Jannik Sinner mostra le sfumature dei Tre Grandi

Quando Alexander Publik si è avvicinato alla rete, aveva un sorriso molto più grande dell’avversario che lo aveva appena sconfitto. Con una leggera scossa della testa, disse a Jannik Sinner: “Non sei un essere umano, amico. Hai 15 anni e giochi così. Ben fatto”.

L’imbattuto kazako, attualmente classificato al numero 38 del mondo e con una partita molto facile, ha sbalordito la forza e la tenacia del 19enne nei quarti di finale del Miami Masters all’inizio di aprile. Il pubblico spiegherà i suoi commenti più tardi.

“Non è un (umano). Questo è un dato di fatto”, ha detto. “Gli ho chiesto se fosse un umano o no, perché per me è così sorprendente che un uomo della sua età abbia una durezza mentale così dura che molti altri giocatori non lo fanno. L’ho chiamato un robot più volte durante il gioco, ma lo faccio in modo molto onesto perché è davvero un grande giocatore “”.

Questo è solo un modo per descrivere il giovane italiano che solo un mese fa è entrato nella top 20 – attualmente è al 17 ° posto, al secondo posto al secondo posto. I suoi migliori scatti su YouTube (finora) sono stati raccolti durante i round dell’anno scorso, mentre l’adolescente magro dai capelli rossi correva attraverso il campo e giocava colpi devastanti e potenti – no, vincitori – a un tratto. Naturalmente, i paragoni con i Big Three nel tennis – altri elementi spesso considerati sovrumani dello sport – non erano troppo lontani.

Grandi sfumature 3

Il suo temperamento stoico era simile a Roger Federer dalla faccia schietta. La sua flessibilità, equilibrio e capacità di giocare un tiro vincente dalla posizione più probabile hanno portato somiglianze con Novak Djokovic. I suoi tiri veloci, in particolare il rovescio, hanno superato la rotazione di Rafael Nadal sulla palla. Secondo ATP, Sinner ha messo una media di 1858 rpm su un rovescio – più di ogni altro giocatore – rispetto ai 1252 rpm creati da Nadal.

READ  Roger Federer entra nel Round 4, Nick Kyrgios si ritira per infortunio

Sicuramente ha dato a Nadal una battaglia inaspettata quando si sono incontrati nei quarti di finale dell’Open di Francia l’anno scorso. Questa è stata la prima esperienza di Sinner sulla leggendaria terra battuta parigina, ed è diventato il giocatore più giovane da Djokovic nel 2006 a raggiungere quella fase, e il giocatore più giovane a debuttare al Roland Garros da Nadal nel 2005, raggiungendo i quarti di finale.

Questa gara dell’Open di Francia ha spinto l’allenatore di Nadal Carlos Moya a chiamare Sinner per chiedere se gli sarebbe piaciuto essere il partner di Nadal durante il periodo di quarantena agli Australian Open 2021.

Ancora una volta, i confronti hanno iniziato ad accumularsi. Ma il peccatore ne rimase imperturbabile.

“Rompere la top 20 in questa vita alla fine della giornata è molto buono. Ma non si tratta di accelerare la classifica. Si tratta di lavorare e migliorare ogni giorno”, ha detto a The Indian Express.

“Tutti parlano di me perché sono giovane, il che è normale. Ma alla fine ho vinto solo due paesi, beh, forse anche le finali Next Generation. Ma non ho vinto nulla (di grande importanza). Adesso sono più concentrato sul miglioramento. “

Per la cronaca, i titoli ATP 250 vinti a Sofia (fine 2020) ea Melbourne (il suo primo evento nel 2021) lo hanno reso il più giovane vincitore a livello di torneo dal precedente record del mondo Kei Nishikori (18) nel 2008, i due più giovani -tempo campione da Allora il 19enne Djokovic nel 2006, la squadra più giovane a vincere due titoli consecutivi da Nadal (19) nel 2005.

READ  Roger Federer salta gli Open d'Italia 2021, riferendosi alla partecipazione agli Open di Francia 2021

Per fare ulteriori paragoni, Federer ha vinto il suo primo tour a Milano, con lo stesso Senner che ha annunciato di aver vinto le ATP Next Gen Finals nel 2019. A proposito, il primo titolo di Federer è arrivato nel 2001, l’anno in cui è nato Sinner.

Tuttavia, ciò che rende la rapida ascesa di Sinner ancora più attraente è che ha iniziato a trattare il tennis come uno sport a tempo pieno solo cinque anni fa. Nato a San Candido, un paese del nord Italia nelle montagne dell’Alto Adige vicino al confine austriaco, il suo primo amore – ora un appassionato hobby – è stato lo sci. Ed era bravo anche in questo.

“Quando sono cresciuto in quella parte d’Italia dove c’è molta neve, tutti erano interessati allo sci”, dice. “A quell’età mi interessava anche il calcio, quindi il tennis era il terzo sport, nemmeno il secondo.

“Ma nel calcio, sentivo che le squadre non potevano nascere dalla mia parte, ma da tutta la squadra. Quindi ho messo da parte il calcio a un certo punto.

Sul ghiaccio e ora nel fango

“Nello sci sei stato campione d’Italia nel 2008 e sei arrivato secondo nel 2012. Devi scendere dalla collina per circa 90 secondi, e se sbagli un errore, sarà finita. Nel tennis puoi giocare per due ore, commetti molti errori e vinci la partita. Quando ci penso, è una buona decisione giocare a tennis “.

L’inizio del tennis è stato lento e non avrebbe dato un grande impulso a livello principiante. Ma sotto la guida del veterano allenatore Ricardo Piatti, che in precedenza ha allenato artisti del calibro di Maria Sharapova, Ivan Lyubisic (attuale allenatore Federer) e persino Djokovic, Sener ha iniziato a segnare le note giuste subito dopo essere diventato professionista nel 2018.

READ  I campioni dell'Inter festeggiano un "momento speciale" con i tifosi a San Siro - lo sport

Forse è stata la sua esperienza nello sci che gli ha dato la flessibilità per giocare a stretching. Questa è forse un’altra somiglianza con Djokovic, che era un appassionato pattinatore nei suoi primi giorni.

“Il pattinaggio ha aiutato molto con l’equilibrio”, aggiunge.

Non è solo la portata irrealistica che lo rende pericoloso. Insieme alla sua mentalità coraggiosa, può mettere in valigia entrambe le ali.
Federer ha detto di lui agli Australian Open 2020: “Aveva quasi la stessa velocità di tiro con i colpi avanti e indietro”. “E ha anche un ottimo gioco di gambe per un ragazzo grande, non dimenticare la sua altezza (6’2 – come Djokovic)”.

Sener scherza dicendo che, data la sua età, potrebbe ancora crescere in altezza: “Potrebbe essere. Per me è abbastanza. Ma non l’hai mai saputo”.

Nelle prossime settimane si recherà di nuovo a Parigi per competere nel suo secondo Open di Francia. Porta con sé le lezioni del suo precedente incontro con Nadal lì.

“Quando ho giocato con Rafa, è stato un test per me scoprire dove sono e dove mi trovo”, dice Sener.

“Questa era la partita che stavo cercando sapendo che era il re del fango. Questo è stato il test per vedere dove fossi. Ora le cose stanno cambiando, sto crescendo un po ‘. Ma hai bisogno di questo tipo di tornei per scoprirlo dove sei.”

È stato sicuramente un torneo che ha mostrato a tutti i fratelli del tennis chi è.

Ravenna Bianchi

"Esperto di tv estremo. Fanatico della birra. Amichevole fan del bacon. Comunicatore. Aspirante esperto di viaggi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Snapchat offre agli utenti più modi per fare soldi: è uno sforzo per attirare più influencer?
Next Post È possibile l’immunità della mandria? I nuovi prodotti Covid possono essere un problema