IRENA vede il Marocco come un futuristico gigante dell’idrogeno verde

Il Marocco ha istituito la Commissione nazionale per l’idrogeno nel 2019 e ha pubblicato la sua tabella di marcia per l’idrogeno verde nel gennaio 2021. Da allora, questa energia è stata un fattore importante nella crescita dell’economia nazionale. Entro il 2030, Rabat prevede di avere un mercato interno di 4 TWh e un mercato di esportazione di 10 TWh. Questa ambizione richiederà la costruzione di 6 gigawatt di nuova capacità di energia rinnovabile che richiederà la creazione di oltre 15.000 posti di lavoro diretti e indiretti.
Con l’Egitto (100 megawatt di elettrolizzatore installati per fornire idrogeno verde), il Marocco è l’unico paese della regione del Medio Oriente e del Nord Africa (MENA) ad avere una strategia per l’idrogeno.
Nel sud dell’Unione Europea, incoraggiati dallo schema dell’idrogeno elaborato dalla Commissione Europea nel luglio 2020 (40 gigawatt di idrogeno blu da installare entro il 2030), si impegnano in questo percorso anche Francia, Spagna, Portogallo, Italia e Croazia .

“L’aumento dei prezzi del gas in Europa potrebbe accelerare la transizione verso l’energia pulita e l’adozione dell’idrogeno verde come alternativa al petrolio e al gas”. Tuttavia, la domanda dovrebbe decollare solo a metà degli anni ’30, quando questa nuova energia sarà competitiva in termini di costi con l’idrogeno fossile su base globale. IRENA stima il potenziale tecnico per lo sviluppo dell’idrogeno verde a $ 1,5 per chilogrammo entro il 2050 a 88 exajoule (EJ) per l’Europa, 2023 per il Medio Oriente e il Nord Africa e 2.715 exajoule per l’Africa subsahariana.

È necessario permettere ai paesi africani, che hanno contribuito poco alle emissioni di gas serra storiche, di svilupparsi, riconoscendo la necessità di affrontare l’emergenza climatica. La cooperazione internazionale, compresa la cooperazione Sud-Sud, sarà necessaria per mobilitare risorse e conoscenze su una scala e una velocità commisurate ai bisogni delle economie, delle società e dei popoli dell’AfricaFrancesco La Camera, Direttore Generale di Irina, ha commentato nell’introduzione alla relazione.

READ  Il prossimo focus sulla "zona di rischio" del debito italiano per i trader obbligazionari

Leggi il report di Irina”Geopolitica della transizione energetica: il fattore idrogeno

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Kristen Brinkley, 67 anni, impressiona i fan mentre mostra le sue curve senza età in una foto in bikini
Next Post I problemi di Call of Duty Warson e Vanguard sono il risultato della scarsa leadership di Activision