Imran Khan attacca i talebani e mette in guardia contro il controllo delle fazioni estremiste | notizie dal mondo

NUOVA DELHI: Paura, panico e un cauto ottimismo: questo è stato l’approccio generale mentre i paesi di tutto il mondo si affannano per elaborare la politica afgana sulla scia dell’acquisizione talebana.
Nessun paese, alleato o meno degli Stati Uniti, ha mostrato il desiderio di riconoscere il governo talebano o di prendere le sue affermazioni alla lettera.
Tuttavia, c’è un’eccezione: il Pakistan.
Islamabad è stato tra i soli tre paesi che hanno riconosciuto il precedente governo talebano. Ancora una volta, si è affrettato a comprare la legittimità dei talebani in un gran numero di forum internazionali, dalle Nazioni Unite all’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai.

I ministri pakistani hanno cercato di sconfiggere la leadership mondiale per impegnarsi con i talebani. Finalmente il Primo Ministro Imran Khan Ha detto che il fallimento nel trattare con i talebani potrebbe “spingere il gruppo indietro di 20 anni”.
In un’intervista con il sito di notizie Middle East Eye a Londra che copre la regione, Khan ha affermato che i guadagni andrebbero persi se i militanti all’interno delle file dei talebani fossero autorizzati a conquistare l’area.
Khan ha avvertito che l’Afghanistan potrebbe ricadere nel caos e diventare un terreno fertile per gruppi terroristici come l’ISIS, e ha messo in guardia contro l’isolamento del paese e l’imposizione di sanzioni.
“Cosa mostreranno gli Stati Uniti tra 20 anni? Pertanto, un governo stabile dell’Afghanistan in grado di affrontare l’ISIS e i talebani è la migliore scommessa per affrontare l’ISIS”, ha detto Imran.
E prendendo in giro gli Stati Uniti, ha affermato che il Paese ha dovuto “riprendersi” dal trauma subito dopo il ritiro delle truppe dall’Afghanistan.

READ  Ragazza afgana salta sulla pista dell'aeroporto belga, Twitter dice: "La migliore foto dell'anno"

Sui diritti delle donne, Khan ha affermato che i talebani dovrebbero essere motivati ​​a “portare avanti la conversazione” e ha ricordato le loro garanzie sui diritti delle donne al lavoro e all’istruzione.
Il nuovo regime afghano ha mostrato pochi segni di riforma e modernizzazione rispetto al suo spirito islamico altamente conservatore del 1996-2001. Alle donne è stato vietato di lavorare in molti luoghi, sono state imposte severe restrizioni nelle istituzioni educative e sono stati emessi codici di abbigliamento.
Gli osservatori ritengono che la formazione dell’attuale governo di Kabul, con una rappresentanza squilibrata dei militanti, sia stata segretamente progettata dal Pakistan e dalle sue agenzie. Sher Muhammad Stanekzai e il mullah Abdul Ghani Baradar, considerati voci moderate, hanno ricevuto meschine posizioni nel governo. La visita dell’ex capo dei servizi segreti pakistani a Kabul nei giorni precedenti la formazione del governo ha dato più credibilità a questa idea.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Tom Bergeron “licenziato” da DWTS dopo 28 stagioni: “Non sono sorpreso”
Next Post Persono, piattaforma HR per le PMI, raccoglie $ 270 milioni su $ 6,3 miliardi di valutazione, espande l’automazione del flusso di lavoro – TechCrunch