva già vinto il primo set, ha realizzato 22 dritti in un 4-0, 4-1, 2-4, 4-3 (3) su Juan Manuel Cerondolo, che era già stato eliminato.

La vittoria ha reso il 18enne Alcaraz il giocatore più giovane a raggiungere 30 vittorie al Tour in una sola stagione da quando Rafael Nadal ha ottenuto 30-17 nel 2004 quando aveva 18 anni.

Ravenna Bianchi

"Esperto di tv estremo. Fanatico della birra. Amichevole fan del bacon. Comunicatore. Aspirante esperto di viaggi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Fortnite Leak potrebbe suggerire un crossover X-Men a sorpresa
Next Post Il rover persistente graffia la roccia di Marte “per guardare qualcosa che nessuno ha mai visto prima”