Intesa si dirige verso il nuovo piano dopo aver raggiunto in anticipo l’obiettivo di profitto

Il logo di Intesa Sanpaolo è visibile a Milano, Italia, 18 gennaio 2016. REUTERS/Stefano Rilandini/File Photo

  • L’utile di nove mesi raggiunge l’obiettivo dell’anno fiscale
  • Per usare i soldi per ripulire il prestito inesigibile prima del nuovo piano
  • Obiettivi del livello di giudizio dei loro coetanei nordici in futuro
  • I risultati del terzo trimestre portano a un notevole aumento grazie a minori perdite sui prestiti e guadagni commerciali

MILANO (Reuters) – L’italiana Intesa Sanpaolo (ISP.MI) ha detto che sarà al meglio per un nuovo piano industriale in scadenza a febbraio cancellando i crediti inesigibili, dopo aver raggiunto in anticipo l’obiettivo di profitto per il 2021.

La più grande banca italiana per attività non è riuscita ad aumentare significativamente il suo obiettivo per l’intero anno dopo che le perdite sui prestiti in calo e l’aumento del reddito d’impresa hanno spinto gli utili trimestrali al di sopra delle aspettative del mercato.

Intesa ha invece indicato che utilizzerà i soldi per svalutare i prestiti nell’ultimo trimestre dell’anno, quando si concentrerà sulla preparazione di un nuovo piano industriale.

“Voglio entrare nel nuovo piano industriale senza alcun (problema) legato a … crediti inesigibili”, ha detto agli analisti l’amministratore delegato Carlo Messina.

Nell’ambito dell’attuale piano quadriennale, Intesa ha stanziato 34 miliardi di euro (39,37 miliardi di dollari) in crediti deteriorati, superando il suo obiettivo di otto miliardi di euro.

L’esposizione alle innumerevoli piccole imprese del paese e all’economia italiana cronicamente stagnante ha reso i prestiti tesi il tallone d’Achille delle banche italiane.

Nel terzo trimestre, le riserve di Intesa sono diminuite più del previsto del 44% dal 2020, quando la banca ha accantonato quasi 1 miliardo di euro per prepararsi a danni futuri nel suo portafoglio prestiti da COVID-19.

READ  Il viaggio del servizio espresso italiano di Ynot inizia

Banca nordica

Messina ha osservato che le aspettative erano ora diverse grazie alla forte ripresa post-COVID a cui l’Italia era preparata, sostenuta dal sostegno dei fondi di recupero nell’Unione Europea.

“Continueremo a lavorare… per creare un punto di partenza per il nuovo schema che possa consentirci di essere davvero una banca nordica in termini di accantonamenti”, ha affermato, riferendosi alle banche note per i loro bassi tassi di crediti deteriorati.

L’utile netto per il periodo gennaio-settembre è stato di 4 miliardi di euro (4,6 miliardi di dollari), che corrisponde all’obiettivo minimo fissato da Intesa per quest’anno, che ora prevede di superare.

“Un solido insieme di risultati ma … potrebbe non essere sufficiente per spingere il titolo fuori di qui”, ha detto Jefferies, osservando che le azioni Intesa, a differenza di quelle di molti dei suoi pari, non offrono sconti rispetto al valore delle attività della banca .

Il titolo chiude in ribasso dello 0,4% contro un rialzo dello 0,6% dell’Indice Banche (.FTITLMS3010), performance che Messina ha attribuito alla valutazione relativamente esorbitante delle azioni della società.

“Siamo una delle migliori banche in Europa e gli investitori si aspettano molto da noi”, ha affermato.

I guadagni di Intesa hanno confermato il quadro incoraggiante per il settore dipinto da concorrenti come la francese BNP Paribas (BNPP.PA), la spagnola BBVA (BBVA.MC) e la britannica Lloyds (LLOY.L) – i cui risultati sono stati anche sostenuti dalla riduzione degli accantonamenti o dal calo disposizioni. Liberazione del denaro accantonato per le perdite sui prestiti causate dal coronavirus.

Le ricadute meno gravi della pandemia finora hanno consentito alle banche europee come BBVA, BNP e HSBA (HSBA.L) di annunciare riacquisti di azioni, un’opzione che Messina ha affermato che Intesa potrebbe prendere in considerazione nell’ambito del nuovo piano.

READ  Le due "bad bank" sono troppo grandi per fallire

Tuttavia, Intesa fisserà prima un nuovo obiettivo di pagamento e un capitale provvisorio minimo per mantenersi al di sopra delle soglie regolamentari.

Intesa, il cui prezzo del titolo trae supporto dall’alto dividend yield della banca, ha confermato un payout ratio del 70% durante i risultati del 2021, in calo rispetto al 75% di quest’anno.

L’utile netto del terzo trimestre è stato di 983 milioni di euro, ben al di sopra del consenso compilato da Reuters di 850 milioni di euro.

I ricavi sono stati pari a 5,09 miliardi di euro, superiori alle attese di 4,93 miliardi di euro, grazie soprattutto al buon andamento dell’attività di trading, con ricavi triplicati su base annua.

I proventi dell’attività di prestito sono diminuiti del 6,1% annuo a causa di tassi di interesse negativi, nonché della forte concorrenza e del rallentamento della crescita del credito in Italia dopo la ripresa alimentata dalle garanzie governative.

Tuttavia, Messina ha affermato che le società stanno riprendendo i loro investimenti e questo dovrebbe guidare i prestiti in futuro.

Le commissioni nette sono aumentate dell’8,3% su base annua grazie alla forte attività di banca commerciale e gestione patrimoniale nei mesi successivi alla chiusura.

Intesa ha dichiarato che il 24 novembre il suo consiglio di amministrazione ha accettato di pagare 1,4 miliardi di euro di dividendi provvisori in contanti, portando il rendimento del dividendo per l’anno all’8,3%.

(1 dollaro = 0,8636 euro)

Reportage di Valentina Za a Milano Montaggio di Agnieszka Flack, Steve Orlovsky e Matthew Lewis

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Mourinho è tecnicamente inferiore alla maggior parte degli allenatori italiani
Next Post Risultati AEW Dynamite (1/3/21) – Wrestling Zone