In Afghanistan, i talebani costringono le donne divorziate a tornare dai loro ex mariti violenti

In Afghanistan, i talebani costringono le donne divorziate a tornare dai loro ex mariti violenti

In Afghanistan, il divorzio è spesso più tabù dell’abuso stesso.

Kabul:

Abusata per anni dal suo ex marito che le ha rotto tutti i denti, Marwa si è nascosta con i suoi otto figli dopo che i leader talebani hanno strappato il suo divorzio.

Marwa è stata una delle poche donne a cui, sotto il precedente governo sostenuto dagli Stati Uniti, è stata concessa la separazione legale in Afghanistan, dove le donne non hanno quasi alcun diritto e la violenza domestica è diffusa.

Quando le forze talebane sono salite al potere nel 2021, suo marito ha affermato di essere stato costretto a divorziare e i comandanti le hanno ordinato di restituirla alle sue grinfie.

“Le mie figlie e io abbiamo pianto molto quel giorno”, ha detto all’AFP Marwa, 40 anni, il cui nome è stato cambiato per la sua protezione.

“Mi sono detto: oh Dio, Satana è tornato”.

Aderendo a una rigida interpretazione dell’Islam, il governo talebano ha imposto severe restrizioni alla vita delle donne che le Nazioni Unite hanno definito “apartheid di genere”.

Gli avvocati hanno detto ad AFP che molte donne avevano denunciato matrimoni violenti dopo che i leader talebani avevano annullato i loro divorzi.

Per mesi, Marwa ha subito un nuovo ciclo di percosse, mentre era chiusa in casa, le sue mani erano rotte e le sue dita rotte.

Ha detto: “Ci sono stati giorni in cui ho perso conoscenza e le mie figlie mi davano da mangiare”.

“Mi stava tirando i capelli così forte che sono diventato parzialmente calvo. Mi picchiava così forte che tutti i miei denti erano in frantumi”.

Raccogliendo le forze per andarsene, è fuggita per centinaia di chilometri verso la casa di un parente con le sue sei figlie e due figli, che hanno tutti assunto nomi fittizi.

“I miei figli dicono: ‘Mamma, va bene se stiamo morendo di fame. Almeno ci siamo sbarazzati degli abusi'”, ha detto Marwa, seduta sul pavimento nudo della sua casa, legando un filo di rosari.

Temendo che suo marito la scoprisse, disse: “Nessuno ci conosce qui, nemmeno i nostri vicini”.

L’Islam permette il divorzio.

Secondo la Missione delle Nazioni Unite in Afghanistan, 9 donne su 10 subiranno violenze fisiche, sessuali o psicologiche da parte dei loro partner in Afghanistan.

Tuttavia, il divorzio è spesso più tabù dell’abuso stesso e la cultura rimane spietata nei confronti delle donne che si separano dai loro mariti.

Sotto il precedente governo sostenuto dagli Stati Uniti, i tassi di divorzio sono aumentati costantemente in alcune città, poiché i piccoli guadagni nei diritti delle donne erano in gran parte limitati all’istruzione e all’occupazione.

Nazifah, un avvocato che ha gestito con successo circa 100 casi di divorzio per donne maltrattate ma non è più autorizzato a lavorare nell’Afghanistan governato dai talebani, ha detto che una volta le donne hanno incolpato il loro destino per quello che è successo loro.

Con la crescente consapevolezza, le donne si sono rese conto che è possibile rompere con un coniuge violento.

Nazifah, che ha voluto solo dare il suo nome, ha spiegato: “Quando non c’è più armonia nel rapporto tra marito e moglie, anche l’Islam permette il divorzio”.

Sotto il regime deposto, sono stati istituiti tribunali della famiglia con giudici e avvocati donne per giudicare tali casi, ma le autorità talebane hanno reso il nuovo sistema giudiziario un affare per soli uomini.

Nazifah ha detto ad AFP che cinque dei suoi ex clienti hanno riferito di trovarsi nella stessa situazione di Marwa.

Un altro avvocato, che ha chiesto l’anonimato, ha detto ad AFP di aver recentemente assistito a un caso giudiziario in cui una donna stava lottando contro il ricongiungimento forzato con il suo ex marito.

Ha aggiunto che i casi di divorzio sotto il governo talebano sono limitati al marito che era tossicodipendente o ha lasciato il paese.

“Ma nei casi di violenza domestica o quando il marito non acconsente al divorzio, il tribunale non lo concede”, ha detto.

Una rete nazionale di rifugi e servizi che sosteneva quasi interamente le donne è crollata, mentre il Ministero per gli affari femminili e la Commissione per i diritti umani sono stati spazzati via.

‘bussare alla porta’

Sana aveva 15 anni quando sposò suo cugino, che aveva 10 anni più di lei.

“Mi picchiava se nostro figlio piangeva o il cibo non era buono”, ha detto, preparando il tè su una stufa a gas nella casa in cui viveva di nascosto.

“Diceva che le donne non hanno il diritto di parlare.”

Con l’aiuto di un progetto di servizio legale gratuito, ottiene il divorzio dal marito in tribunale, ma il suo sollievo va in frantumi quando i leader talebani si separano.

Dopo essere stata minacciata di perdere la custodia delle sue quattro figlie, è tornata dall’ex marito, che a quel tempo aveva sposato un’altra donna.

È fuggita dopo l’annuncio del fidanzamento delle figlie con membri talebani.

Sana ha detto: “Le mie figlie hanno detto: ‘Oh, mia madre, ci suicideremo’”.

Riuscì a racimolare qualche soldo, fuggì con i figli e, con l’aiuto di un parente, trovò una casa di una sola stanza, arredata solo con una stufa a gas e qualche cuscino su cui dormire.

“Ogni volta che busso alla porta, ho paura che mi abbia trovato e venga a portare via i bambini”.

disagio per i bambini

Un funzionario talebano ha detto ad AFP che le autorità esamineranno tali casi in cui donne precedentemente divorziate sono state costrette a tornare dai loro ex mariti.

“Se riceviamo tali reclami, li indagheremo secondo la legge della Sharia”, ha detto Inayatullah, portavoce della Corte Suprema talebana, che come molti afghani usa un solo nome.

Alla domanda se il regime talebano riconoscerà il divorzio concesso sotto il governo precedente, ha detto: “Questa è una questione importante e complessa”.

“Dar al-Ifta sta esaminando la questione. Quando raggiungerà una decisione unificata, vedremo”, ha detto, riferendosi a un’istituzione affiliata al tribunale che emette sentenze della Sharia.

Per Marwa e le sue figlie, sopravvissute cucendo vestiti, il trauma ha lasciato profonde ferite psicologiche.

“Temo di non poterle sposare”, disse Marwa, guardando le sue figlie.

“Mi dicono, mamma, vedi quanto è stata brutta la tua vita, odiamo la parola marito.”

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata dallo staff di NDTV ed è stata pubblicata da un feed sindacato.)

Video in primo piano della giornata

Amitabh Bachchan ferito a Hyderabad: ‘Il movimento e la respirazione fanno male’

READ  Casi di coronavirus negli Stati Uniti: il panel repubblicano accusa la Cina di aver diffuso il virus mentre i casi negli Stati Uniti aumentano | notizie dal mondo

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *