Imprevedibile nel peggiore dei casi, versatile nel migliore dei casi: la capacità dell’Italia di completare la rinascita dipenderà dall’efficacia sotto porta – News Sport, Firstpost

Sebbene dinamiche, le Azzorre non sono perfette; La mancanza di un marcatore chiaro per guidare le loro linee è una mancanza lampante. Mentre Ciro Immobile e Andrea Belotti hanno avuto stagioni prolifiche con i loro club, non hanno guadagnato quel nono posto con la loro nazionale.

Imprevedibile nel peggiore dei casi e versatile nel migliore dei casi, l’Italia può creare ampie opportunità ed essere molto efficace nel supportare la propria linea di difesa, ma se riuscirà a completare la sua rinascita dipenderà da quanto sarà forte sotto porta. Agenzia di stampa Francia

Cauto, cinico e ottimista: da decenni il calcio italiano si è caratterizzato sulla scena internazionale per la sua forte aura difensiva e un centrocampo tecnicamente abile. Tuttavia, il ridicolo totale dell’orgogliosa nazione calcistica è arrivato quando non sono riusciti a qualificarsi per la Coppa del Mondo FIFA 2018, poiché sono state poste domande difficili non solo all’allora allenatore Gian Piero Ventura, ma hanno anche portato alle dimissioni di Carlo Tvecchio, presidente dell’Italia. FIFA.

Appena tre anni dopo, gli Azzurri apriranno in allegria la stagione degli Europei, qualificandosi con un record perfetto e dopo otto vittorie consecutive. Giocando tutte le partite della fase a gironi comodamente dallo Stadio Olimpico di Roma, i campioni del mondo 2006 sono i favoriti per il primo posto nel Gruppo A, che comprende anche Turchia, Galles e Svizzera. Lontano dall’estate da incubo del 2018, una piccola rivoluzione culturale è scoppiata nel calcio italiano, gettando le basi per il ritorno di questa estate.

Mancini porta l’Italia fuori dal buio“,”Gli Azzurri scoprono la loro nuova identità sotto la guida di Mancini– Ho letto alcuni titoli negli ultimi due anni in cui la tutela di Roberto Mancini ha reso la squadra di calcio italiana un’unità competitiva ancora una volta sulla scena internazionale. Ma cosa ha preso esattamente Mancini per portare qui l’Italia?

READ  I vogatori della marina raccolgono quattro medaglie ai Mondiali U-23 del 2021 2021

L’ex allenatore dell’Inter ha optato per uno schema semplificato per ottenere il meglio dal suo attuale pool di stelle, preferendo entrare in una formazione 4-3-3 e consentire alla familiarità di prosperare nella squadra mentre modellava costantemente i suoi giocatori in uno stile adatto non solo ai loro punti di forza, ma anche uno su misura per i campionati di calcio. A differenza di molte nazionali riconfermate, Mancini ha scelto di continuare con i suoi generali difensivi Giorgio Chiellini e Leonardo Bonucci, entrambi difensori centrali della vecchia scuola che facilitano la propensione pragmatica del loro allenatore per il calcio basato sul possesso palla. Mentre la maggior parte delle squadre moderne apprezza lo stile offensivo delle loro schiene piegate su ampi spazi sovraccarichi, Mancini preferisce spesso una configurazione asimmetrica in cui una delle sue spalle si trova un po’ più in profondità se l’altro va in una gara audace.

Euro 2020 nel peggiore dei casi imprevedibile, diversità nei migliori giocatori italiani, capacità di completare il rinascimento dipenderà dall'efficacia sotto porta

Non solo Mancini ha fatto molto affidamento sulla sua tripletta a centrocampo per superare in astuzia avversari intelligenti, ma la disponibilità di giocatori come Lorenzo Insigne, Federico Bernardeschi e Federico Chiesa sulle fasce gli ha permesso di orchestrare momenti energizzanti da questi attaccanti di grande talento. Agenzia di stampa Francia

Per gentile concessione di Gianluigi Donnarumma, uno dei giocatori europei più rispettati sul cessate il fuoco che dovrebbe essere nel bel mezzo di una guerra di offerte quest’estate dato il suo status di Bosman, l’Italia ha avuto una transizione quasi perfetta dalla brillantezza di Buffon ai vecchi tempi. Le comprovate prestazioni di Donnarumma, unite a una difesa antica come il buon vino, hanno reso l’Italia impenetrabile nelle retrovie, avendo subito solo due gol negli ultimi due anni solari.

Rompendo con l’ideologia del passato del controllo laterale del possesso, questa squadra italiana attuale è abile nel costruire un gioco paziente attraverso il centro sfruttando le lacune nelle linee difensive avversarie, come nel pressing alto sul campo. Con una pletora di centrocampisti e attaccanti larghi che creano in modo proattivo occasioni nel panorama in rapida evoluzione della Premier League. Jorginho, il giocatore con il maggior numero di minuti in campo durante il mandato di Mancini, costituisce il nucleo del centrocampo, spruzzando passaggi corti, lunghi, verticali e diagonali – le sue debolezze difensive spesso nascoste nell’impostazione attuale.

Marco Verratti, il cui Glee Azzurri sta ancora sudando a causa del suo fisico alla vigilia della prima sfida contro la Turchia, è una forza assoluta cruciale non solo per l’estro creativo che la squadra di Mancini offre, ma anche per la loro scarsa difesa.

Manuel Locatelli del Sassuolo è un abile sostituto del centrocampista del Paris Saint-Germain. Mentre Verratti ha avuto una presenza costante ai vertici del calcio europeo, è stata l’ascesa alla ribalta di Nicolo Parilla che ha aggiunto un vantaggio in attacco. La comprensione di Parilla dello spazio sulla linea e della fuga dalla palla per rendere più facile per i suoi compagni di squadra sfruttare quelle lacune nella difesa avversaria è stata dimostrata più volte nella stagione di campionato appena conclusa in cui Antonio Conte è emerso vittorioso. Mancini si aspetta che Parilla sia una pietra miliare della sua squadra in modo simile e finora, il 24enne ha risposto con brillantezza costante.

Non solo Mancini ha fatto molto affidamento sulla sua tripletta a centrocampo per superare in astuzia avversari intelligenti, ma la disponibilità di giocatori come Lorenzo Insigne, Federico Bernardeschi e Federico Chiesa sulle fasce gli ha permesso di orchestrare momenti energizzanti da questi attaccanti di grande talento. “La prima regola è segnare e non subire gol, ma l’elemento chiave è creare spirito di squadra. Ecco perché le cose sono andate così bene finora”, ha annunciato Mancini la scorsa settimana quando gli è stato chiesto come la sua squadra abbia costantemente mostrato precisione e compostezza, indipendentemente dagli individui che li hanno scelti.

Riconoscendo di aver accettato il lavoro per tutta la vita, ha aggiunto, è sempre stata una questione di sfide, aggiungendo: “Dobbiamo fare tutto il possibile per riportare l’Italia in cima al mondo”.

Sebbene dinamiche, le Azzorre non sono perfette; La mancanza di un marcatore chiaro per guidare le loro linee è una mancanza lampante. Mentre Ciro Immobile e Andrea Belotti hanno avuto stagioni prolifiche con i loro club, non hanno guadagnato quel nono posto con la loro nazionale.

Con entrambi gli attaccanti che preferiscono giocare alle spalle dei difensori avversari, trovare spazio dietro l’ultima linea di difesa è il loro punto di forza: un piano d’azione che l’Italia difficilmente adatterà, dato che i suoi due connazionali del Gruppo A Galles e Svizzera preferiscono sedersi indietro e assorbire la pressione. . Anche negli knockout in cui è molto probabile che le Azzorre siano coinvolte, raramente incontrano squadre che danno loro quello spazio per lavorare.

Imprevedibile nel peggiore dei casi e versatile nel migliore dei casi, l’Italia può creare ampie opportunità ed essere molto efficace nel supportare la propria linea difensiva, ma se riuscirà a completare la sua rinascita dipenderà da quanto sarà forte davanti alla porta – semplicemente nascondere le sue debolezze non lo farà. Cancella l’umiliazione precedente, solo la purezza impeccabile può raggiungere questo obiettivo.

Ravenna Bianchi

"Esperto di tv estremo. Fanatico della birra. Amichevole fan del bacon. Comunicatore. Aspirante esperto di viaggi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Recensione: Ratchet & Clank: Rift Apart non sta reinventando il franchise – e va bene
Next Post Nuove specie di dinosauri scoperte in Australia