Israele si sta dirigendo verso un accordo di coalizione che potrebbe emarginare Netanyahu

Di Patrick Kingsley (Isabelle Kirchner e Gabe Sobelman hanno contribuito ai rapporti)

Il primo ministro più longevo nella storia israeliana, Benjamin Netanyahu, ha affrontato la più potente minaccia alla sua presa al potere dopo che il mediatore di potere ultranazionalista, Naftali Bennett, ha detto che il suo partito avrebbe lavorato con i leader dell’opposizione per costruire un governo alternativo della forza. . Netanyahu dall’ufficio.

Se la manovra porta a un accordo formale di coalizione, sarà un’alleanza difficile tra otto partiti relativamente piccoli con un insieme sparso di ideologie. La posizione del primo ministro si alternerà tra due partner inaspettati: Bennett, un ex leader dei coloni che rifiuta il concetto di uno stato palestinese sovrano e difende la destra religiosa – e Yair Lapid, ex emittente televisiva considerata la voce del centro laico.

“Lavorerò con tutte le mie forze per formare un governo di unità nazionale con il mio amico Yair Lapid”, ha detto Bennett in un discorso domenica sera.

Ha aggiunto: “Se ci riusciremo, faremo qualcosa di enorme per lo Stato di Israele”.


L’annuncio di Bennett è arrivato subito dopo il conflitto armato con i palestinesi a Gaza che molti credevano migliorassero le possibilità di Netanyahu di mantenere la sua posizione.

A causa delle profonde differenze ideologiche all’interno della coalizione emergente, che includerà sia membri della sinistra che dell’estrema destra, i suoi leader hanno indicato che il loro governo inizialmente eviterebbe di perseguire iniziative che potrebbero esacerbare le loro incompatibilità politiche, come quelle relative al governo israeliano. Conflitto palestinese, concentrandosi invece su infrastrutture e politica.

Se Netanyahu è costretto a dimettersi, è improbabile che lasci la politica. Ad ogni modo, ha lasciato un’eredità duratura. Ha fermamente spostato il fulcro della politica israeliana a destra – Broz Bennett è stato un ottimo esempio – e ha supervisionato lo smantellamento del processo di pace israelo-palestinese, il tutto raggiungendo accordi diplomatici rivoluzionari con quattro stati arabi, sovvertendo la saggezza convenzionale su Israele e il Arabi. Relazioni.

READ  Il magnate di Hong Kong Jimmy Lai è stato condannato a 14 mesi di prigione

Attaccando ripetutamente la magistratura e rimanendo in carica durante il processo per corruzione, Netanyahu è anche accusato di minare i principi centrali della democrazia liberale.

E non andrà senza combattere: subito dopo l’annuncio di Bennett, Netanyahu ha risposto con un suo discorso, invitando i legislatori di destra all’interno della coalizione di opposizione ad abbandonare Bennett per il suo blocco di destra.

Netanyahu ha detto: “Questa non è unità, cura o democrazia”. Questo è un governo opportunista. Governo della resa, governo della frode, governo dell’inerzia. Un governo come questo non dovrebbe essere formato “.

Le differenze ideologiche tra i partiti di opposizione sono state la ragione principale per cui Bennett ha aspettato così a lungo dalle elezioni generali di marzo per esprimere la sua parte con Lapid. Era sotto pressione dal suo partito per non tagliare i legami con Netanyahu, religioso e di destra, un fattore a cui si alludeva nel suo discorso domenicale.

“Questa è la decisione più complicata che ho preso nella mia vita, ma sono in pace con essa”, ha detto Bennett.

Qualsiasi accordo raggiunto nei prossimi giorni dovrà essere presentato formalmente al Presidente di Israele, Reuven Rivlin, entro mercoledì sera. Dopodiché dovrà ancora essere approvato votando alla Knesset, il nome ebraico del parlamento israeliano.

Secondo l’accordo in discussione, Bennett guiderà per primo il governo, forse fino all’autunno del 2023, mentre Lapid probabilmente servirà come ministro degli esteri, secondo due persone coinvolte nei negoziati. La coppia poi si scambia i ruoli fino a una nuova elezione generale nel 2025. Il partito di Bennett ha vinto meno seggi di Lapid nelle elezioni di marzo, ma esercita una grande influenza durante i negoziati perché nessun governo può essere formato senza di lui.

READ  Morirai entro due anni dopo aver ricevuto il vaccino Covid? Il centro rileva le ultime notizie false Le ultime notizie dell'India

Il loro governo conterà sull’appoggio di un piccolo partito islamico arabo, Raem, per assegnargli i 61 seggi necessari per controllare il parlamento da 120 seggi. È improbabile che Ram svolga un ruolo formale nella coalizione, ma ci si aspetta che sostenga il nuovo governo nel voto di fiducia alla Knesset.

Netanyahu rimarrà primo ministro provvisorio fino al voto parlamentare.

I negoziati per questa coalizione sono stati quasi vanificati dal recente conflitto con Hamas, il gruppo palestinese che controlla la Striscia di Gaza. Ciò ha reso Bennett diffidente nel formare un governo dipendente da Ram, che ha radici nella stessa corrente religiosa degli attivisti di Gaza.

Se l’accordo fosse approvato, segnerebbe la fine dell’era Netanyahu, almeno per ora. I sostenitori della coalizione proposta sperano che possa sbloccare la situazione di stallo che ha frenato l’azione del governo per più di due anni.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Playoff NBA: il dominio di Kavya fa sembrare i clipper dei finalisti
Next Post La possibilità di fuoriuscita della nuova capacità di Orissa