Joe Biden afferma che i leader afghani dovrebbero combattere per la loro patria con le conquiste dei talebani

Il presidente degli Stati Uniti ha detto di non avere rimpianti per la sua decisione di ritirare le sue truppe dall’Afghanistan.

Kabul/Washington:

Martedì i combattenti talebani hanno rafforzato la presa sul territorio afghano catturato e ora controllano il 65% del paese, mentre il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha esortato i leader del paese a combattere per la loro patria.

Bil al-Khumri, la capitale della provincia settentrionale di Baghlan, è caduta martedì notte in mano ai talebani, secondo i residenti che hanno riferito del ritiro delle forze di sicurezza afgane verso il deserto di Kilaji, sede di una grande base dell’esercito afghano.

Bil al-Khumri è diventata la settima capitale di provincia sotto il controllo di militanti islamisti in circa una settimana.

“I leader afgani devono unirsi”, ha detto Biden ai giornalisti alla Casa Bianca, osservando che le forze afgane sono più numerose dei talebani e che dovrebbe essere disposto a combattere. “Devono combattere per se stessi, combattere per la loro nazione”.

Il presidente degli Stati Uniti ha detto di non pentirsi della sua decisione di ritirarsi, osservando che Washington ha speso più di un trilione di dollari in 20 anni e ha perso migliaia di soldati. Ha detto che gli Stati Uniti continuano a fornire supporto aereo, cibo, attrezzature e stipendi significativi alle forze afgane.

A Kabul, il presidente afghano Ashraf Ghani ha detto che sta cercando aiuto dalle milizie regionali che combatte da anni. Ha fatto appello ai civili per difendere il “tessuto democratico” in Afghanistan.

A Ibak, il capoluogo di provincia tra Mazar-i-Sharif e Kabul nel nord, i combattenti talebani si stavano spostando negli edifici governativi. Sembra che la maggior parte delle forze governative si siano ritirate.

READ  I talebani potrebbero presentare un piano di pace scritto in Afghanistan il mese prossimo: Reuters | Notizie talebane

“L’unico modo sono gli arresti domiciliari autoimposti o trovare un modo per partire per Kabul”, ha detto l’ufficiale fiscale Sher Muhammad Abbas, quando gli è stato chiesto delle condizioni di vita nell’AIPAC.

“Ma anche Kabul non è più un’opzione sicura”, ha detto Abbas, che sostiene una famiglia di nove persone.

Il nord è stato per anni la regione più pacifica dell’Afghanistan, con una presenza talebana minima. La strategia dei militanti sembra essere quella di impadronirsi del nord e dei valichi di frontiera a nord, ovest e sud, per poi chiuderli a Kabul.

I talebani, che hanno lottato per sconfiggere il governo appoggiato dagli Stati Uniti e imporre una rigida legge islamica con i colloqui di pace bloccati, hanno incontrato poca resistenza mentre hanno preso d’assalto l’AIPAC lunedì.

Martedì un portavoce dell’ufficio politico del gruppo ha detto ad Al Jazeera che il gruppo era impegnato nella pista dei negoziati a Doha e non voleva che crollasse.

Un alto funzionario dell’Unione Europea ha detto martedì che le forze talebane ora controllano il 65% dell’Afghanistan, minacciano di catturare 11 capoluoghi di provincia e cercano di privare Kabul del suo tradizionale sostegno dalle forze nazionali nel nord.

Il governo si è ritirato dalle aree rurali più difficili da difendere per concentrarsi sul mantenimento dei centri abitati. I funzionari hanno invitato il Pakistan a fare pressione sul Pakistan per fermare i rinforzi e le forniture dei talebani oltre il confine. Il Pakistan nega di sostenere i talebani.

Gli Stati Uniti hanno lanciato alcuni raid aerei per sostenere le forze governative. Il portavoce del Dipartimento della Difesa John Kirby ha affermato che gli attacchi hanno avuto un effetto “cinetico” sui talebani, ma ha riconosciuto che c’erano dei limiti.

READ  Bangladesh: Almeno 7 morti e decine di feriti nell'esplosione di Dhaka | notizie dal mondo

“Nessuno qui ha suggerito che gli attacchi aerei siano una panacea e risolveranno tutti i problemi delle condizioni a terra”, ha detto Kirby. “Non l’abbiamo mai detto”.

famiglie sfollate

Talebani e funzionari governativi hanno confermato che gli insorti islamisti hanno invaso sei capoluoghi di provincia negli ultimi giorni a nord, ovest e sud.

Jalam Bahauddin Gilani, capo della National Disaster Authority, ha detto a Reuters che i combattimenti continuano in 25 dei 34 distretti e che 60.000 famiglie sono state sfollate negli ultimi due mesi, la maggior parte delle quali si è rifugiata a Kabul.

Sei stati membri dell’Unione Europea hanno avvertito l’esecutivo del blocco di fermare l’espulsione dei richiedenti asilo afghani respinti che arrivano in Europa, temendo il ripetersi della crisi del 2015-2016 per l’arrivo di oltre un milione di migranti, per lo più dal Medio Oriente.

L’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani Michelle Bachelet ha affermato che stanno emergendo rapporti di abusi che potrebbero equivalere a crimini di guerra e crimini contro l’umanità, inclusi “rapporti estremamente inquietanti” di esecuzioni sommarie di forze governative in resa.

“Le persone giustamente temono che la presa del potere da parte dei talebani cancellerà le conquiste in materia di diritti umani degli ultimi due decenni”, ha detto Bachelet.

I talebani, che sono stati rovesciati dopo gli attacchi dell’11 settembre contro gli Stati Uniti, sembravano in grado di avanzare da diverse direzioni a Mazar-i-Sharif. La sua caduta infliggerebbe un colpo devastante al governo di Ghani.

Atta Muhammad Nur, il comandante della milizia del nord, ha promesso che ci sarebbe stata “resistenza fino all’ultima goccia del mio sangue”. “Preferirei morire dignitosamente che morire disperato”, ha aggiunto su Twitter.

READ  Un uomo armato apre il fuoco contro il governo del Texas, almeno un morto

Washington completerà il ritiro delle sue forze questo mese in cambio delle promesse dei talebani di impedire l’uso dell’Afghanistan nel terrorismo internazionale. I talebani hanno promesso di non attaccare le forze straniere durante il loro ritiro, ma non hanno accettato un cessate il fuoco con il governo.

(Questa storia non è stata modificata dalla troupe di NDTV ed è generata automaticamente da un feed condiviso.)

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Recensione: Sport Kansas City 1, Club Lyon 6
Next Post Ottieni fino al 70% di sconto su alcuni titoli Bethesda durante il QuakeCon 2021 (Nord America)