Inchiesta sulla pirateria televisiva: 21 indagati e segnale bloccato – Buzznews

Ventuno persone sono state indagate in un’operazione contro la pirateria televisiva che ha portato al blocco immediato del flusso illegale delle Iptv e dei siti di live streaming delle principali piattaforme televisive. L’operazione è stata condotta dalla polizia e coordinata dalla Dda della Procura di Catania.

I Centri operativi per la sicurezza cibernetica della Polizia Postale hanno effettuato numerose perquisizioni e sequestri in tutto il paese, nel tentativo di smantellare questa organizzazione criminale. Gli indagati sono membri di un’associazione a delinquere transnazionale che avrebbe guadagnato milioni di euro al mese.

Le indagini sono state dirette dalla Procura di Catania in collaborazione con la Polizia Postale di Roma, e sono riuscite a scoprire l’esistenza di un’associazione criminale organizzata gerarchicamente. L’associazione distribuiva palinsesti live e contenuti on demand protetti da diritti televisivi delle principali piattaforme televisive.

Per eludere le indagini, gli indagati hanno utilizzato applicazioni di messaggistica crittografate, identità fittizie e documenti falsi. Inoltre, su varie piattaforme social sono stati scoperti canali, gruppi, account, forum, blog e profili che pubblicizzavano la vendita di flussi e abbonamenti mensili per la visione illegale dei contenuti.

Le persone indagate sono in diverse città italiane, tra cui Catania, Messina, Siracusa, Cosenza, Alessandria, Napoli, Salerno, Reggio Emilia, Pisa, Lucca, Livorno e Bari. Le accuse mosse contro di loro includono associazione per delinquere a carattere transnazionale, danneggiamento informatico, accesso abusivo a un sistema informatico e frode informatica.

La polizia è determinata a combattere la pirateria televisiva e proteggere i diritti televisivi delle principali piattaforme. Questa operazione ha rappresentato un importante passo avanti nella lotta contro questa forma di criminalità, dimostrando l’efficacia delle indagini condotte da polizia e magistratura.

L’arresto e l’incriminazione dei membri di questa associazione criminale inviano un chiaro messaggio a coloro che cercano di trarre profitto dalla pirateria televisiva. Le autorità continueranno a perseguire con determinazione chiunque si dedichi a queste attività illegali, al fine di garantire un ambiente sicuro e legale per i consumatori e i fornitori di contenuti televisivi.

READ  Ilaria Salis, il padre querela Salvini. Meloni tratta con Orban - Buzznews

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *