Incendi boschivi in ​​Turchia: disperazione e domande mentre le foreste bruciano | notizie sull’ambiente

Manavgat, Turchia – La costa meridionale della Turchia sta bruciando. Sulle boscose colline del distretto di Manavgat ad Antalya, pennacchi di fumo denso appaiono nel cielo uno dopo l’altro come ogni volta che un incendio boschivo viene domato, un altro fuoco sembra ardere.

Un sole rosso sangue splende attraverso la pallida nebbia e, con una visione chiara, vengono rivelati i resti carbonizzati e scheletrici di quelle che erano le foreste e i villaggi. Molti credono che questo sia solo l’ultimo segnale che il mondo è entrato in un’era di crisi climatica, per la quale la Turchia non è pronta.

Negli ultimi sei giorni, 132 incendi devastanti hanno bruciato nel sud della Turchia e in altre parti della Turchia, uccidendo otto persone e bruciando almeno 118.789 ettari di terreno, secondo il Sistema europeo di informazione sugli incendi boschivi.

Mentre il dibattito è aperto, con molti in Turchia che credono che gli incendi siano il risultato di “vandalismo” – una teoria incoraggiata da molti politici – coincide con mesi di grave siccità e temperature estreme.

Antalya, un hotspot turistico che in media si avvicina alla metà degli anni ’30 Celsius (95 Fahrenheit) in questo periodo dell’anno, questa settimana ha visto massime di oltre 40 gradi Celsius. Il 20 luglio, la Turchia ha registrato la sua temperatura più alta di sempre a 49,1 (120,38 F) gradi nel sud-est.

Gli abitanti di Serik, a 40 km dal villaggio di Belenkoy, sono venuti per aiutare con il fuoco [Emre Caylak/Al Jazeera]

Diversi incendi hanno spazzato le foreste vicino a destinazioni balneari popolari tra i turisti locali ed europei, come Bodrum e Marmaris, con persone in fuga in auto, piccole imbarcazioni e in alcuni casi yacht di lusso. L’aumento delle temperature ha anche visto scoppiare incendi in gran parte dell’Europa meridionale, tra cui Grecia, Spagna e Italia.

Manavgat è tra i luoghi più colpiti dagli incendi in Turchia, e mentre gli incendi stagionali sono naturali e persino salutari per l’ecosistema locale, i gruppi ambientalisti affermano che non sono mai stati visti su questa scala prima. Con paesaggi assetati e venti forti – in particolare quello che soffia da nord-est noto come “poyraz” in Turchia – le autorità stanno lottando per muoversi abbastanza velocemente da avere le cose sotto controllo.

Il piccolo villaggio di Sirtkoy, dove il reddito principale proviene dalla coltivazione di foglie di alloro aromatiche usate per cucinare, ha preso fuoco nelle prime ore della domenica mattina. Nel giro di un’ora, la scuola locale è stata distrutta e diverse case sono state ridotte in macerie.

READ  Un nuovo lotto di tre aerei da combattimento Rafale lascia la Francia per l'India

“Ieri tutta questa zona andava bene”, ha detto Mustafa, che non ha voluto dare il suo cognome, indicando un mucchio di pietre nere ancora in fiamme che era la casa del suo amico. “Gli incendi sono divampati questa mattina alle cinque del mattino e questi incendi hanno bruciato. Alle 6 del mattino è divampato l’incendio, ma alle 9 del mattino il vento è tornato di nuovo e anche il fuoco”.

Vista da Cirtkoy a Manavgat, Antalya [Emre Caylak/Al Jazeera]

Quando ha visitato l’isola di Sirtkoy una domenica pomeriggio, aerei, vigili del fuoco e operatori forestali hanno lottato instancabilmente per controllare le fiamme che hanno continuato a bruciare come una candela ingannevole. Con il fumo pungente che trasformava il bianco dei loro occhi in rosso, molti uomini avevano poco da proteggere i loro polmoni dalle maschere chirurgiche usa e getta.

Gli abitanti del villaggio hanno inondato i muri esterni e le loro proprietà con bottiglie d’acqua, nel disperato tentativo di tenere lontane le fiamme, mentre alcuni hanno chiesto perché le autorità non si fossero ancora prese la responsabilità di non prepararsi per un disastro che molti potrebbero aspettarsi.

“Nessuno si è preso la responsabilità di questi incendi e non abbiamo più nulla”, ha detto Khadija Cinar, residente nell’area.

Cinar ha detto che il villaggio non è adatto per coltivare ortaggi o allevare animali, quindi l’unico modo di vivere che conoscono è coltivare foglie di alloro – aveva 500 alberi, che sperava avrebbero dato un futuro a suo figlio di 18 anni, ma sono stati tutti distrutti.

“Con la foresta, abbiamo perso tutto”, ha detto.

Gli abitanti del villaggio si riuniscono a Sirtkoy per guardare gli incendi nel villaggio di Sirtkoy [Emre Caylak/Al Jazeera]

Area dei tour di Erdogan

Durante il fine settimana, il presidente Recep Tayyip Erdogan e altri ministri del governo hanno visitato le comunità devastate dal fuoco per ispezionare i danni e offrire le loro condoglianze.

“Continueremo a prendere tutte le misure necessarie per curare le ferite della nostra nazione, compensare le sue perdite e migliorare le sue possibilità”, ha affermato Erdogan, impegnandosi a fornire sostegno finanziario alle persone colpite. Le misure annunciate includevano la copertura di affitti, differimenti fiscali, previdenza sociale e pagamenti del credito, oltre a offrire credito senza interessi alle piccole imprese.

READ  Israele e Hamas accettano un cessate il fuoco per porre fine alla sanguinosa guerra di 11 giorni

“Non possiamo fare altro che augurare la misericordia di Dio alle vite che abbiamo perso, ma possiamo sostituire tutto ciò che è stato bruciato”, ha detto Erdogan.

Alcuni hanno criticato il governo turco per aver gestito il disastro, in particolare per la mancanza di aerei antincendio nel Paese. Invece, bombe d’acqua sono state mobilitate da Ucraina, Russia, Azerbaigian e Iran per aiutare, e l’Unione Europea ha detto domenica che ne invierà altre tre.

Con le risorse scarse nelle aree colpite dal fuoco, i vigili del fuoco dei comuni di tutto il paese sono stati inviati per aiutare. Squadre di volontari si sono riunite per fornire sostegno agli sfollati, compresi membri del Partito comunista di Antalya, che da giovedì visitano i siti colpiti per donare vestiti, cibo e acqua fredda.

“Le persone stanno attraversando tempi molto, molto difficili, ma il governo dovrebbe farlo con le nostre tasse, non noi”, ha detto il volontario Jim Tillan. “Era previsto. Questo non è il destino, puoi gestire i danni che causano questi incendi”.

Nel villaggio di Kalimler, Mitad Acre, 63 anni, e sua moglie Hatice Acre, 61 anni, stavano preparando un’auto davanti alle rovine della loro casa con donazioni di verdure e altri generi alimentari dalla Disaster and Emergency Management Administration, o AFAD.

Hanno detto che l’intero villaggio è stato distrutto tre giorni fa in 45 minuti e l’unica cosa che è sopravvissuta al caldo sono stati i loro gioielli.

“Mi sono avvicinato ai 35 chilometri (22 miglia) ed ero molto nervoso e non sapevo cosa fare”, ha detto Acre.

“Il mio trattore è bruciato e tutto il resto: 50 anni di lavoro sono finiti in pochi minuti. Ma Erdogan è venuto oggi e ci ha detto che il governo ci darà nuovi trattori la prossima settimana e case tra un anno”.

Acre Institute, 63 anni, davanti alla casa della sua famiglia e ai fienili bruciati nel fuoco [Emre Caylak/Al Jazeera]

“Con il cambiamento climatico, gli incendi cresceranno”

Heidi Gondis, presidente del gruppo ambientalista A Platform, ha affermato che il governo ha ricevuto un avvertimento 15 anni fa dopo gli ultimi incendi insolitamente grandi a Manavgat che il riscaldamento globale avrebbe probabilmente causato di più, ma non è stato fatto nulla.

READ  La guerra dovrebbe scoppiare in Afghanistan?

Ha detto che oltre alla necessità di aerei con bombardamenti d’acqua per affrontare rapidamente gli incendi, il governo dovrebbe tenere seminari per addestrare i residenti delle aree ad alto rischio su come prevenire gli incendi.

“Ci vogliono 30-40 anni perché un albero cresca. Potrebbero volerci 50 anni per recuperare ciò che avevamo, ma non abbiamo l’acqua di cui abbiamo bisogno come una volta”.

Tuttavia, questo non è l’unico segnale recente che la Turchia sta lottando per affrontare il cambiamento climatico: a maggio, un lago nella provincia orientale di Van, in Turchia, si è completamente prosciugato. Uccelli migratori come i fenicotteri sono stati trovati morti in massa quest’anno mentre le pozze d’acqua scompaiono, la siccità ha causato buche nell’Anatolia centrale e la scorsa settimana sei persone sono morte in inondazioni improvvise nella regione turca del Mar Nero.

Dal dicembre dello scorso anno, il “muco marino” denso e antiestetico, causato dall’aumento della temperatura del mare e dall’inquinamento, ha dominato il Mar di Marmara, soffocando il turismo e privando i pescatori locali dei loro mezzi di sussistenza.

Per riprendersi dagli incendi, la chiave non è ripiantare come potrebbe sembrare, ma lasciare le foreste a se stesse, ha affermato Ismail Bekir, ecologista antincendio.

“Questi ecosistemi e incendi mediterranei sono stati così per centinaia di migliaia, o addirittura milioni, di anni, anche se più piccoli”, ha detto, aggiungendo che le forti leggi sulla protezione delle foreste della Turchia rendono più probabili tali disastri.

Considerando che in alcuni paesi, come gli Stati Uniti, le ustioni controllate vengono utilizzate per rimuovere la foresta di foglie secche e altri detriti che fungono da combustibile per gli incendi che la Turchia non consente, provocando incendi naturali più grandi e più difficili da controllare.

“Dobbiamo includere le foreste nella pianificazione urbana perché questo disastro ha dimostrato che gli incendi boschivi hanno ormai raggiunto una scala tale da minacciare le aree urbane”, ha affermato.

“Con il cambiamento climatico, farà più caldo e gli incendi aumenteranno”.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Qual è stata la causa della morte di Guru Jagat?
Next Post 2K Games annuncerà un nuovo gioco questo mese