Kim Woo Bin sul suo piccolo schermo con “Our Blues”: sono nervoso e ancora felice

Prima dell’uscita di “Our Blues”, il regista sudcoreano Kim Kyu Tae e lo scrittore Noh Hee Kyung hanno tenuto una conferenza stampa con sette attori famosi, tra cui Lee Byung Hun, Shin Min A, Cha Seung Won, Lee Jung Eun, Uhm Jung Hwa e Han Ji Min e Kim Woo Bin che parteciperanno al dramma.

Mentre il dramma attende molto a causa della sua nuova storia basata sulla vita sull’isola di Jeju, ciò che lo rende ancora più speciale è il ritorno dell’attore Kim Woo Bin sul piccolo schermo dopo 6 anni. ‘Out Blues’ è il suo primo dramma da quando si è ripreso dal cancro. Estratti dall’evento stampa:

Questa è la prima volta che ti vediamo allo spettacolo. Come ti senti quando torni sul piccolo schermo dopo 6 anni?

Prima di tutto, sono nervoso. È passato un po’ di tempo, quindi sono nervoso. Sono apparso in alcune varietà scritte e in alcuni spot pubblicitari, ma sono comunque felice e grato di recitare in una serie drammatica e di potervi incontrare tutti.

Cosa pensi sia stato importante per il ritratto del capitano Park Jeong Joon in Our Blues?


Mi sono concentrato sul cercare di mettermi nei panni di Jeong Jun, per capire come è cresciuto e le sue emozioni, come si sente. Ho appena seguito la sceneggiatura dello scrittore Noh e il viaggio emotivo di Jeong Jun. Quando mi stavo preparando per il ruolo, volevo capire l’ambiente in cui viveva, quindi sono andato a Jeju prima del necessario. Ho parlato con alcuni dei capitani delle barche ea volte andavo in giro per vedere come si muovevano. Ho anche imparato a tagliare i pesci, quindi ho impiegato molto tempo a cercare di capirlo.

READ  Snootie Wild ha raccontato stranamente come si sentiva come se avesse giocato alla roulette russa per tutta la vita prima che gli sparassero

Essendo il più giovane, come ti sei sentito quando hai saputo della troupe stagionale?


Ero molto nervoso.

Sembri nervoso ora…


Sì! Mi agito tutto il giorno. Non posso sedermi adesso. Sto lavorando a questo progetto con grandi attori a cui tengo molto e alcuni dei quali già conosco. Quindi è stato molto eccitante. Questo di solito non accade quando sei in un progetto con così tanti grandi attori. Ci sto solo cavalcando (sorride)!

Si prega di condividere un momento indimenticabile dai gruppi.


Ho filmato sulle barche per alcune scene e ho avuto il mal di mare. Stavo prendendo farmaci in anticipo per alleviare la nausea, ma ero ancora malato. Ma in una situazione come questa, se qualcuno si ammala, dovremo capovolgere la barca e girare di nuovo quella scena. Quindi mi concentravo solo sull’orizzonte e mi concentravo sulla respirazione, se avessi abbassato la guardia per una volta, la nausea mi avrebbe attaccato di nuovo. Una volta che mi sono attaccato ad esso, è diventato molto rilassante, come se stessi meditando e rimuovendo la nausea. Erano momenti che non avrei potuto vivere facilmente da nessun’altra parte. Sono stati i miei momenti più memorabili.

È come se ti trovassi di fronte a te stesso in mezzo all’oceano…


Sì, è stata una lotta.

Descrivi la tua chimica con la tua controparte sullo schermo in una parola.


Personalmente, è stato rinfrescante. Non so spiegare perché, ma vedrai.

Abelie Lombardi

"Pioniere del caffè. Pensatore appassionato. Creatore. Appassionato di Internet a misura di hipster".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Un composto chimico che promuove un invecchiamento sano – aggiungendo muscoli, forza ed energia mentre perdi grasso
Next Post Il Ministero del Commercio giordano e un’agenzia italiana ospitano un workshop sulle PMI