Jill Duggar accusa papà Jim Bob di “controllo” e “abuso verbale” in documenti scioccanti del tribunale

Instagram

In documenti appena rivelati, l’ex star di “Counting On” ha affermato che la sua relazione estranea con suo padre non è buona perché è “diventata troppo tossica”.

Negozi di ghiaccio – Maggiori dettagli su Jill Duggarturbato con Jim Bob Duggar apparso. Precedente “contare suLa “star” ha accusato suo padre di essere “verbalmente offensivo” nei documenti del tribunale recentemente divulgati dal suo caso del 2017.

Sulle carte che ha ottenuto il Sole Mercoledì 11 maggio, l’ex star del reality 30enne ha scritto: “Ho visto un lato completamente nuovo di mio padre quando io e mio marito abbiamo iniziato a prendere le decisioni migliori per la nostra famiglia, ma non nei suoi interessi”. Ha continuato: “Purtroppo mi sono resa conto che era diventato così controllante, pauroso e reazionario. Era verbalmente offensivo. La nostra relazione non è buona. È diventata così tossica”.

Jill, che ha citato in giudizio le persone responsabili dell’emissione di un rapporto di polizia che dettaglia come mio fratello Josh Duggar Ha continuato dicendo di averli aggrediti sessualmente, spiegando che “a volte inviano messaggi a un thread di famiglia” ma che non si sentiva “a suo agio” a stare con suo padre in un ambiente informale. “Al momento non fa bene alla mia salute mentale”, ha sottolineato.

Gli atti del tribunale affermavano anche che a Jill e suo marito, Derek Dillard, era stato “detto di non venire” a casa della famiglia Duggar senza un esplicito permesso. Questo perché Jim Bob non era d’accordo con alcune delle decisioni personali prese da Jill da adulta, tra cui “farsi un anello al naso”, “bere alcolici” o “indossare pantaloni” invece di abiti modesti.

READ  L'artista vietnamita celebra il capodanno lunare con centinaia di tigri scolpite

I documenti legali hanno anche attirato critiche al patriarca della famiglia Duggar per non aver fornito alle sue figlie un trattamento “appropriato” dopo il presunto incidente di molestie. La causa ha affermato che “a differenza della maggior parte di coloro che affermano di essere stati aggrediti sessualmente, i querelanti, in questo caso, sono stati costretti a convivere con il presunto aggressore per anni dopo la rispettiva aggressione”.

“Agli attori, inoltre, non sono state fornite cure, o almeno cure adeguate (nessuno di loro ricordava il nome del consulente che vagamente ricordava di aver parlato loro una volta, in gruppo e con la presenza delle madri/genitori), per affrontare il trauma dell’aggressione”. “I loro genitori non hanno preso alcuna misura reale per garantire la loro sicurezza durante il resto della loro adolescenza”.

Jill ha anche insistito sul fatto che si ritrova regolarmente “emotivamente esausta e incline alle lacrime” a causa degli “onnipresenti fattori scatenanti” associati all’incidente e alla sua vita familiare. In seguito ha notato che stava “cercando di seppellirla”.

Josh, che non è mai stato condannato per un crimine legato alle presunte molestie nei confronti delle sue sorelle e di altre vittime sconosciute, sta attualmente scontando una pena detentiva per aver ricevuto e detenuto materiale pedopornografico. Rischia fino a 40 anni di carcere.

prossimo articolo