Iwan vince Jiro nella quinta tappa, Wanda crolla

L’australiano Caleb Ewan ha deciso di vincere, ma uno dei principali contendenti nella gara del GM Mikel Landa è finito mercoledì dopo aver raggiunto la quinta tappa del Giro d’Italia.

Lotto Soudal Iwan ha corso alla vittoria sull’italiano Giacomo Nizzolo sulla linea di porta a fianco della località adriatica di Cattolica, con Ilya Viviani al terzo posto.

L’italiano Alessandro De Marchi è rimasto fedele al leader rosa, dopo averlo preso martedì.

Ma la giornata è stata oscurata dalle collisioni in ritardo che hanno incluso Pavel Sivakov (Ineos Grenadiers) e Landa (Muntasir Bahrain).

Il russo Sivakov, co-leader di Ineos con Igan Bernal, è caduto duramente dopo aver tagliato un albero impiccato, ma ha concluso la tappa con una bici di scorta con un braccio mozzato.

È stato molto peggio per lo spagnolo seguire Landa in una caduta che ha coinvolto anche il vincitore della quarta tappa Joe Dombrowski dopo che un corridore si è scontrato con un direttore di gara che indicava alcuni mobili stradali a circa 4 chilometri dalla fine.

Era chiaro che Landa soffriva ed era stata curata per strada, e in seguito se ne andò sul retro di un’ambulanza.

Parlando a Eurosport, il direttore sportivo del Bahrain Victorios Franco Belizotti ha dichiarato: “Purtroppo il nostro capitano ha rotto quegli ultimi difficili chilometri. Non sappiamo cosa sia successo o come sia successo. Landa era in buona forma”.

La sua squadra ha successivamente confermato che aveva subito una frattura alla clavicola e lesioni alle costole.

Anche il francese Francois Bedard (AG2R Citroen) ha lasciato la gara dopo aver subito una frattura alla clavicola sinistra nello stesso incidente.

READ  2 manager italiani incaricati di indagare sulle emissioni di Fiat Chrysler | Notizie, sport, lavoro

De Marchi (Israel Startup Nation) ha aumentato il suo vantaggio a 42 secondi su Louis Vervaeke (Alpecin-Fenix) con Nelson Oliveira di Movistar al terzo posto, 48 secondi dietro.

Ewan ha dimostrato ancora una volta la sua qualità di sprint quando ha ottenuto la quarta vittoria di tappa della carriera sul Giro.

“La fase dello sprint non è stata affatto buona, quindi, sai, c’era molta pressione su me e sulla squadra per fare un buon lavoro oggi”, ha detto. “L’obiettivo con cui ho iniziato era (vincere una tappa), quindi l’ho fatto. Ho molta fame di vincere il più possibile, quindi forse questa è una buona fiducia per la squadra e per me stesso”.

La corsa in piano 175 km da Modena è stata priva di drammi fino agli ultimi chilometri, quando Peloton ha riavvolto un distaccamento di tre uomini di Alexis Joggerd, Simon Bellaud e Davide Jaburo.

Il leader delle corse de Marchi ha dichiarato: “Ha iniziato la giornata nel migliore dei modi, è stato molto tranquillo e facile, e dopo penso che sia diventato un circo davvero pazzo”.

La tappa di giovedì è un sentiero lungo 160 km per l’Ascoli Piceno, comprese tre salite classificate.

I nostri criteri: Thomson Reuters Trust Principles.

Ravenna Bianchi

"Esperto di tv estremo. Fanatico della birra. Amichevole fan del bacon. Comunicatore. Aspirante esperto di viaggi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Una nuova pioggia di razzi da Hamas dopo che Israele ha raso al suolo un’altra torre a Gaza
Next Post Gli scienziati rivelano che le emissioni climatiche riducono la stratosfera | Emissioni di gas serra