In Francia, un classico italiano domina la crescita delle vendite di formaggio nel 2020

“Come si può governare un paese con 246 tipi di formaggio?” Una volta ha chiesto al politico francese Charles de Gaulle. / CFP

“Come si può governare un paese con 246 tipi di formaggio?” Una volta ha chiesto al politico francese Charles de Gaulle. / CFP

In Francia, il Rockford blu porta il titolo di “Roy des Fromages” o il re del formaggio, ma dominato da un altro picco di genere nel 2020 – nemmeno il francese.

La mozzarella ha visto le sue vendite nei terreni di Camembert e Bree aumentare del 21,2% lo scorso anno, più di qualsiasi altro preferito dai circuiti stampati.

Ma il classico italiano non è straniero. L’appetito per il formaggio era forte su tutta la linea entro il 2020, poiché COVID-19 offriva comfort, praticità e infinite possibilità di cucina francese in cucina durante le serrature.

Durante le epidemie, il consumo domestico di formaggio “batte tutti i record” Passi, Rivista agroalimentare francese.

Le vendite complessive di formaggi inorganici da latte vaccino sono aumentate del 9,4%, quelle prodotte da latte di capra del 7,2% e del 5,5% da latte di capra, citando i dati dell’agenzia francese per l’agricoltura e la pesca, FranceAgrimer. .

Soprattutto, quest’anno il formaggio di capra biologico è aumentato del 32,2%.

Questo è uno dei motivi della celebrazione per i produttori di formaggio e i produttori di formaggio che non vedevano l’ora che l’epidemia durasse le vendite in questo periodo dell’anno scorso.

A quel tempo, le società di servizi di ristorazione iniziarono a chiudere i battenti, le esportazioni si stavano riducendo man mano che le frontiere internazionali venivano chiuse e mentre l’incertezza aleggiava nell’aria, gli acquirenti riempivano i loro carrelli di beni di prima necessità.

“Molti produttori e aziende in tutta la Francia sono a rischio”. Ha avvertito Terre de LightLo scorso aprile l’industria lattiero-casearia francese ha dichiarato: “I consumatori in carcere escludono i cibi” piacevoli “, compreso il loro piatto di formaggi”.

Ha avvertito che le vendite di alcuni formaggi sono diminuite del 60% dal lancio di COVID-19 nel paese. Questa interruzione ha minacciato i mezzi di sussistenza delle piccole imprese e tonnellate di formaggi pronti per il mercato rischiano di marcire.

L’organizzazione ha lanciato una campagna chiamata “Fromakisens” o “Let’s Work for Cheese”, chiedendo ai francesi di salire sul piatto e sgranocchiare il formaggio – sembra che abbiano sentito.

Chiamato per la fusione e l’utilizzo in una nave con lo stesso nome, Roselett ha registrato un aumento delle vendite del 12,2% nel 2020, seguita da Comte (8,2%) ed Emmental (7,8%).

Le vendite di Coulomiers e Camembert – formaggi cremosi e molli – sono aumentate rispettivamente del 5,6% e del 2,2%, a seguito di una crescita più lenta. Secondo Les Marches, Rockford ha anche aumentato la sua ultima tendenza al ribasso del 5,4% nelle vendite annuali.

Quando le giornate si fanno lunghe, il formaggio può aiutare a rendere la vita chiusa in Francia un po ‘più piacevole servendo fast food in movimento o riunendo le persone – online o sotto lo stesso tetto possibile. Per incontri di fonduta o rucola.

READ  Ristorante italiano aggiornato ad alto rischio dopo lo spavento del Queensland COVID

In effetti, le fasi di fusione del formaggio sono diventate popolari durante la seconda serrata del paese, iniziata in ottobre. Le vendite di macchine per racchette in alcuni negozi sono aumentate del 300% a novembre, quando le temperature sono scese e i francesi hanno accettato di accettare cibo invernale fatto in casa, ha detto Le Picaro.

“Lo sentiamo [the machines] Acquisti per uso immediato e familiare “, ha detto Bowlinger, portavoce di Home Appliances and Electronics Store.

Ma poi di nuovo, coloro che hanno scoperto Joey de Vivre non hanno davvero bisogno di un motivo per mangiare il formaggio. Dopotutto, i pezzi medi di latte francese, sciolti, grigliati fino a 27,2 chilogrammi, secondo i dati della International Dairy Federation 2016, si collocano al quarto posto a livello mondiale.

Si potrebbe sostenere che non ci sia cedro disponibile oltre a questo!

Emanuele Schiavone

"Appassionato ninja della birra. Risolutore di problemi estremi. Pensatore. Appassionato di web professionista. Avido comunicatore. Piantagrane hardcore. "

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post La pop art italiana resta per le strade: mostra di Mario Shifano a Sima
Next Post Il Gucci Beach Club rivela la sua atmosfera costiera italiana a bordo piscina negli hotel Virgin