Isolamento per un massimo di tre settimane dopo il contatto con i pazienti con la scatola delle scimmie

GGD chiede che chiunque sia stato dentro o vicino a una persona che è risultata positiva al virus della scatola delle scimmie sia isolato per un massimo di tre settimane. Un portavoce del National Public Health and Environment (RIVM) ha sottolineato che si trattava di una misura precauzionale perché il virus non era ancora chiaro.

Ai coinquilini, alle relazioni sessuali o ad altri contatti intimi con qualcuno a cui è stato diagnosticato il virus viene spesso chiesto di rimanere a casa. Secondo il portavoce del RIVM, il consiglio isolato si applica anche alle persone che si trovano a più di 15 minuti di distanza da un paziente.

Potrebbero essere necessari da cinque a 21 giorni prima che una persona sviluppi sintomi dopo il contatto con un paziente con una scatola di scimmie. GGD è in contatto con persone che hanno bisogno di restare a casa per precauzione. Gli viene chiesto di misurare la loro temperatura ogni giorno e di prestare attenzione ai sintomi.

Il virus della scatola delle scimmie è caratterizzato da vesciche sulla pelle. Prima che appaiano quelle vesciche, le persone possono avvertire affaticamento, linfonodi ingrossati e mal di testa. Resta da vedere quanto sia probabile che venga infettato dopo il contatto con un paziente che non ha ancora sviluppato sintomi. “E’ troppo presto per dirlo”, ha detto un portavoce del RIVM.

Un consiglio isolato è stato inviato ai GGD, ma non è stato ancora spiegato sul sito web del RIVM. Secondo un portavoce, il consiglio potrebbe cambiare ulteriormente.

Non è inoltre chiaro se un test di pochi giorni dopo dimostri che una persona non ha virus – simili al virus corona – che possono ridurre i tempi di isolamento. “Quanti giorni dopo puoi testare è ancora oggetto di indagine.” Il virus della scatola delle scimmie ora ha un obbligo di segnalazione, il che significa che i medici che hanno accertato o sospettato un’infezione con il virus devono segnalarlo.

READ  La star celtica, direttore sportivo delle leggende italiane, ammette che "gli piace molto

Nei Paesi Bassi sono stati identificati due casi di influenza delle scimmie. Un portavoce del RIVM ha detto che la fonte del virus è ancora oggetto di indagine.

Emanuele Schiavone

"Appassionato ninja della birra. Risolutore di problemi estremi. Pensatore. Appassionato di web professionista. Avido comunicatore. Piantagrane hardcore. "

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Il numero di casi globali di COVID-19 ha superato i 526,7 milioni, il numero dei decessi ha superato i 6,28 milioni
Next Post Focolaio di vaiolo delle scimmie vivo: il vaiolo delle scimmie può essere grave nei bambini e nelle donne in gravidanza; che ha parlato