Imprenditore italiano fa causa al Tesoro degli Stati Uniti per errore blockchain | Notizie americane

Un piccolo imprenditore in Italia si sta preparando a citare in giudizio il Tesoro degli Stati Uniti dopo che Donald Trump è stato accidentalmente sottoposto a sanzioni prima di dimettersi da presidente.

Alessandro Pasoni, che possiede una società di grafica in Sardegna, non è più in grado di commerciare dal 19 gennaio, quando sono state imposte le sanzioni nell’ambito della repressione dell’amministrazione Trump sul petrolio greggio venezuelano.

Nel caso di un’identificazione errata, il Tesoro degli Stati Uniti ha travisato la società di progettazione grafica di Bassoni, Seriographic Lab, e possedeva un ristorante a Verona e un altro imprenditore, la pizzeria, Alessandro Basoni. Entrambi sono stati rimossi dalla lista nera il 31 marzo. Ma poiché il conto bancario del proprietario del ristorante è stato riattivato, l’errore ha portato alla chiusura del conto dell’imprenditore sardo.

“Questo è un difetto significativo da parte loro e ha gravi implicazioni in quanto mi impedisce di lavorare”, ha detto.

Pasoni, che lavora in modo autonomo, ha potuto prelevare denaro dal suo conto, ma non poteva più commerciare perché secondo la legge italiana, aveva bisogno di un conto in banca per ricevere denaro dai clienti. La mancanza di un conto bancario significa che non potrà accedere all’assistenza finanziaria che riceve nell’ambito del programma di soccorso Covit-19 del governo italiano.

“Devo andare in un’altra banca per vedere se posso aprire un conto lì”, ha detto. “Ma per ora, non riesco a gestire abbastanza bene la mia attività, quindi ho iniziato a cercare altri lavori”.

Bassoni dice che il Tesoro Usa non gli ha comunicato le sanzioni e non ha chiesto scusa per l’errore.

READ  Parola del giorno: "Onomastigo"

“L’unico avviso che ho ricevuto è stato dalla mia banca che diceva che il mio conto sarebbe stato chiuso”, ha detto.

Ha presentato una denuncia legale alla polizia italiana con l’intenzione di perseguire una sezione del Tesoro degli Stati Uniti presso l’Office of Foreign Property Control.

Nel tentativo di forzare le dimissioni del presidente Nicolas Maduro, che gli Stati Uniti hanno accusato di corruzione, violazioni dei diritti umani e la sua nuova frode del 2018, nel 2019 l’amministrazione Trump ha imposto sanzioni alla compagnia petrolifera statale venezuelana, Patrilios de Venezuela. (PTVSA). Elezione. Nel suo ultimo giorno in carica, Trump ha autorizzato una rete di compagnie petrolifere e individui affiliati alla PTVSA.

Un funzionario del Tesoro ha detto a Reuters a gennaio che il dipartimento si è reso conto che le società erano di proprietà di individui diversi da Pasoni, che era elencato nella lista nera.

Il Guardian ha contattato il Tesoro per una risposta alla causa dell’imprenditore sardo. “Prima di tutto devo scusarmi”, ha detto Pasoni.

Emanuele Schiavone

"Appassionato ninja della birra. Risolutore di problemi estremi. Pensatore. Appassionato di web professionista. Avido comunicatore. Piantagrane hardcore. "

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Espressione italiana del giorno: ‘Follow e pasta’
Next Post I Blackhawks hanno smesso di pattinare a 2 partite e hanno battuto gli Stars 4-2