Israele e Hamas accettano un cessate il fuoco per porre fine alla sanguinosa guerra di 11 giorni

Giovedì, Israele e Hamas hanno concordato un cessate il fuoco, ponendo fine alla dolorosa guerra di 11 giorni che ha causato una vasta devastazione nella Striscia di Gaza, ha fermato la vita nella maggior parte di Israele e lasciato più di 200 morti.

Alle 2 del mattino, ora locale, non appena è entrato in vigore il cessate il fuoco, la vita folle è tornata nelle strade di Gaza. La gente usciva di casa, alcuni gridavano “Dio è grande” o fischiavano dai balconi. Molti di loro hanno sparato in aria per celebrare la tregua

Come le precedenti tre guerre tra acerrimi nemici, il round finale di combattimenti si è concluso in modo inconcludente. Israele ha affermato di aver inflitto gravi danni ad Hamas, ma ancora una volta non è stato in grado di fermare il continuo sbarramento di razzi del gruppo militante islamico. Quasi immediatamente, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha affrontato accuse rabbiose dalla sua base di estrema destra di aver interrotto l’operazione troppo presto.

Hamas, il gruppo militante islamista che aveva giurato di distruggere Israele, ha rivendicato la vittoria. Ma ora deve affrontare la formidabile sfida di ricostruire una regione già afflitta da povertà, disoccupazione e congestione Corona virus Epidemia.

L’ufficio di Netanyahu ha detto che il suo gabinetto di sicurezza l’ha fatto unanime Una proposta egiziana per un cessate il fuoco a seguito delle raccomandazioni del capo dell’esercito israeliano e di altri alti funzionari della sicurezza. Una dichiarazione che vantava “risultati significativi nel processo, alcuni dei quali senza precedenti”.

Conteneva anche una velata minaccia per Hamas. “I leader politici hanno sottolineato che la realtà sul campo determinerà il futuro della campagna”, afferma il comunicato.

Un soldato israeliano dell’unità del portavoce dell’IDF ispeziona la casa danneggiata dopo che è stata colpita da un missile sparato dalla Striscia di Gaza, ad Ashkelon, Israele, giovedì 20 maggio 2021 (AP Photo / Ariel Schalit)

I combattimenti sono scoppiati il ​​10 maggio, quando i militanti di Hamas a Gaza hanno lanciato missili a lungo raggio verso Gerusalemme. Questo attentato è avvenuto dopo giorni di scontri tra manifestanti palestinesi e la polizia di occupazione nel complesso della moschea di Al-Aqsa. Le violente tattiche di polizia nel complesso, allestito in un sito sacro per musulmani ed ebrei, e la minaccia di espulsione di dozzine di palestinesi da parte di coloni ebrei hanno alimentato le tensioni.

READ  L'origine del Covid: "Se nulla va storto nel laboratorio di Wuhan, perché la confusione?" | Notizie dall'India

Le rivendicazioni in competizione su Gerusalemme sono al centro del conflitto israelo-palestinese e hanno ripetutamente scatenato attacchi di violenza in passato.

Hamas e altri gruppi armati hanno lanciato più di 4.000 razzi contro Israele durante i combattimenti e hanno sparato proiettili da aree civili nelle città israeliane. Decine di granate sono volate a nord fino a Tel Aviv, la vivace capitale commerciale e culturale del paese.

Migliaia di persone si sono radunate venerdì mattina nella città di Khan Yunis, nel sud della Striscia di Gaza, fuori dalla casa della famiglia di Muhammad Deif, il misterioso leader di Hamas che ha ordinato gli attacchi missilistici. I sostenitori hanno cantato “vittoria” e sventolato bandiere verdi di Hamas.

Nel frattempo, Israele ha effettuato centinaia di attacchi aerei contro quella che si dice fosse l’infrastruttura militare di Hamas, inclusa una vasta rete di tunnel.

Almeno 230 palestinesi, tra cui 65 bambini e 39 donne, sono stati uccisi e 1.710 persone sono rimaste ferite, secondo il Ministero della Salute di Gaza, che non ha diviso il numero tra combattenti e civili. 12 persone sono state uccise in Israele, tra cui un bambino di 5 anni e una ragazza di 16 anni.

Gli Stati Uniti, il più stretto e più importante alleato di Israele, inizialmente sostenevano quello che secondo loro era il diritto di Israele all’autodifesa contro lanci indiscriminati di razzi. Ma mentre i combattimenti continuavano e il bilancio delle vittime aumentava, gli americani fecero sempre più pressioni su Israele per fermare l’attacco.

In una rara discussione pubblica, Netanyahu mercoledì ha respinto brevemente una chiamata pubblica del presidente Joe Biden per porre fine alle cose, ed è apparso intenzionato a fare il maggior danno all’entusiasmo in una guerra che potrebbe aiutare a salvare la sua vita politica.

READ  Vladimir Putin ha segnato 8 gol nella partita di hockey su ghiaccio Gala. Orologio

Giovedì tardi, tuttavia, l’ufficio di Netanyahu ha annunciato l’accordo di cessate il fuoco. Hamas ha subito seguito l’esempio. Gli attivisti hanno continuato a lanciare sporadici razzi su Israele all’inizio di venerdì, prima che il cessate il fuoco entrasse in vigore alle 2 del mattino.

a Washington, Biden ha elogiato il cessate il fuoco. “Penso che abbiamo una reale opportunità di fare progressi, e mi impegno a lavorare per questo”, ha detto.

Biden ha detto che gli Stati Uniti sono impegnati ad aiutare Israele a ricostituire la sua fornitura di intercettori per il sistema di difesa missilistica Iron Dome ea collaborare con l’Autorità Palestinese riconosciuta a livello internazionale – non Hamas – per fornire aiuti umanitari a Gaza.

I palestinesi in lutto portano il corpo di Muhammad Kiwan, 17 anni, la cui famiglia dice che è stato ucciso negli scontri con la polizia israeliana, durante il suo funerale nella città araba di Umm al-Fahm, giovedì 20 maggio 2021. Sotto inchiesta. (AP Photo / Mahmoud Elyan)

Netanyahu fu presto preso di mira dai membri della sua base nazionalista di linea dura. Gideon Saar, un ex alleato che ora guida un piccolo partito che si oppone al primo ministro, ha descritto il cessate il fuoco come “imbarazzante”.

In uno sviluppo potenzialmente dannoso per il leader israeliano, i militanti palestinesi hanno affermato che Netanyahu ha accettato di interrompere ulteriori misure israeliane alla moschea di Al-Aqsa e annullare le evacuazioni pianificate dei palestinesi nel vicino quartiere di Sheikh Jarrah.

Solo un funzionario egiziano ha detto che le tensioni a Gerusalemme sarebbero “affrontate”. Ha parlato a condizione di anonimato perché stava discutendo di trattative dietro le quinte e non ha fornito alcun dettaglio.

Itamar Ben Gvir, capo dell’estrema destra Jewish Power Party, ha twittato che il cessate il fuoco è stato “una resa pericolosa al terrore e ai dettami di Hamas”.

Il cessate il fuoco arriva in un momento delicato per Netanyahu. Sulla scia delle elezioni inconcludenti di marzo, Netanyahu non è riuscito a formare una coalizione di maggioranza in Parlamento. E i suoi oppositori hanno tempo fino al 2 giugno per formare un proprio governo alternativo.

READ  La pandemia COVID-19 è ancora lontana dalla fine, afferma il capo dell'OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus

La guerra complicò gli sforzi dei suoi oppositori, compresi i partiti ebraici e arabi, che furono costretti a sospendere i negoziati in un ambiente così carico. Ma l’esito inconcludente della guerra potrebbe dare loro un rinnovato impulso per riavviare quei colloqui.

Nel frattempo, un portavoce di Hamas, Abd al-Latif al-Qanu, a Gaza, ha affermato che la dichiarazione di Israele era una “dichiarazione di sconfitta”. Tuttavia, il gruppo ha detto che avrebbe rispettato l’accordo, che doveva entrare ufficialmente in vigore alle 2 del mattino.

Ali Baraka, un funzionario della Jihad islamica, un gruppo più piccolo che ha combattuto al fianco di Hamas, ha detto che l’annuncio della tregua da parte di Israele è stata una sconfitta per Netanyahu e “una vittoria per il popolo palestinese”.

Nonostante le accuse, entrambi i gruppi sembrano aver subito pesanti perdite nei combattimenti. Hamas e la Jihad islamica hanno detto che almeno 20 dei loro combattenti sono stati uccisi, mentre Israele ha affermato che il numero era almeno 130 e forse più alto.

Circa 58.000 palestinesi sono fuggiti dalle loro case, molti dei quali cercavano rifugio in scuole sovraffollate delle Nazioni Unite nel momento dello scoppio del Coronavirus.

Dall’inizio dei combattimenti, le infrastrutture di Gaza, già indebolite dal blocco durato 14 anni, si sono rapidamente deteriorate.

Forniture mediche, acqua e carburante per l’elettricità stanno scarseggiando nell’area in cui Israele ed Egitto hanno imposto un blocco dopo che Hamas ha preso il potere dall’Autorità Palestinese nel 2007. Da allora, il presidente palestinese Mahmoud Abbas ha governato le aree autonome nei territori occupati da Israele in Cisgiordania e la loro influenza è limitata a Gaza.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha detto che gli attacchi israeliani hanno anche distrutto almeno 18 ospedali e cliniche e distrutto una struttura sanitaria. Quasi la metà dei farmaci essenziali è finita.

Il bombardamento israeliano ha distrutto più di 50 scuole in tutta la Striscia, secondo Save the Children, e ha distrutto almeno sei scuole. Durante le riforme, l’istruzione verrà interrotta per quasi 42.000 bambini.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post FOTO: La star filippina di Hollywood Lisa Soperono rivela i personaggi di Trace di Netflix
Next Post Snapchat offre agli utenti più modi per fare soldi: è uno sforzo per attirare più influencer?