Kemba Walker, Boston Celtics per giocare a Gara 4 senza Robert Williams

BOSTON – La guardia all-star dei Celtics Kemba Walker e il centro Robert Williams saranno con i Brooklyn Nets al DD Garden domenica sera per il primo round della Serie 4.

Walker ha a che fare con un infortunio osseo al ginocchio sinistro che ha subito in gara 2. Williams ha manovrato la punta del piede per settimane, lasciando una distorsione alla caviglia sinistra in gara 3.

L’allenatore dei Celtics Brad Stevens ha detto che non si aspettava che Walker o Williams giocassero prima della partita e che Boston guarderà la serie anche in due partite.

Stevens ha detto che Walker ha sentito qualcosa al ginocchio in Gara 2, ed è stato elencato nel rapporto sugli infortuni con un infortunio alle ossa prima della Gara 3. Con otto ripartenze nella vittoria 125-119 di Boston, ha tirato 3 su 14 in campo e ha segnato solo sei punti in 34 minuti.

“Non so quale sia stato il momento esatto, ma ha detto di averlo sentito in gara 2”, ha detto Stevens. “Ha avuto tre giorni di riposo tra Gara 2 e Gara 3, ma era molto dolorante. Ha un lavoro al ginocchio che fa ogni giorno tra una partita e l’altra, poi ha lesioni alle ossa sopra di esso, e poi c’è più dolore di prima. La partita di venerdì.

“Si sentiva abbastanza bravo da giocare [in Game 3, then] Non così bene ieri. Spera che oggi svanisca e che non si senta bene questa mattina. “

Dopo averlo infastidito per la maggior parte del 2020, Walker ha perso le prime settimane della stagione regolare con un programma di rafforzamento di 12 settimane per costruire il ginocchio sinistro. Si è seduto a metà di ogni set back-to-back giocato dai Celtics. Il team sperava che la stagione gli avrebbe permesso di rimanere in buona salute come parte di un piano di manutenzione in corso per il 2020-21.

READ  La pop art italiana resta per le strade: mostra di Mario Shifano a Sima

In tutto, Walker ha perso 29 partite in questa stagione. In confronto, ha perso 35 partite combinate nei primi otto anni della sua carriera con gli Charlotte Hornets, 20 delle quali sono arrivate in una stagione.

Alla domanda se Walker avesse a che fare solo con un infortunio alle ossa o anche a un ginocchio, Stevens ha detto “forse una combinazione di questi”. “Ma è dolorante. … morirà giocando. Fa male quando non può. Non è un ragazzo che vuole essere perso, soprattutto con l’aspettativa di tornare in questa serie.”

Williams ha manipolato la punta del piede sinistro per diverse settimane, con un infortunio che ha saltato diverse partite alla fine della stagione regolare. Ma ha portato in una fantastica performance nel gioco 1, in cui era una forza distruttiva ad entrambe le estremità contro il debole dramma interiore di Brooklyn, inclusa la registrazione di nove volumi.

Ma ha giocato solo sei minuti in Gara 3 prima che la distorsione alla caviglia venisse fuori, e Stevens Williams – che è entrato in Gara 3, noto come il “jolly” della squadra – ha detto che stava affrontando un sacco di dolore.

“L’infortunio alla caviglia non è come una distorsione alla caviglia alta o qualcosa di molto significativo, ma fa davvero male”, ha detto Stevens della Williams. “[With] Il pollice su di esso … ha cercato di guardarlo la notte successiva, non sembrava muoversi. All’inizio ha trascorso la parte migliore di ciascuna di queste vacanze. Non poteva sentirsi meglio di così. “

Secondo Brooklyn, l’attaccante Jeff Green ha iniziato a camminare con la sua fascia vegetale ed è già stato escluso per il resto della serie.

READ  Euro 2020: tempo di crisi per la Spagna e costruzione di Portogallo-Francia - lunga vita! | Calcio
Emanuele Schiavone

"Appassionato ninja della birra. Risolutore di problemi estremi. Pensatore. Appassionato di web professionista. Avido comunicatore. Piantagrane hardcore. "

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Dabaiba partecipa alla conferenza economica italiana durante la sua visita a Roma
Next Post La crisi economica è peggiorata in Pakistan poiché la Cina si rifiuta di ridurre l’onere del debito