Italia e Russia stanno lavorando a un sistema di pagamento per aggirare le sanzioni russe

Il nuovo sistema consente a un acquirente russo di pagare gli italiani in rubli, che poi trasferiscono denaro in Italia da a [bank] conto in un paese terzo.

  • Un gabbiano davanti a una bandiera italiana che sventola a mezz'asta sull'Altare della Patrizia-Vittorio Emanuele II a Roma, 31 marzo 2020 (AFP Photo)
    I gabbiani davanti alla bandiera italiana che sventola a mezz’asta sull’Altare della Patri-Vittorio Emanuele II a Roma, martedì 31 marzo 2020.Francia Agenzia di stampa)

Lo ha dichiarato il Presidente della Camera di Commercio Italo-Russa (IRCC), Ferdinando Pellazzo Sputnik Sabato la Camera sta lavorando alla creazione di un sistema di pagamento che consentirà alle aziende italiane di vendere i propri prodotti ai clienti russi.

Pilazzo ha spiegato che i tipi di merce che verranno venduti ai russi sono quelli che le sanzioni non impediscono di importare.

“Vogliamo creare un sistema che permetta all’acquirente russo di pagarci in rubli, e poi possiamo trasferire questi soldi in Italia da [bank] conto in un Paese terzo”, osservando che il commercio tra i due Paesi deve affrontare molte sfide, anche nella vendita di beni che non sono nemmeno soggetti a sanzioni, quasi la metà delle esportazioni italiane.

“Il 51 per cento delle esportazioni dall’Italia alla Russia è sanzionato. Ma c’è anche il 49 per cento di beni non vietati: vino, scarpe e articoli di moda”, ha aggiunto, sottolineando che molte aziende italiane vorrebbero restare in Russia. mercato.

Ma ha avvertito che se la situazione continua così, probabilmente alla fine se ne andranno.

“Mi sembra ora che anche quelli che non sono partiti [the Russian market] Stanno pensando di restare o andarsene. Nessuno pensa di venire in Russia. “Ci sono alcuni settori che non richiedono investimenti, ad esempio la moda, che potrebbero essere interessati a restare”, ha detto.

Leggi tutto: Il segretario della Meloni smentisce intercettazioni a giornalisti e parlamentari

READ  Non c'è tempo da perdere su un NRRP come dice Visco - inglese

È impossibile separarlo dal gas russo

In un’altra nota, il funzionario ha osservato che è impossibile per l’Italia abbandonare completamente il gas russo e che sarebbe molto più redditizio per l’Europa e la Russia se le cose tornassero come prima.

“La Russia continua a vendere gas all’Italia, anche se non nello stesso modo di prima. La Russia è un esportatore di gas abbastanza forte, quindi è impossibile abbandonare completamente le forniture russe”, ha detto Pellazzo.

“I blocchi [sanctions] temporaneo. Potrebbero cambiare. “Sarebbe vantaggioso per Europa e Russia tornare alla cooperazione”, ha aggiunto.

E nell’ambito dell’attuale crisi del gas e del petrolio che l’Europa sta attraversando a causa delle sanzioni imposte alla Russia in questo senso, la società italiana ENI ha confermato martedì scorso la consegna di 3,1 miliardi di piedi cubi di gas naturale liquefatto dall’Algeria per convertire il gas naturale nel gas SNAM. Stazione di Piombino, Italia.

La spedizione di gas è stata prodotta presso l’impianto di liquefazione di Sonatrach a Petihaoua, in Algeria, secondo la dichiarazione di Eni.

Eni prevede volumi contrattati in quanto punta alla crescita e all’espansione nel settore del GNL per superare i 18 milioni di tonnellate nel 2026, che è più del doppio rispetto al 2022.

Questa è stata la prima consegna di gas naturale liquefatto dall’Algeria all’Italia, che rappresenta un’importante strategia per costruire relazioni e rafforzare l’economia globale del gas, mentre i paesi europei cercano alternative alle fonti energetiche russe che loro stessi hanno bloccato a causa di pacchetti di sanzioni contro il paese . .

Per saperne di più: Due ricercatori alla guida di un’auto ibrida uccisi in un’esplosione: Italia

READ  L'Arabia Saudita conferma il suo impegno per l'accordo OPEC+ con la Russia e chiede di fermare l'escalation in Ucraina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *