Italia Febbraio – L’IPC armonizzato UE rallenta meno del previsto al 9,9% su base annua di Reuters

Italia Febbraio – L’IPC armonizzato UE rallenta meno del previsto al 9,9% su base annua di Reuters

A cura di Antonella Cinelli

ROMA (Reuters) – I prezzi al consumo italiani, coordinati con l’Unione Europea, sono scesi a febbraio a causa del calo dei prezzi dell’energia, ma sono stati superiori alle attese con l’ulteriore accelerazione dell’inflazione core, secondo i dati mostrati giovedì.

L’istituto ha affermato che l’indice HICP è rimasto stabile allo 0,2% mese su mese a febbraio, con l’inflazione annualizzata in rallentamento al 9,9% dal 10,7% di gennaio.

La lettura annuale è stata superiore alla previsione mediana del 9,4% in un sondaggio Reuters di 13 analisti.

L’inflazione core (alimentari freschi netti ed energia) è stata del 7,1% su base annua sullo IAPC a febbraio, in aumento rispetto al 6,6% del mese precedente.

L’Italia, che fa molto affidamento sulle importazioni per il proprio fabbisogno energetico, ha visto l’inflazione aumentare più rapidamente di molti dei suoi partner della zona euro mentre i prezzi globali del gas salgono.

I costi del gas ora stanno scendendo, ha affermato Loredana Federico, capo economista italiano di UniCredit, e l’inflazione italiana dovrebbe diminuire più drasticamente che nella maggior parte dell’Eurozona.

Smantellamento dell’Italia https://fingfx.thomsonceiving.com/gfx/mkt/klpygnzaepg/UNICREDIT.PNG

I dati ISTAT confermano il continuo rallentamento, ha affermato Federico, con i prezzi dell’energia che sono scesi a un aumento del 28,2% su base annua il mese scorso dal 42,8% di gennaio.

Nota che la sorpresa rispetto alle attese di UniCredit “ha colpito soprattutto la componente dei prezzi alimentari, con una crescita che è proseguita a febbraio. In particolare, la tendenza al ribasso dei prezzi degli alimenti freschi si è arrestata anno su anno”.

L’agenzia statistica ufficiale, ISTAT, ha anche riferito che il principale indice dei prezzi interni (NIC (NASDAQ: EGOV)), si è attestato a un tasso annualizzato del 9,2% a febbraio, in calo rispetto a un tasso annualizzato del 10,0% a gennaio.

READ  Notizie Ucraina: l'Occidente condanna lo sciopero russo al porto di Odessa

Non solo in Italia i prezzi sono scesi meno del previsto.

L’inflazione dell’Eurozona è scesa all’8,5% a febbraio dall’8,6% del mese precedente, superando le aspettative dell’8,2% in un sondaggio di economisti Reuters, e l’inflazione core, un indicatore attentamente monitorato dalla Banca centrale europea, è balzata al 5,6% dal 5,3%. a gennaio.

Ricevi le notizie che desideri

Leggi le notizie sulle azioni di mercato con un feed su misura per le azioni che ti interessano.

Scarica l’app

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *