In esclusiva Vodafone e Iliad in trattative per la fusione di unità italiane – fonti

LONDRA (Reuters) – Le società di telecomunicazioni Vodafone (VOD.L) ed Eliade sono in trattative per raggiungere un accordo in Italia che unisca le loro società nel tentativo di porre fine alla forte concorrenza nella terza economia dell’eurozona. Fonti che hanno familiarità con la questione hanno detto a Reuters.

Le fonti, che hanno parlato in condizione di anonimato, hanno affermato che le discussioni tra le due società sono in corso e le due parti stanno studiando attivamente le modalità per concludere una partnership tra le loro società in Italia.

Una fonte ha affermato che Iliad, che farà il suo debutto nella banda larga cablata in Italia il 25 gennaio, sta lavorando con la banca d’investimento Lazard (LAZ.N) sui suoi piani strategici in Italia, avvertendo che un accordo non è certo.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Se l’accordo avrà successo, creerà una potenza di comunicazione con una penetrazione del mercato mobile di circa il 36% e un fatturato combinato di quasi 6 miliardi di euro (6,80 miliardi di dollari).

Elias e Vodafone si sono rifiutati di commentare, mentre Lazard non è stato subito disponibile a commentare.

Eliade, guidato dal fondatore del miliardario Xavier Neal, ha esaminato le opzioni di espansione in Italia negli ultimi mesi mentre cerca di sfruttare la febbre degli accordi nel settore delle telecomunicazioni italiano per accelerare il consolidamento e arginare una guerra dei prezzi che ne ha ridotto i margini. Lo hanno detto le fonti.

Le discussioni arrivano mentre l’attuale Telecom Italia (TLIT.MI) sta ancora valutando un approccio di acquisizione da 10,8 miliardi di euro (12,25 miliardi di dollari) dal fondo statunitense KKR (KKR.N) che mira a rendere privato il più grande gruppo telefonico italiano. Per saperne di più

READ  I rendimenti obbligazionari dell'Eurozona aumentano in mezzo al commercio debole

Neil, che ha fondato l’Iliad nel 1990 ed è un membro del consiglio di KKR come amministratore indipendente del consiglio, vuole interpretare il ruolo di kingmaker nel frammentato mercato delle telecomunicazioni italiano dove ha lanciato una violenta guerra dei prezzi nel 2018, quando l’Iliad ha fatto la sua prima incursione in Italia.

I dirigenti del settore hanno ripetutamente esortato a perseguire fusioni di quattro o tre operatori di telecomunicazioni che potrebbero sbloccare sinergie di costo e aumentare i margini di profitto tagliando l’attuale numero di operatori mobili in Italia, ovvero TIM, Vodafone, WindTre e Iliad.

Benedetto Levi, presidente dell’Iliade italiana, ha dichiarato il 13 gennaio che l’azienda francese era aperta all’acquisto di un concorrente.

“Se un’azienda, in tutto o in parte, si renderà disponibile sul mercato, la valuteremo senza alcuna premonizione”, ha detto al quotidiano finanziario Il Sole 24 Ore.

In precedenza, il 17 novembre il capo di Vodafone, Nick Read, aveva affermato che il consolidamento era necessario in Europa, in particolare in Italia, Spagna e Portogallo dove “tutti i giocatori stanno soffrendo”.

Ostacoli

Il fatturato annuo di Vodafone è di circa 5 miliardi di euro in Italia e la penetrazione del mercato è del 28,5% tra i clienti mobili, secondo l’AGCOM, il watchdog italiano delle telecomunicazioni.

Invece, Iliad è molto più piccola, con la sua unità italiana che registra un fatturato annuo di 674 milioni di euro nel 2020 e una quota di mercato mobile di circa il 7,7%, secondo l’AGCOM. Ma l’azienda ha fatto bene durante la pandemia, con le vendite del terzo trimestre in aumento del 21% a 207 milioni di euro nel 2021.

READ  Partnership tra Telecom Italia e Cisco Business Cloud Services

Qualsiasi associazione tra le due società dovrebbe ottenere la benedizione sia di Roma – che vede l’infrastruttura di telecomunicazioni del Paese come un asset di interesse strategico – sia delle autorità di regolamentazione antitrust europee che si sono pronunciate contro precedenti tentativi di fusione in Europa, comprese le tre acquisizioni della britannica O2 nell’anno 2000, ha detto una delle fonti. 2016.

La stessa Iliad è stata autorizzata ad entrare in Italia come parte di un pacchetto di trattamento che Vimpelcom e Hutchison hanno negoziato con le autorità di regolamentazione europee per integrare le operazioni mobili italiane nel 2016 senza modificare il numero di attori esistenti.

L’anno scorso, Neil ha fatto un’offerta da 3,1 miliardi di euro per prendere il pieno controllo di Iliad e poi ha cancellato la società dalla borsa di Parigi, indicando la sua intenzione di trasformare il gruppo nella “prima compagnia di telecomunicazioni in Europa”.

(1 dollaro = 0,8818 euro)

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Pamela Barbaglia riporta a Londra ed Elvira Paulina a Milano), Reportage aggiuntivo di Matteo Rosmin a Parigi. Montaggio di Louise Heavens

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post La star di Batman Burt Ward parla della sua amicizia con Adam West: “Abbiamo appena cliccato”
Next Post Risultati UFC270: Normakomedov afferma che ci vogliono solo 47 secondi per far uscire Cody Stamon dalla brutta strozzatura della ghigliottina.